Cronaca internazionale

Germania, un altro politico aggredito: Franziska Giffey ferita alla testa

La politica socialdemocratica ed ex sindaca di Berlino, Franziska Giffey, è stata aggredita nella capitale tedesca. In Germania nei giorni scorsi altri politici e attivisti tedeschi sono rimasti vittime di attacchi

Germania, un altro politico aggredito: Franziska Giffey ferita alla testa

Ascolta ora: "Germania, un altro politico aggredito: Franziska Giffey ferita alla testa"

Germania, un altro politico aggredito: Franziska Giffey ferita alla testa

00:00 / 00:00
100 %

In Germania c'è stata una nuova aggressione ai danni di un politico. L'ultima vittima è stata la socialdemocratica Franziska Giffey, colpita, da un uomo in una biblioteca nel quartiere Rudow, a Berlino, e rimasta leggermente ferita alla testa. L'annuncio è stato dato dalla polizia tedesca, precisando che l'episodio è avvenuto nel pomeriggio di martedì 7 maggio. La scorsa settimana una sorte simile è capitata a Matthias Ecke, deputato del Parlamento europeo e anch'egli membro dei Socialdemocratici del cancelliere Olaf Scholz. Ecke, a differenza di Giffey, è stato però gravemente ferito da un gruppo di assalitori mentre affiggeva manifesti elettorali Ue a Dresda.

Aggressioni contro politici: cosa succede in Germania

La vicenda Giffey ha creato non poca apprensione all'interno dell'opinione pubblica tedesca, considerando quanto accaduto soltanto pochi giorni prima al suo collega Ecke. Per quanto riguarda la signora, senatrice berlinese per l'Economia, l'energia e l'impresa, è stata brevemente ricoverata in ospedale per il dolore alla testa e al collo. "In una biblioteca un uomo ha improvvisamente aggredito alle spalle l'ex sindaco con una borsa piena di contenuto duro e l'ha colpita sulla testa e sul collo", ha riferito la procura di Berlino.

L'aggressore si è allontanato e le forze dell'ordine stanno ancora indagando. L'attuale sindaco di Berlino, Kai Wegner, ha condannato l'aggressione, sottolineando che chiunque attacchi i politici "sta attaccando la nostra democrazia". "Non lo tollereremo", ha poi aggiunto.

Il ministro degli Interni del vicino Land Brandeburgo, Michael Stubgen, dell'opposizione cristiano-democratica (CDU), ha condannato quella che ha definito una crescente tendenza delle minacce rivolte contro i politici. "Purtroppo assistiamo a questa tendenza da anni, e quest'anno abbiamo una spirale di violenza con attacchi fisici contro i politici che mi preoccupa molto", ha detto a RBB24 Inforadio.

I precedenti

La senatrice dell'Interno di Berlino Iris Spranger (SPD) ha reagito con orrore all'attacco contro la sua collega di partito responsabile dell'economia, dell'energia e dell'economia. "Condanno con la massima fermezza l'attacco a Franziska Giffey e ad altri politici o operatori elettorali, tutti impegnati a favore di una democrazia controversa", ha scritto Spranger sulla piattaforma X, ex Twitter.

L'attacco di cui è rimasta vittima Giffey, come detto, non è un episodio isolato. Un deputato del Parlamento europeo, il 41enne Matthias Ecke, è stato gravemente ferito da quattro aggressori a Dresda. Sempre a Dresda è andato in scena un altro incidente. Un politico dei Verdi, di 47 anni, è stato minacciato e ha ricevuto sputi mentre appendeva manifesti elettorali.

Un uomo di 34 anni e una donna di 24 anni, entrambi di nazionalità tedesca, sono indagati per sospetto coinvolgimento in questo secondo incidente. Secondo quanto riferito, i due appartenevano a un gruppo di estrema destra che si trovava nei pressi del luogo in cui il suddetto politico, del quale non sono state rese note le generalità, stava per iniziare il suo lavoro di affissione. Il citato gruppo sarebbe poi finito sotto inchiesta perché avrebbe pronunciato uno slogan nazista.

Secondo quanto riportato da tagesschau, i ministri degli Interni federali e statali si sono riuniti per

un incontro speciale alla luce dei recenti attacchi contro politici e attivisti elettorali, esprimendosi a favore di una migliore protezione delle persone politicamente attive nonché di un inasprimento del diritto penale.

Commenti