Corre fra le auto e si butta nel vuoto

Suicidio mancato, grazie alla prontezza di intervento di alcuni agenti di polizia, ieri mattina, in corso Maurizio Quadrio, la strada, fra le più trafficate della città, che unisce corso Aurelio Saffi a piazza Cavour. Proprio nell’ora mattutina in cui la circolazione si fa più intensa in quel tratto, un uomo, in evidente stato di alterazione mentale, si è messo a camminare a zig zag lungo la carreggiata, completamente incurante del transito delle auto che facevano lo slalom per non travolgere l’ostacolo materializzatosi davanti all’improvviso. Inutili i tentativi, da parte degli automobilisti, di attirare in qualche modo l’attenzione dello squilibrato e indurlo a recedere dall’intento di proseguire la «passeggiata». A un certo punto il traffico si è praticamente bloccato, creando code e pericolo di tamponamenti a catena. Dopo alcuni, interminabili minuti di caos, l’uomo è stato notato dagli agenti di una pattuglia delle volanti della questura. Ma quella che poteva essere la svolta risolutiva della vicenda ha rischiato di trasformarsi in dramma: l’uomo, infatti, alla vista dei poliziotti, ha scavalcato il guardrail tentando di saltare la ringhiera di protezione e manifestando espliciti intenti suicidi. Immediata e provvidenziale la prontezza di riflessi degli agenti: i poliziotti hanno afferrato e bloccato l’uomo mentre era a cavalcioni della barriera con una gamba già protesa nel vuoto, e lo hanno tratto in salvo. Privo di documenti, il protagonista del tentato suicidio è stato accompagnato subito dopo al vicino ospedale Galliera dove è stato ricoverato presso il reparto psichiatrico.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.