Alemanno litiga coi rom: "Dovete avere le stesse regole degli italiani"

L'ex sindaco di Roma visita un campo rom di Torino: ne nasce una accesa discussione con gli abitanti

Alemanno litiga coi rom: "Dovete avere le stesse regole degli italiani"

"Questa situazione non può continuare, è negativa per voi e negativa per il resto della città. Dovete avere le stesse regole che valgono per gli italiani". È quello che ha detto questa mattina Gianni Alemanno ai rom di un campo nomadi di Torino, messo sotto indagine ambientale per i fumi tossici che vengono sprigionati.

L'ex sindaco di Roma ha partecipato al flash mob organizzato dagli abitanti di Germagnano (guarda il video). "Qua c'è inquinamento, ci sono fumi sbagliati, c'è intossicazione anche per quanto riguarda gli altri abitanti della zona", dice Alemanno.

"Lo capisco, sono d'accordo con voi", replica uno dei rom. Cercando poi lo scontro: "Però voglio sapere dove sono i sette miliardi di euro che hanno dato per noi per sistemare il campo", dice l'uomo, "Ci dicono dal 2012 che sistemeranno il campo". "Questi li hanno presi le cooperative rosse e bianche", replica Alemanno, "Si sono mangiati i soldi. Con la scusa di assistere voi si sono autofinanziati".

A questo punto lo scontro si infiamma: "Datemi da lavorare, se non lavoriamo sono d'accordo che andiamo tutti a casa in Romania". "Voi siete pronti a lavorare?", provoca Alemanno, "Il lavoro è una cosa giusta. Ma purtroppo manca per gli italiani e anche per voi". "Dateci una casa", urla quindi una donna. "La casa no: dovete lavorare e mandare i figli a scuola", chiude l'altro andando via.

Commenti