"Omicron doveva arrivare a maggio...". L'ultima bufala dei complottisti

Una tabella gira da qualche giorno sulle chat dei no vax per dimostrare che la pandemia sia stata creata a tavolino: la scheda fake fa il giro del web

"Omicron doveva arrivare a maggio...". L'ultima bufala dei complottisti

Di teorie complottiste ne girano sempre tante sui social, troppe. Una delle ultime in ordine di tempo riguarda la variante Omicron, il cui primo sequenziamento in Italia è stato eseguito lo scorso sabato in un casertano di rientro dal Mozambico. Ma nelle chat dei no vax circola una sorta di scheda, un piano pandemico che vorrebbe dimostrare che le varianti sono state programmate con largo anticipo perché, secondo i complottisti no vax, così verrebbero giustificati altri lockdown e vaccini.

La tabella porta i loghi della Johns Hopkins university, del World economic forum e dell'Oms. In questi giorni è tornata a circolare nelle chat ma in realtà ha già fatto la sua comparsa diversi mesi fa, in estate. In questa tabella si legge una lista di nomi greci, che dovrebbero essere le varianti, associate a una data. Per quanto riguarda la variante Omicron, la data presunta di comparsa indicata nella tabella è maggio 2022. L'attribuzione di documenti a organizzazioni attendibili è una pratica ben nota, che viene utilizzata random un po' in tutti gli ambiti del complottismo, basti pensare ai presunti documenti secretati di Nasa e Pentagono quando si tratta di alieni.

Non esistono documenti che attestino l'ufficialità di questa scheda, non esistono report che giustifichino la sua creazione, quindi è presumibile che si tratti di un elaborato feticcio realizzato ad hoc. D'altronde, non è poi così difficile realizzare una tabella come quella, incollare a caso i loghi di enti, associazioni e università a caso per dare l'impressione di essere un documento realistico.

Ma tra i no vax che alimentano il complittismo, questo viene considerato come la conferma definitiva che sia tutto un piano organizzato dall'alto per governare il mondo e proseguire nella cosiddetta "dittatura sanitaria". La stessa discrepanza di date tra l'effettiva scoperta della variante Omicron e la data indicata in tabella, a detta alcuni utrnti no vax, è una prova del complotto. "Vi segnalo una cosa molto importante: hanno anticipato i tempi perché bisogna vaccinare i bambini prima", scrive un utente con un nome in codice, convinto di aver fatto la scoperta sensazionale sul Covid.

Tuttavia, con ragionevole certezza, possiamo considerare quella tabella un fake creato ad hoc dal web, a uso e consumo delle frange complottiste, che lo utilizzano per fare proseliti tra gli impauriti. Nessuna delle organizzazioni coivolte ha finora confermato di aver partecipato alla realizzazione di quel documento.

Commenti