Cade Bper (-4,7%) Sprint di Autogrill

Seduta a due facce per Piazza Affari che, in linea col resto d’Europa, a parte Madrid debole fin dall’avvio, ha chiuso in calo dopo un mattinata positiva: il Ftse Mib ha lasciato sul terreno lo 0,74% a 13.057 punti, aggrappandosi a soglia 13.000. Hanno pesato, soprattutto, i titoli finanziari, indeboliti dai timori per la situazione delle banche spagnole, a partire da Bankia.
Con uno scivolone del 4,75%, Bper è stata la peggiore sul listino principale, seguita da Banco Popolare (-3,7%), Mediolanum (-3,6%) e Bpm (-2,5%); mentre Azimut ha chiuso in controtendenza (+1,94%). Pesante Generali (-2%). Brutta seduta per Telecom (-1,8%), con la Cdp che ha puntato sulla fibra ottica di Metroweb, e per Fiat (-2,2%). Riparte invece Pirelli (+1,5%), reduce da tre sedute di ribassi. Interesse per Autogrill (+1,89%) aiutata anche dalle ipotesi di scorporo delle attività duty free.
Al palo Unipol (-0,05%), deboli Fonsai (-0,81%) e la Milano (-2%), mentre Premafin avanza del 2,46% in attesa delle trattative sui concambi e del verdetto delle Authority sulla fusione.

Commenti