Trovati 60 positivi nel centro d'accoglienza: esplode la rivolta dei migranti

Sono 60 su 72 i migranti positivi di un centro del sassarese, dove in queste ore è scoppiata una rivolta con lancio di oggetti in strada

La Sardegna è una bomba a orologeria a causa dei migranti dei centri di accoglienza ormai al collasso. L'isola, che deve necessariamente affrontare i nuovi casi di coronavirus in autonomia, visto il suo totale isolamento dal resto del Paese, si ritrova con ben 60 positivi nel centro migranti di Predda Niedda alle porte della città di Sassari. Sono 72 in tutto gli ospiti della struttura, l'hotel Pagi della zona industriale della Sardegna nord-occidentale, che nelle scorse ore si sono ribellati alle misure di isolamento, chiedendo di essere sottoposti a nuovi controlli per essere liberati.

La situazione è rovente a Sassari, dove i migranti hanno dato vita a una vera e propria rivolta e nelle loro rimostranze violente hanno scagliato in strada qualunque cosa capitasse loro tra le mani. Dall'olio alla vernice, i migranti si sono ribellati costringendo la polizia a intervenire in tenuta antisommossa. Gli agenti sono stati chiamati a sedare gli animi e tutt'ora si trovano all'interno del centro per cercare di riportare la calma, ma gli animi sono ormai surriscaldati e la rivolta con il lancio di oggetti non è altro che l'ultimo atto di un escalation di intolleranza che non possono essere gestite con serenità.

Da diverse ore, infatti, la Polizia di Stato era impegnata all'hotel Pagi di Predda Niedda per respingere il tentativo dei migranti di scappare dal centro. Gli ospiti, tutti uomini e giorvani, in più riprese hanno cercato di scavalcare le barriere di recinzione dell'hotel. Alcuni di loro hanno anche provato a scappare dai cancelli e tra questi c'erano anche migranti senza mascherine, nonostante il dpcm imponga l'uso all'esterno a qualunque ora e in qualunque condizione.

Molti dei migranti che alloggiano all'hotel Pagi lavorano nelle aziende della zona e per questa ragione chiedono che vengano effettuate nuove rotazioni i tamponi per verificare le positività. Tuttavia, i protocolli sanitari sono unici nel Paese e per il momento non sussistono le condizoni per effettuare nuovi tamponi. Per il momento, da Predda Niedda non sono comunque giunte notizie di scontri violenti tra poliziotti e migranti, nell'attesa che la situazione torni alla normalità, anche se l'hotel Pagi è una polveriera pronta a esplodere per i numerosi casi di Covid.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Mer, 14/10/2020 - 10:12

60 su 72 clandestini infetti: la ministra Lamorgese, interpellata a proposito, ci dice che ha fatto bene i calcoli con l'aiuto di Conte, che di conti se ne intende, e le risulta che la percentuale sia dello 0,001 % a norma di legge, quindi i problemi sono ben altri.

machimo

Mer, 14/10/2020 - 10:15

Poveri Sardi. Una volta ribellavano pure contro i romani e adesso si fanno mettere sotto di clandestini...mi mancano le parole come i uomini hanno perso le palle.

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 14/10/2020 - 10:22

Tranquilli, Lamorgese ha detto che non sono portatori di malattie !!! da processare subito !!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 14/10/2020 - 10:27

Hotel Pagi, devo segnarmelo, da escluderlo dalla mia lista, dovessi andare in Sardegna.

TheExpatriate

Mer, 14/10/2020 - 10:34

Che spettacolo la repubblica delle banane. I questo caso direi che delle due l'una. O, vista la positività di 60 su 72, la Lamorgese mente dicendo che i clandestini non portano il Covid. Oppure la stessa Lamorgese è responsabile del fatto che si ammalino in numero così elevato all'interno delle strutture. Immagino che la solerte magistratura pro italietta senza confini aprirà presto un bel fascicolo, da aggiungere a quello sulla morte del giovane clandestino su una delle navi quarantena...

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 14/10/2020 - 10:37

Temo non sara' il solo caso... Anzi, vista la politica antiitaliani e pro-clandestini del governo pro-tempore...

gianf54

Mer, 14/10/2020 - 10:42

E perchè NESSUNO interviene? E Perchè la Polizia ha le mani legate dal "ministro" dell'interno? NESSUNO risponde?

zadina

Mer, 14/10/2020 - 10:55

La ministra della pubblica sicurezza ha detto che non sono i clandestini che ci portano l'infezione del covid-19, potrebbe chiarire in Sardegna dove hanno concentrato 72 clandestini 60 sono infettati e si ribellano che non vogliono fare la quarantena e fuggono dai centri pur essendo infetti?.. è un regalo che ci portano i suoi graditi e amati clandestini ai quali ha aperto i confini e chiunque può entrare in Italia e troverà la soluzione ai suoi problemi troverà, cure mediche, il vestiario, colazione, pranzo, cena, 2,50 euro al giorno per i vizi personali, il tutto gratuito tanto paga il BUE PANTALONE lavoratore Italiano per un periodo di uno due o tre anni, GRAZIE MINISTRA E COMPAGNI del sgradito regalo fatto a tutto il popolo. Mentre per ringraziare i clandestini si ribellano.

Ritratto di Lupry

Lupry

Mer, 14/10/2020 - 11:02

Migranti positivi...??!! Lamoregeseeeeeeee?????!!!

Indifferente

Mer, 14/10/2020 - 11:14

Avevo capito che i clandestini fossero tutti sani e non fossero loro il problema. Almeno, questo diceva il ministro.. Saranno stati contagiati dagli italici operatori; quelli che puliscono le loro stanze, danno loro il cibo, la paghetta, i corsi della qualunque e magari anche la gita al mare o in piscina. Protestare violentemente, ribellarsi ed aggredire si presume siano parte della loro superiore cultura. Noi, poveretti, scriviamo esposti, avviamo cause decennali, accettiamo ogni imposizione, battiamo le manine ad ogni lider maximo che apre bocca..eh sì, siamo proprio inferiori!

ale5875

Mer, 14/10/2020 - 11:18

RISORSE RAGAZZI, LE NS RISORSE!! TUTELIAMOLI POVERINI..

Rossana Rossi

Mer, 14/10/2020 - 11:19

Ma noi siamo un popolo ricco, accogliente e possiamo mantenere e curare chiunque vuole venire qui per essere ospitato, mantenuto, fornito di paghetta wi-fi sigarette cibo di gradimento e tutto quello che serve per far felice i nullafacenti. Sono gli italiani i babbei che si spaccano la schiena a lavorare e che falliscono per via del covid invece di continuare a fare i somari per versar soldi per mantenere queste 'risorse' che ci pagheranno le pensioni..........

maxxena

Mer, 14/10/2020 - 11:21

denunciare il governo per inosservanza delle regole anti covid. Possibilmente "mandare" la polizia a verificare in casa di Conte quando è a tavola per la cena. Se i "buoni" fossero veramente "buoni" e non solo nemici di Salvini, le varie "capitane" e certi ministri cosi "buoni" e difensori degli immigrati, agirebbero per vie legali contro se stessi per maltrattamenti contro quei poveracci accatastati come oggetti utili solo per la loro ipocrita propaganda e poi abbandonati appena fuori dal cono di attenzione dei media.