Ai funerali di Don Gallo Luxuria fa la comunione

L'ex parlamentare e la trans Regina Satariano hanno ricevuto l'eucarestia dal cardinal Bagnasco

Scena curiosa quella a cui ha assistito chi era ai funerali di Don Andrea Gallo. Vladimir Luxuria e la rappresentante del movimento transgenere italiano Regina Satariano hanno ricevuto la comunione dal cardinale Angelo Bagnasco, come mostra un video del Secolo XIX.

Sia Luxuria che Satariano si sono avvicinate al cardinale per la comunione ricevendo l’ostia e ritirandosi poi in preghiera vicino all’altare, da dove hanno poi seguito la fine della cerimonia. Nella preghiera dei fedeli, Vladimir Luxuria aveva detto: "Grazie di averci dimostrato che una chiesa comprensiva, inclusiva, che non caccia via nessuno è possibile. Grazie di averci fatto sentire tutte noi creature transgender figlie di Dio". Tutta la chiesa aveva applaudito.

La Chiesa, peraltro - secondo quanto si apprende da fonti di Curia - non prevede un divieto circa la comunione di un transgender, mentre vieta che si possa comunicare una persona divorziata e risposata, perché quella persona, divorziando e risposandosi, ha violato un sacramento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GABBIANO51

Sab, 25/05/2013 - 19:24

Povera Chiesa, che vergogna! Questi preticchi e cardinalicchi ci fanno la morale! Ma ci facciano il piacere!!!!!!

Ritratto di maurofe

maurofe

Sab, 25/05/2013 - 19:28

Non c'è mai limite al cattivo gusto e all'ipocrisia!

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Sab, 25/05/2013 - 19:33

In realtà è una non-notizia... Chi se ne frega se Vladimir Luxuria ha preso la comunione?

CALISESI MAURO

Sab, 25/05/2013 - 19:35

beh bisogna mandare il vescovo a catechismo:))ha perso qualcosa per strada penso. Ah prima si sono confessati i ns oppure no? Perche' loro sono contro la legge di Dio se si pentono si confessano e poi si comunicano. il prete l'ha dimenticato?

Commenti

Sab, 25/05/2013 - 19:36

ottimo, bellissimo messaggio

Seawolf1

Sab, 25/05/2013 - 19:40

luxuria che c'entra con la preghiera dei fedeli? Ipocrita.

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 25/05/2013 - 19:50

r i d i c o l o!!!!!!!!

no b.

Sab, 25/05/2013 - 19:55

la religione cattolica è forse riservata a quelli che stanno simpatici voi? Quelli che sfilano al family day e poi sono divorziati o tradiscono la moglie con escort varie? Non era questo il messaggio che lanciava Gesù

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 25/05/2013 - 20:07

Ora si capisce la contestazione dei no global a Cardinal Bagnasco

CALISESI MAURO

Sab, 25/05/2013 - 20:22

no b. hai le idee confuse tu di Cristo non ne hai proprio un'idea come molti peraltro mi sembra, compreso il principe della Chiesa.

Prameri

Sab, 25/05/2013 - 20:42

Significa che ai piedi dell'altare non è possibile rifiutare la comunione ad alcuno. Ai separati e ai divorziati è prescritto di stare lontani dalla comunione, ma se si presentano davanti a un celebrante non estremista (che si sobbarca tutte le conseguenze di un tale rifiuto) non vengono allontanati. C'è una presa di posizione per ottenere regole diverse. Ma se i divorziati volessero veramente fare la comunione perché in coscienza si sentono di farlo, basterebbe si recassero in una chiesa dove nessuno li conosce. Prima di dare la comunione nessun prete chiede: scusi lei è divorziato o convive?

vince50

Sab, 25/05/2013 - 20:43

Questo essere è ripugnante.

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 25/05/2013 - 20:46

Che schifo !!!!! Ipocrisia all'ennesima potenza. D'altra parte, cosa ci si poteva aspettare dal cardinale ?

giovanni PERINCIOLO

Sab, 25/05/2013 - 20:50

La comica finale!

Rombo.Di.Tuono

Sab, 25/05/2013 - 20:53

Infatti è una non notizia. "Vladimir Luxuria" è una donna, ora, e se poi le piacciono gli uomini, tra le altre cose, non commette nessun peccato agli occhi di nessuno, sicchè... Ma - a prescindere - il rapporto della "signora" con la religione, è una cosa sua privata, e se la deve vedere lei con il buon Dio.

