Cittadini

Modello 730 e Redditi PF: tutte le scadenze per la dichiarazione dei redditi 2023

Con l’avvicinarsi dell’inizio della stagione della dichiarazione dei redditi è tempo di segnare sul calendario le date fondamentali che riguardano i due modelli dichiarativi principali: il 730 e il Redditi Persone Fisiche

Modello 730, tutte le scadenze  della dichiarazione dei redditi 2023

Con l’avvicinarsi dell’inizio della stagione della dichiarazione dei redditi è tempo di segnare sul calendario le date fondamentali che riguardano i due modelli dichiarativi principali: il 730 e il Redditi Persone Fisiche.

La prima data da ricordare è il 30 aprile 2023, quella in cui, salvo proroghe dell’ultimo minuto, l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione del contribuente i modelli precompilati. Da quel momento il contribuente potrà consultare la propria dichiarazione precompilata senza poter, però, agire su di essa.

Solo dal 31 maggio 2023 sarà possibili iniziare a modificare, integrare e inviare il 730 precompilato e il modello Redditi precompilato. Se nella dichiarazione che l’Agenzia ha predisposto, quindi, sono presenti errori od omissioni il contribuente potrà provvedere a correzioni e integrazioni. Dalla stessa data, poi, si potrà procedere anche all’invio.
Il 30 settembre 2023, invece, è la data ufficiale in cui cade la scadenza di invio del 730/2023.

Ma essendo un sabato slitta al lunedì successivo, 2 ottobre. Non è una scadenza che però risulta particolarmente vincolante visto che per chi dimentica l’invio entro questa data, è sempre possibile rimediare con la presentazione del modello Redditi che ha scadenza diversa.

Entro il 25 ottobre si può inviare il 730 integrativo per chi ha omesso o dimenticato qualche informazione essenziale nel modello 730/2023. L’ultima data, quella che conclude la stagione dichiarativa, è il 30 novembre 2023, ovvero la data di scadenza dell’invio del modello Redditi.

Quest’ultimo, ricordiamo, può essere inviato anche come correttivo del modello 730 o come aggiuntivo dello stesso. E rappresenta anche la data di versamento del secondo o unico acconto per chi versa l’imposta senza sostituto.

Continua a leggere su Money.it

Commenti