Cronaca internazionale

"Il wokeismo ha una tendenza autoritaria". Parla la prof minacciata dai trans

Kathleen Stock racconta perché ha deciso di dare le dimissioni come docente dell'Università del Sussex dopo le minacce ricevute dai trans

"Il wokeismo ha una tendenza autoritaria". Parla la prof minacciata dai trans Esclusiva

"Ho trovato molto deprimente essere minacciata e attaccata per aver espresso argomentazioni filosofiche a favore dei diritti delle donne". Kathleen Stock, che oggi terrà una lezione sui diritti presso la Scuola di Liberalismo della Fondazione Einaudi, descrive così la vicenda che l'ha portata a dare le dimissioni da docente di filosofia all'Università del Sussex.

Professoressa, lei è una attivista femminista sposata con una donna. Com'è possibile che la situazione sia degenerata così tanto da indurla a dimettersi?

"È una situazione strana, soprattutto perché la maggior parte delle persone che mi criticano si definirebbero femministe (hanno una concezione diversa del femminismo, e delle donne da quella che ho io, però). C'è una forte tendenza autoritaria e illiberale all'interno del cosiddetto progressismo o wokeismo, purtroppo".

Perché in GB, quando si parla di LGBT, c'è sempre un clima così teso? Perché il "dissenso" non è ammesso?

"In parte è perché nei luoghi di lavoro, comprese le università, attraverso il sistema della burocrazia è ormai diffuso un insieme di idee, radicale e ristretto, sull'identità trans e sulla femminilità. Gruppi di lobbisti e attivisti che affermano di rappresentare le persone LGBT, hanno fatto pressione e incentivato il governo, i partiti politici e le istituzioni nazionali a portare le loro idee all'interno della politica e delle leggi. Ciò ha avuto effetti negativi sugli spazi delle donne, nello sport e sulle risorse a loro dedicate, poiché ora i maschi, potendosi "auto-identificare" come donne, possono accedervi. Non è stato fatto democraticamente, né è stato sufficientemente discusso. Molti uomini gay, molte lesbiche e persino persone transessuali non sono d'accordo con queste idee radicali, ma il dissenso è descritto come "transfobico" o "bigotto". Si presume che, se si mettono in discussione queste idee, si odiano le persone trans. In realtà, non è così".

In Italia la principale forza di maggioranza, FdI, lotta contro "la teoria gender". Le opposizioni dicono che tale teoria non esiste. Che cosa ne pensa?

"Quando la destra parla di “gender theory” intende tutta una serie di idee, con alcune delle quali sono d'accordo e con altre no. Non sono un conservatore, e per esempio penso che le donne dovrebbero avere gli stessi diritti degli uomini sul posto di lavoro, credo nel matrimonio gay (sono una lesbica sposata con una donna). Non sono d'accordo sul fatto che gli uomini dovrebbero essere in grado di auto-identificarsi negli spazi o nelle risorse delle donne, o che ai bambini vengano somministrati farmaci che ne alterino la vita, sulla base di una confusione di identità che può essere temporanea. Mi sconforta che, in nome della sinistra “progressista”, idee così folli stiano guadagnando potere, perché è un regalo ai politici di destra come Meloni. Ciò permette a lei e al suo partito di usare questo tema come scusa per ridurre i diritti delle donne e degli omosessuali, per esempio. Me ne rammarico. Succede anche in Ungheria, in Turchia e in Russia, per esempio. Le idee radicali di una minoranza vengono utilizzate per rendere la vita difficile alla maggioranza, molto più moderata, delle persone LGBT".

Quel che sta succedendo in Gran Bretagna mina la libertà d'espressione?

"Sì, le università dovrebbero essere luoghi in cui le idee controverse possono essere analizzate e discusse, e il libero pensiero può esistere".

Cosa pensa, invece, della vicenda della professoressa inglese a cui non è stato rinnovato il contratto e che ha persino subìto un procedimento disciplinare per aver salutato le sue alunne dicendo "Ciao ragazze"?

"Penso che sia ridicolo. L'attenzione generale all'interno del femminismo woke di concentrarsi su forme appellative (compresi i pronomi, dicendo "signore e signori" ecc.) è una distrazione dai veri squilibri di potere e dalle disuguaglianze che sono molto più importanti, ma più difficili da risolvere. Instillare un clima negativo nel quale si ha paura di dire la cosa sbagliata, non aiuta nessuno".

Commenti