Black bloc, Abatantuono: "Bruci un negozio? È tentato omicidio"

L'attore: "Basterebbe applicare la legge e garantire la certezza della pena, ma davvero per tutti"

Black bloc, Abatantuono: "Bruci un negozio? È tentato omicidio"

Diego Abatantuono dice la sua sulla devastazione dei black bloc del primo maggio a Milano. "Gli infiltrati ci sono sempre stati. Così come i violenti. Ci sono persone che non c' entrano niente e rimangono coinvolte, poi ci sono i delinquenti e i delinquenti sono tutti e sempre identificabili. Se non li fermano c' è la volontà di non fermarli. Questo vale per tutti gli eventi pubblici, dalle manifestazioni e cortei di protesta agli spalti degli stadi. Io sono un appassionato lettore di libri gialli, quindi diciamo che in quello che succede c' è sempre un movente. Negli scontri dell'altro giorno come in tutte le cose c' è sempre il solito binomio causa ed effetto, funziona sempre. E per quelli che hanno sfasciato servirebbero regole, pene certe. Basterebbe applicare la legge e garantire la certezza della pena, ma davvero per tutti. Dunque bruci un negozio? Quello è tentato omicidio non danneggiamento. Pene esemplari, specifiche, chiare ma non per quelli che sono stati coinvolti, ma per quelli che coinvolgono", ha dicharato l'attore in una intervista al Fatto Quotidiano.

Commenti