Anselmo Masala

Sab, 25/05/2013 - 21:00

Raccapricciante:vedere questo/a tipo/a prendere la comunione, ma nn era ateo/a??? Vabbeh che la chiesa deve essere tollerante.....

Ritratto di musciatto

musciatto

Sab, 25/05/2013 - 21:04

La grandezza di un uomo si misura col bene che porta nella vita degli altri. Spero la chiesa riconosca in Don Andrea Gallo un grande uomo.

dondomenico

Sab, 25/05/2013 - 21:07

Ognuno è libero di fare quello che vuole ma.....nella vita ci sono delle regole...Forse la dico grossa ma questo cardinale, secondo me, dovrebbe fare il parroco di campagna, ma no, i Parroci di campagna sono molto più Illuminati di lui! Dio è in ogni luogo per cui non è necessario andare in Chiesa per pregarlo almeno fino a quando ci saranno preti come don gallo e cardinali come bagnasco

Ritratto di centocinque

centocinque

Sab, 25/05/2013 - 21:07

A me risulta che lux uria si dichiari buddista, come si spiega la Eucaristia somministrata dal cardinale?

Tergestinus.

Sab, 25/05/2013 - 21:11

"No b." che fa tanto il saputello, è ovvio che anche i casi da lei prospettati sono riprovevoli, ma non per questo non lo è quello di cui si parla qui. Che in ogni caso è infinitamente più grave, visto che negare la propria identità naturale è un insulto libero e consapevole a Dio che la ha creata, mentre gli altri casi sono peccati d'incontinenza, che - per quanto possa non piacere allo stupido moralismo in voga oggi - la Chiesa ha sempre considerato meno gravi.

Ritratto di Baliano

Baliano

Sab, 25/05/2013 - 21:34

Solo Dio, è il Giudice Supremo. - Un prete non può negare, tout court, l'Eucarestia. A nessuno. Ognuno risponde per Sè. Nessuno saprà mai se al(la) tipo(a) gli(le) andrà per traverso e nemmeno se al prete, o cardinale, rimorderà la Coscienza per aver agevolato un Sacrilegio. La Colpa è sempre, strettamente personale, di cui dovrà eventualmente rendere conto.

billyjane

Sab, 25/05/2013 - 21:46

Giuro che non ci capisco più niente.....Non sono adeguata ai tempi moderni e alle sfacciataggini .... non ci capisco più nienteeeeee

sorciverdi

Sab, 25/05/2013 - 21:47

Luxuria prende la Comunione e si raccoglie in preghiera? Credo che la condizione di base per prendere la Comunione sia di essere mondati dai peccati -almeno così mi fu insegnato durante il Catechismo quand'ero bambino- e quindi, oltre ad averli confessati il penitente/comunicando intenda non commetterli più. Se guardo la foto di Luxuria che correda l'articolo mi chiedo dove stia non dico il pentimento, quello lo vede solo Dio, ma l'intenzione di non peccare più. Dopo aver salvato la vita all'adultera dicendo ai fanatici che la conducevano alla lapidazione che chi era senza peccato poteva scagliare la prima pietra, Gesù disse alla donna "Vai e non peccare più". Da questo desumo, credo ragionevolmente, che il peccato può essere perdonato ma deve esserci l'intenzione di non peccare più altrimenti è solo "teatro". Non giudico, naturalmente, sulla pulizia dell'animo di Luxuria, ci mancherebbe, ma credo che un po' più di buongusto sarebbe stato necessario.

biricc

Sab, 25/05/2013 - 23:01

nessuno può ritenersi degno di ricevere l'eucarestia ma siamo fatti degni attraverso il sacrificio di Gesù. Infatti Gesù è venuto al mondo per sanare i peccatori e non per premiare i giusti.

GianniGianni

Sab, 25/05/2013 - 23:01

Nono capito perchè Luxuria non può fare la comunione secondo voi. E' battezzato, non è divorziato e risposato. Lo saprà la Chiesa se può farla o no

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Sab, 25/05/2013 - 23:07

Leggendo alcuni giudizi espressi qui e dal momento che si trattava di un importante momento religioso mi sono sovvenuto di un messaggio dato da Gesù a suo tempo:" Non giudicate , perchè Dio solo legge nel profondo dei cuori!" Un cristiano deve fare così.

