Perché tra dosi consegnate e vaccinati i numeri non tornano

L’app non conteggia la sesta dose ricavabile da un flacone, mentre le Regioni sì. Quindi nel totale di Arcuri manca il 20%. Così falsato al ribasso il numero delle dosi disponibili e la percentuale dei somministrati risulta più alta

Risolto il mistero della Campania che ha più vaccinati che vaccini. Sull’app, varata dal super commissario Domenico Arcuri per dimostrare in tempo reale lo stato della campagna vaccinale, la Campania ieri risultava aver somministrato il 101,7% delle dosi assegnate di vaccino anti-Covid. Stessa cosa per l’Umbria che, oggi 12 gennaio, addirittura ne avrebbe effettuate il 102,3%. Oltre il 2% in più di quelle disponibili.

Come è possibile che su 67mila vaccini consegnati, nella regione governata da Vincenzo De Luca ci siano oltre 68mila vaccinati? Ultimo miracolo dello sceriffo che per vaccinarsi salta la fila? La spiegazione starebbe nel fatto che la Campania e le altre Regioni, come avallato anche dall’Aifa, ricavano da ogni flaconcino di siero Pfizer-BioNtech 6 dosi e non 5 di vaccino anti-Covid.

Questo grazie all’uso di normali siringhe di precisione da 1 ml, che fanno il loro lavoro come le più costose luer lock acquistate dal super commissario che, tra l’altro, in alcune Regioni non sono neanche state consegnate. "Ferma restando - si legge nella nota dell'Agenzia italiana del farmaco - la necessità di garantire la somministrazione del corretto quantitativo di 0.3 ml a ciascun soggetto vaccinato attraverso l’utilizzo di siringhe adeguate, è possibile disporre di almeno 1 dose aggiuntiva rispetto alle 5 dosi dichiarate nel Riassunto delle caratteristiche del prodotto (RCP). La dose di vaccino che deve essere somministrata a ciascuna persona è di 0,3 ml. Questa dose deve essere estratta in condizioni asettiche e utilizzando siringhe di precisione adeguate, da un flaconcino di vaccino che contiene 2,25 ml, dopo la diluizione prevista con soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%".

Quindi, ogni Regione, da ogni flacone di siero consegnato, otterrebbe ben il 20% in più delle dosi conteggiate dal ministero della Salute.

Bene. Se questa è la spiegazione ufficiale e le Regioni conteggiano il numero di vaccini reali somministrati, allora a mentire è l’app di Arcuri.

Con 6 dosi spendibili invece di 5 per ogni fiala, su tutto il territorio nazionale le dosi totali non sarebbero 983.775, ma il 20% in più: cioè 1.180.530. Ne vanno aggiunte quasi 200mila. Insomma, facendo due conti, se 718.797 sono i vaccini somministrati al 12 gennaio, la percentuale di somministrazione raggiunta sulle dosi consegnate risulta falsata al rialzo. Non sarebbe 72,3%, ma un più modesto 60,8%. Ecco, allora, che forse non potremmo più vantarci di essere i primi della classe.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sbrigati

Mar, 12/01/2021 - 14:32

Trovo strano che un flaconcino contenga 6 dosi invece di 5, comunque se ce ne sono 6 che ne facciano 6. Un altro mistero italiano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 12/01/2021 - 15:26

Anche in Campania le vaccinazioni sono in numero superiore delle dosi consegnate. Che giri già il vaccino falsificato? Cose da superiorità sinistra.

Junger

Mar, 12/01/2021 - 15:48

Considerato che la millantata efficacia (95% da verificare) della terapia genica Pfizer e/o moderna avviene a 50 giorni dalla prima inoculazione possiamo anche sperare nella primavera e nella bella stagione in cui i virus sono "clinicamente morti". Da letteratura medica un vaccino tradizionale produce una risposta anticorpale completa in circa 15 giorni. Assembliamoci selvaggiamente (come è successo a Napoli) per inocularci la terapia genica di stato! Avanti compagni!

