"15 coltellate in pieno giorno": quell'orrore mentre fa jogging

La vittima, Marta Novello, è stata accoltellata da un ragazzo di 17 anni. Ferita gravemente all'addome, la giovane è stata sottoposta a un delicatissimo intervento chirurgico. Le sue condizioni sono critiche

In foto, Marta Novello (Immagine da Facebook)
In foto, Marta Novello (Immagine da Facebook)

È stata colta di spalle, scaraventata in un fossato e accoltellata all'addome. Sono ore decisive per Marta Novello, 26enne trevigiana che, nel tardo di ieri, è stata assalita da uno sconosciuto armato di coltello in via Marignana, a Mogliano Veneto, in provincia di Treviso, mentre faceva giogging. L'aggressore, stando a quanto riporta il Corriere.it, sarebbe un ragazzo moglianese di 17 anni. A quanto pare si tratterebbe di una tentata rapina finita male ma, al momento, non si esclude nessuna ipotesi.

L'aggressione choc

I fatti risalgono a lunedì 22 marzo, pressappoco alle ore 17. Marta, figlia di Luigi Novello, noto ingegnere ed esponente politico locale, è stata accoltellata mentre faceva attività motoria. Secondo quanto si apprende dal sito d'informazione online TrevisoToday, la 26enne stava passeggiando in via Marignana, una stradina di campagna, quando un avventore armato di coltello l'avrebbe assalita di spalle, all'altezza dell'agriturismo "Al Vecio Moraro". Dalla prima ricostruzione dell'accaduto, sembrerebbe che la giovane abbia provato a difendersi ma, nel corso della colluttazione, sarebbe finita in un fossato insieme al suo assalitore. A quel punto, lo sconosciuto avrebbe estratto un coltello dalla tasca dei pantaloni per colpire la 26enne con 20 fendenti, di cui 8 inferti tra addome e torace. A dare l'allarme ai carabinieri sono stati 2 operai che lavoravano in zona, attirati dalle grida disperate della vittima.

Soccorsa dai paramedici del Suem, Marta è stata trasportata in codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale Ca'Foncello di Treviso riportando lesioni profondissime ai polmoni, motivo per cui è stata sottoposta ad un intervento chirurgico d'urgenza. Le sue condizioni, nonostante l'intervento tempestivo dei sanitari, sono gravissime.

L'assalitore è un minorenne

Stando a quanto si apprende da il Corriere.it, l'aggressore è un ragazzo moglianese di 17 anni. Il giovane sarebbe rimasto in attesa dei carabinieri salvo poi essere prelevato dai militari della Stazione di Mogliano. Arrestato subito dopo il misfatto e condotto presso la caserma di via Cornarotta, il 17enne dovrà rispondere verosimilmente del reato di tentato omicidio. L'arma dell'aggressione è stata ritrovata a pochi metri dal fossato. L'ipotesi più accreditata, al momento, è che si sia trattato di una tentata rapina finita male ma non si escludono altre piste.

"Questa è una strada di campagna con delle ville molto belle - ha commentato il sindaco di Mogliano Veneto, Davide Bortolato - frequentata da tantissime persone che passeggiano o fanno jogging e la ragazza da come si è capito stava proprio facendo una passeggiata. Un episodio inquietante, speriamo di capire bene come sono andate le cose e il vero motivo di ciò che è successo. Il fatto che l’aggressore non abbia neanche 17 anni è un aspetto ancora più inquietante".

Salvini: "Prego per Marta"

Parole di profondo sconcerto e accorato dispiacere sono state espresse anche dal leader di Lega Nord Matteo Salvini non appena appresa la notizia della drammatica vicenda. "Una preghiera per Marta di Mogliano Veneto (Treviso) che combatte per la vita, solo disprezzo per il vigliacco aggressore: sconvolge la giovanissima età (16 anni) e il fatto che, secondo quanto si apprende, avesse già precedenti penali", ha scritto il leader del Carroccio su Facebook.

Una preghiera per Marta di Mogliano Veneto (Treviso) che combatte per la vita, solo disprezzo per il vigliacco...

Pubblicato da Matteo Salvini su Martedì 23 marzo 2021

Commenti