La corsa di Cameron ora comincia davvero Con un no a Obama

Ha parlato a braccio ieri David Cameron, come nelle migliori occasioni, come quando nel 2005 conquistò la leadership del Partito conservatore per poi traghettarlo verso una nuova era, quella che probabilmente a maggio riporterà i Tory a Downing Street dopo tre legislature mancate. E anche ieri il nuovo «Tory» Blair d'Inghilterra - così simile all'ex premier laburista per doti oratorie, giovane età (43 anni), voglia di «cambiare» - ha ricordato il leader che rese di nuovo eleggibile il Labour. Come fece il suo uguale e opposto prima di diventare primo ministro, Cameron ha fatto leva su un episodio di cronaca nera per attaccare il partito di governo e lanciare la parte cruciale del manifesto politico dei New Tory: l’assalto alla «broken society», alla società «spezzata» che sarà il fulcro della campagna elettorale dei Conservatori.
Allora era il 1993 e Blair ministro degli Interni ombra promise che il futuro governo laburista sarebbe stato «tough on crime, tough on the causes of crime», duro contro il crimine e duro contro le cause del crimine dopo che la Gran Bretagna aveva scoperto indignata che due ragazzini di appena 10 anni avevano rapito e torturato il piccolo Jamie Bulger, 2 anni. Ieri la Gran Bretagna si è riscoperta indignata - addirittura esasperata per il succedersi di episodi di violenza - nel giorno in cui è arrivata la sentenza per un delitto altrettanto atroce, autori due fratelli di 11 e 12 anni, condannati a cinque di reclusione per aver picchiato, torturato e minacciato di uccidere due bambini di 9 e 11 anni, costretti anche ad avere rapporti sessuali fra loro.
Mancano quattro mesi alle prossime elezioni e dal Kent David Cameron - l’ex studente prodigio di Eton che promette di «non avere timore di dire di no agli Stati Uniti» e di voler essere «miglior amico di Washington» perché il «migliore amico ti risponde sinceramente e non ti dice quello che vuoi sentire» - ha attaccato duramente la «recessione sociale» in cui è piombata la Gran Bretagna: un modo per sottolineare che la crisi del Regno Unito non è solo economica e che c'è un'altra emergenza che il prossimo governo dovrà affrontare. «Fallimento morale» lo ha chiamato, sostenendo che «mentre tutti ci aspettiamo una ripresa economica, fino a che il governo non cambierà direzione non si troverà mai una strada per la ripresa sociale».
È un discorso centrale per il nuovo conservatorismo dei Tory perché riguarda la famiglia, il welfare, la politica dei sussidi che è stata la forza ma rischia di essere la tomba del Labour. «Se i genitori vengono premiati quando si separano, se ai professionisti viene detto che è meglio seguire le regole che fare quel che è più giusto, se i giovani imparano che paga di più non lavorare, ci sono forse dubbi che la nostra società sia spezzata?». E ancora, riferendosi ai ragazzini di Edlington: «Siamo così sicuri che siano casi individuali e che non ci siano legami con quello che non funziona nella nostra società in termini di fallimenti familiari, di abuso di droga e alcol, di video violenti o di ciò che non funziona in certe famiglie?», chiede Cameron denunciando il background familiare dei fratellini: il padre coltivava cannabis in casa e lasciava che i figli la fumassero liberamente e bevessero vodka.
Una linea decisa, che punta sul sostegno al matrimonio e alle famiglie, quella di Cameron. Ma che non ha mancato di attirarsi le prime critiche. «Opportunista» attaccano i laburisti, accusandolo di cavalcare la storia dei fratellini mentre il Guardian, quotidiano progressista vicino al Labour, sfodera i numeri dei successi della lotta alla criminalità ottenuti negli ultimi anni.
Ma Cameron ha fatto i suoi conti. Sa che il primo ministro Gordon Brown e il suo partito stanno puntando tutto sull’economia perché sperano nelle prospettive più rosee dei prossimi mesi e giocano sull’«inesperienza» dei loro avversari, ma sa anche che la lotta alla crimininalità - bandiera del New Labour - si scontra quotidianamente con gli episodi di violenza che vivono le periferie metropolitane, dove dilaga la guerra dei coltelli fra adolescenti. Su questo Dave ha deciso di puntare.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.