SemprePiùBasito

Mar, 12/01/2021 - 16:00

In questo paese non ci si smentisce mai, siamo un paese dei furbi ma anche dei criminali con una simile gestione.

Indifferente

Mar, 12/01/2021 - 16:10

Si vede che il produttore non sa neanche quanto vaccino contiene un flacone (scherzo)..Comunque 2.25ml consentirebbero anche 7 dosi da 0.3 ma capisco la difficoltà. Sarebbe interessante sapere al di sotto di quale quantità il vaccino diventerebbe praticamente inutile (così come dopo quanti giorni dalla prima dose una seconda sarebbe poco o nulla efficace dovendosi ormai considerare essere nuovamente "la prima").

Eridano

Mar, 12/01/2021 - 16:19

Oltre a "boldrinate" tra poco si conierà anche "arcuriate"

agosvac

Mar, 12/01/2021 - 16:22

Secondo me un vaccino così delicato da somministrare dovrebbe essere in flaconcino monodose, vero che il prezzo aumenterebbe ma non ci sarebbero rischi che, per noncuranza o errore, tutto il flacone venga contaminato con conseguenze che potrebbero essere molto gravi.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 12/01/2021 - 16:22

Da dove cominciare per demolire questa montagna di sciocchezze? Direi dalla fine "Ecco, allora, che forse non potremmo più vantarci di essere i primi della classe." sbagliato. Siamo i migliori in Europa perchè è in termini assoluti che abbiamo vaccinato più gente di tutti non relativi. Quel governo che tanti disastri doveva fare ha invece fatto arrivare tutti i vaccini che erano disponibili bene e in tempo alle regioni e le regioni, chi più chi meno (o molto meno) li hanno efficacemente somministrati. Quanto all'app di Arcuri, o chi ha scritto l'articolo non sa leggere, o deve essere distratto dal momento che sotto sotto lista di cui sopra sul sito, c'è scritto: "Le quantità consegnate sono calcolate considerando, al momento, cinque dosi per fiala (cioè quante il produttore ha certificato essere sicuramente disponibili, ndr). Pertanto, eventuali valori percentuali superiori a 100 evidenziano l'utilizzo della sesta dose.". Cosa c'è da capire?

silvano45

Mar, 12/01/2021 - 16:28

Povero paese commissari esperti commissioni virologi politici giornalisti con un unico scopo potere soldi carriere tutti accumunati da incapacità nessuna trasparenza menefreghismo nessuna morale uno schifo di personaggi.

Raffaello13

Mar, 12/01/2021 - 16:28

In questo articolo si segnala che non tornano i conti sulle dosi, ma sulla fornitura di Mascherine, Camici, Macchinari, ecc... tornano i SOLDI?

pasquino38

Mar, 12/01/2021 - 16:30

Fossero solo questi i conti che non tornano! Dal Piano Strategico varato dal Ministro della salute il 12/12/2020, risulta che la Pfitzer avrebbe fornito NEL 1° TRIMESTRE 2021 8.749 mln di dosi di vaccino. Oggi apprendiamo da tutta la stampa che le consegne ammontano a 474.000 dosi a settimana. In un trimestre 12 settimane, 12 x 474.000 = 5.688.000, cioè 3 mln un meno. Qualcuno conosce la spiegazione?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 12/01/2021 - 16:37

Tutto 'sto ambaradan per cercare, pateticamente, di "giustificare" i ritardi che alcune regioni di cdx presentano rispetto alla media nazionale, in particolare la tanto cara Lombardia per la quale nell'ordine abbiamo sentito: "Non sono le vaccinazioni che sono in ritardo ma i medici che sono in ferie" (Gallera), "Bisognerebbe trovare criteri differenti rispetto al numero di abitanti per distribuire pro quota i vaccini alle regioni” (Moratti, comincia benissimo sostenendo che alla Lombardia gliene mandano … troppi!), adesso spunta la scusa della “sovrastima” della copertura vaccinale. Peccato che valga per tutte le regioni, non solo per quelle che sembrano più volenterose ma anche per quelle in fondo alla classifica, se quindi è vero che il dato di copertura è sottostimato del 20% significa che “l’eccellente” Lombardia ha ancora 55 flaconi su 100 in magazzino dopo due settimane dall’inizio delle somministrazioni!

