Check up tra le guglie del Duomo

I primi a sottoporsi al «check up», intorno alle 8.45, saranno il vicesindaco Riccardo De Corato e gli assessori Giulio Gallera, Giovanni Bozzetti e Gianni Verga, insieme con i diversi consiglieri comunali (primo tra tutti uno dei principali promotori della manifestazione, l’azzurro Stefano Carugo). Pronti, via: saliranno a piedi fino in cima al Duomo, e tra le guglie con vista su Milano troveranno un gruppo di medici pronti a decretare se il loro cuore funziona perfettamente.
È un test a cui potranno sottoporsi dalle 9 alle 14 tutti i cittadini. Torna infatti per il terzo anno «Cuore e salite», occasione per milanesi e turisti di valutare le proprie condizioni di salute. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Irccs Ospedale Maggiore, Mangiagalli e Regina Elena e dalla Seconda Scuola di specializzazione in cardiologia dell’Università per gli studi, col supporto dell’associazione onlus «Per il Policlinico». I cardiologi della Fondazione, sotto la guida del professor Fabio Magrini, misureranno i battiti del cuore prima e dopo la salita al Duomo. Incrociando questi dati con quelli relativi a età, peso, altezza e pratica sportiva, sapranno dare ai partecipanti alla «salita» (politici e non) consigli utili per adottare stili di vita più salutari, sicuramente definibili «salva cuore».
Il test e la salita al Duomo sono gratuiti, fino ad esaurimento dei biglietti disponibili. La manifestazione è patrocinata dal Ministero della Salute, dal Comune e dalla Regione Lombardia.