Calcio

"Decisione ingiusta": respinta la richiesta della Roma, cosa dice il regolamento

Udinese-Roma si recupererà ufficialmente giovedì 25 aprile: è questa la data scelta dalla Lega Serie A. Malumore per la società di Trigoria che ha parlato di "condizioni di svantaggio" e "passo indietro" del calcio in Italia

"Decisione ingiusta": respinta la richiesta della Roma, cosa dice il regolamento

Ascolta ora: ""Decisione ingiusta": respinta la richiesta della Roma, cosa dice il regolamento"

"Decisione ingiusta": respinta la richiesta della Roma, cosa dice il regolamento

00:00 / 00:00
100 %
Tabella dei contenuti

Non c'è stato niente da fare: la lettera inviata dalla Roma alla Lega di Serie A immediatamente dopo la vittoria contro il Milan in Europa League non è servita a posticipare il recupero della gara contro l'Udinese che sarà disputato giovedì 25 aprile, alle ore 20, allo stadio "Friuli" ripartendo dal minuto 26 e 30 secondi del secondo tempo, momento esatto in cui l'arbitro Pairetto aveva definitivamente interrotto il gioco per il malore al giallorosso Ndicka. Non è stata accolta la richiesta di rinviare la partita in vista della sfida contro il Bayer Leverkusen, primo atto delle due semifinali, che andrà in scena all'Olimpico il prossimo 2 maggio.

La nota della Lega Serie A

"Il Presidente di Lega Serie A - recita una nota - vista la richiesta della AS Roma di giocare sabato 27 aprile con la SSC Napoli e così rinviare ad almeno metà maggio il recupero dei 18 minuti della gara interrotta con l’Udinese, ha oggi convocato d’urgenza il Consiglio di Lega". Alla base della scelta c'è una motivazione regolamentare per giocare i rimanenti 18 minuti e 30 secondi, più eventuale recupero, nella data del 25 aprile.

Cosa dice il regolamento

"Il Consiglio ha confermato l’applicazione dell’articolo 30, comma 3, dello Statuto della Lega serie A, che prevede che la prosecuzione delle gare interrotte, come nel caso di Udinese-Roma, sia effettuata entro 15 giorni dall’avvenuta interruzione". Secondo il regolamento, quindi, non essendoci nessun altro spazio nei giorni immediatamente precedenti o successivi, l'unico slot disponibile è stato individuato dalla Lega Serie A nel 25 aprile considerata "prima data utile disponibile nell’arco dei 15 giorni previsti dallo Statuto e in orario tale da agevolare l'organizzazione della trasferta per la Società ospite. La data della partita Napoli-Roma sarà conseguentemente fissata tenendo conto anche delle esigenze manifestate dalla AS Roma", conclude la nota della Lega Serie A.

La replica della Roma

La spiegazione non è piaciuta, per nulla, alla società di Trigoria che ha emesso un comunicato stampa spiegando le proprie ragioni e continuando a sottolineare che questo recupero potrebbe svantaggiare i calciatori perché verrebbe meno il giusto recupero per la gara dell'anno, la semifinale d'andata di Europa League contro la squadra allenata da Xavi Alonso che non ha ancora perso nessuna partita da inizio anno. "L’AS Roma, con I suoi risultati europei e quattro semifinali consecutive ha contribuito al ranking UEFA e dunque al quinto slot per le squadre italiane nella prossima Champions League come pochi altri club. Nonostante questo, il Presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini ha oggi avallato un’ingiusta decisione che costringerà la Roma ad affrontare il Bayer 04 Leverkusen, in condizioni di svantaggio - scrive la Roma - Questo rappresenta un chiaro passo indietro per tutto il sistema calcio in Italia. La squadra, i giocatori e lo staff dell'AS Roma riaffermano il proprio impegno a opporsi a questa ingiustificata avversità e a raggiungere, con il supporto dei propri incredibili tifosi, i massimi obiettivi in stagione. Forza Roma!"

Chi si è opposto

Secondo indiscrezioni raccolte dal Corriere dello Sport, la scelta della Lega di Serie A è stata sì motivata dal regolamento sopra

menzionato, ma avrebbero votato contro la richiesta della società giallorossa anche alcuni club di serie A tra cui Verona, Atalanta ed Empoli, i cui voti sarebbero stati decisivi. Altri club, invece, si sarebbero astenuti.

Commenti