Happy1937

Mar, 12/01/2021 - 16:54

Nella foto il Megasupercommissario sembra suggerire agli altri di tacere; il primo a stare zitto dovrebbe invece essere proprio lui.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 12/01/2021 - 17:00

@agosvac Caro Agostino re delle vaccate lei si dimostra come sempre un genio! Così dove era sufficiente un aereo per trasportarli ce ne vorrebbero 5 dove serviva un camion refrigerato specifico ce ne vorrebbero 5 e anzichè avere bisogno di solo una avanzatissima cella di conservazione a -80° ne servono 5. Ah, e lo "sfrido", cioè quel quantitativo che non si riesce a recuperare dalla singola boccetta (ma che comunque impegna capacità produttiva) è di più in una singola boccetta o in 5 più piccole? Ma accendere il cervello prima di scrivere è troppo sforzo?

omaha

Mar, 12/01/2021 - 17:06

La cosa non mi stupisce per nulla. Mi auguro solamente, che questo errore non lo facciano i medici. Somministrare anche solo un sesto in più del vaccino previsto, ad un paziente, potrebbe causare effetti collaterali anche letali. E' già dimostrato che il farmaco Pzifer, mentre Moderna, sembra un pò meno invasivo, che abbia effetti collaterali anche gravi e che quindi è necessario che chiunque faccia o farà il vaccino, verifichi qualsiasi tipo di allergia a cui è predisposto.

barbarablu

Mar, 12/01/2021 - 17:40

hahahahahaha e noi dobbiamo credere a questi pubblicano i numeri e non si accorgono che sono sbagliati!

barbarablu

Mar, 12/01/2021 - 17:43

se nel flaccone la società produttrice dice che ci sono 5 dosi si devono ricavare 5 dosi se ne fai 6 non stai vaccinando correttamente... in campania fanno la cresta sul vaccino??????????????????

Ritratto di melara

melara

Mar, 12/01/2021 - 18:17

se tanto mi da tanto sarà come per le mascherine che le abbiamo pagate una cifra esorbitante consigliate dallo staff di Arcuri per cui non ci dobbiamo aspettare di meglio per i vaccini

Calmapiatta

Mar, 12/01/2021 - 18:17

Bah. Se la casa farmaceutica dice che sono 5 dosi, come è possibile ricavarne 6? E se già il vaccino ha così poca presa, non sarà ancora meno efficiente, se ulteriormente "annacquato"?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 12/01/2021 - 18:24

@barbablu, com'è vero che il riso abbonda sulla bocca degli stolti. Nessuno pubblica numeri "sbagliati" ma chi non li capisce. Ogni fiala contiene 0,45 ml di vaccino che deve essera diluita con 1,8 ml di soluzione per ottenere 2,25 ml di soluzione iniettabile. Ad ogni paziente si iniettano 0,30 ml di soluzione quindi in totale 1,5 ml, apparentemente ne resterebbero 0,75 ml ma non tutto questo quantitativo è recuperabile (stiamo parlando di meno di un millesimo di litro), basti solo pensare al liquido che bagna le pareti della fiala. Operatori particolarmente bravi, dotati di particolari siringhe riescono a recuperare da ciò che resta anche un'ulteriore sesta dose ma non è la regola ecco perché il produttore certifica la disponibilità di sole 5 dosi a fiala e non 6 e, ovviamente, il Ministero non può considerare nei suoi conti tale dose aggiuntiva che non tutti riescono effettivamente ad ottenere. Le regioni poi contano le dosi somministrate e non i flaconi utilizzati...

cgf

Mar, 12/01/2021 - 18:50

c'è un 20% per amici e conoscenti, chi crede che solo DeLuca si sia vaccinato? in Campania però, anche conteggiando 6 sono finiti prima, mistero