MMARTILA

Sab, 25/05/2013 - 23:24

Luxuria e come quelle come "lui" possono ingoiare tutte le ostie consacrate che vogliono, ma la Comunione non vale niente. Detto ciò, la chiesa dei preti rossi non mi piace, i don Gallo d'Italia facciano i religiosi o si dedichino alla politica...le due posizioni non si conciliano.

fabiou

Dom, 26/05/2013 - 02:43

queste qui sono provocazioni e basta. e la Chiesa non riesce piu a farsi rispettare. se ero bagnasco gli dicevo che Gesù amava tutti ma ai peccatori diceva,"" ok, vi perdono ma mon peccate piu"". mica gli diceva fate come vi pare che sarete sempre assolti.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Dom, 26/05/2013 - 07:44

Questo per dire che la Chiesa, la dottrina cattolica non pongono alcun limite all'accoglimento di qualsiasi anima ritenuta fino a quel momento "persa". Ipocrisia, a mio avviso, sarebbe stato il contrario. E questo lo affermo da cattolico credente e praticante, più che convinto. Del resto basta leggere il sermone della montagna, pronunciato da Gesù sulle rive del lago di Tiberiade, per comprendere che certi ostracismi non hanno ragione di esistere.

Ritratto di Baliano

Baliano

Dom, 26/05/2013 - 07:58

Può anche farvi schifo, ma fu Cristo stesso a salvare l'adultera dalla lapidazione e a perdonarla, dicendole esattamente: "Va e non peccare più". Per cui di che andate cianciando? O magari auspicate il ritorno di un "Torquemada"!? A che pro', per fornire un nuovo alibi ai catto-sinistri e ai "bolscevichi"?? No, lasciateli annaspare da soli, nel mare delle loro illusioni, farneticazioni e menzogne.

patrenius

Dom, 26/05/2013 - 08:25

Io lo ammetto non ho una grande simpatia per gli omosessuali, ma riconosco che debbano avere dei diritti precisi. Ma una persona che invece di chiamarsi con nome e cognome si fa chiamare Luxuria è gia dalla parte del torto: significa che cerca di provocare,di farsi pubblicità e di sfruttare economicamente e politicamente le sue menomazioni. Pertanto, solo per questo non è degna di ricevere il sacramento della comunione. Quindi, cari giornalisti, cominciate a chiamarla col suo nome, visto che uno deve pur averlo.

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 26/05/2013 - 08:29

non credo che Bagnasco stia mantenendo una posizione dettata dal Vaticano e se accetta di premiare con la sua presenza la vita e le opere di personaggi che di certo non si sono messi in evidenza per divulgare il vero pensiero cristiano , c' é da poter credere che anche lui, in qualche modo, intenda spingersi nei meandri del pensiero e del comportamento di coloro che benedice senza riserbo

pinet47

Dom, 26/05/2013 - 08:40

Siamo vicini alla fine? Come diceva la Madonna di Fatima nel suo messaggio .."Il tempo si avvicina sempre più, e l’abisso si allarga senza speranza. I buoni periranno insieme ai cattivi, i grandi con i piccoli, i Principi della Chiesa con i loro fedeli, e i regnanti con i loro popoli. Vi sarà morte ovunque a causa degli errori commessi dagli insensati e dai partigiani di Satana, il quale allora, e solamente allora, regnerà sul mondo. In ultimo,allorquando quelli che sopravvivranno ad ogni evento, saranno ancora in vita, proclameranno nuovamente Iddio e la Sua Gloria, e Lo serviranno come un tempo, quando il mondo non era così pervertito. Va, mia piccola, e proclamalo. Io a tal fine, sarò sempre al tuo fianco per aiutarti."

brunicione

Dom, 26/05/2013 - 10:47

E' stato uno show dei peggiori, che hanno voluto mettersi in mostra, dato che nessuno più li caga più. Sia loro, che don Gallo , hanno vissuto sotto i riflettori, facendo più esibizionismo e rumore che Cristianesimo. Anche Bagnasco show, ci ha messo del suo.

Ritratto di stufo

stufo

Dom, 26/05/2013 - 11:14

Si sono fatti una religione a loro uso e costume scimmiottando......

Stepas2

Dom, 26/05/2013 - 15:11

Essendo peccato mortale condurre vita dissoluta, dandone anche risonanza, erigendosi ad esempio, e' ovvio che costui non potesse ricevere la comunione. Siamo messi mooolto male.

antorno

Dom, 26/05/2013 - 15:54

Ma il tipo/a non si era convertita al buddismo ? (più squallido e irriverente il personaggio che fumava in chiesa) Certo in una moschea,i kompagni,noti eroi,sarebbero stati scalzi e zitti,in segno di rispetto per un'altra cultura. (come sempre,deboli con i forti,forti con i deboli)