Così a scuola s’insegna il gusto

Alla ricerca del gusto, ma sporcandosi le mani. Così con un percorso formativo gli alunni genovesi di quasi 50 scuole, elementari e medie, conosceranno le piante spontanee liguri per sottolineare come la conservazione della biodiversità e del territorio passi anche attraverso il loro mantenimento. «L’approfondimento di questo tema – ha affermato la vicepresidente Marina Dondero - sarà il pretesto per riscoprire uno stile di vita più sostenibile, anche attraverso la studio della tradizione contadina e dell’utilizzo delle erbe nella cucina ligure, “povera” di ingredienti ma ricca di cultura e storia dei nostri territori».
Sarà inoltre possibile esplorare il loro utilizzo in campo tessile, erboristico e cosmetico.
Grazie all’assessorato all’agricoltura della Provincia, scuole e aziende agricole i giovani alunni scopriranno saperi antichi, approfonditi anche attraverso gli incontri formativi dedicati agli insegnanti. Gli argomenti verranno trattati e approfonditi anche grazie alla preziosa collaborazione di Libereso Guglielmi (allievo del professor Mario Calvino, padre di Italo), già capo-giardiniere del giardino botanico di Middleton House e del giardino delle erbe dell’università di Londra.
Il momento clou sarà la giornata di festa dedicata agli orti, iniziativa realizzata in alcune scuole già negli scorsi anni, ora valorizzata e potenziata come appuntamento fisso del progetto. L’iniziativa prevede momenti di festa all’interno di ciascuna scuola appartenente alla rete, duranti i quali i ragazzi potranno gustare una merenda preparata con prodotti agricoli dell’orto. Il progetto che ha visto ogni anno crescere i numeri dei partecipanti e ha coinvolto annualmente più di 100 docenti, 3.000 alunni e 50 aziende agricole del territorio, anche quest’anno ha riscontrato un grande interesse dimostrato dai numeri: 140 i docenti iscritti, 43 scuole ( 33 primarie e 10 secondarie di primo grado di queste 10 in provincia di Genova e 33 di Genova ), 50 aziende agricole che hanno riconfermato la loro partecipazione.

Commenti

Grazie per il tuo commento