Drogata implora per una dose: i pusher africani la prendono a calci

Il fatto è avvenuto in pieno giorno e di fronte agli occhi dei cittadini presenti: una donna in evidente crisi d’astinenza arriva a prostrarsi di fronte ai pusher africani, implorandoli per avere della droga. Loro cercano di allontanarla in malo modo fino a prenderla a calci

Una scena raccapricciante quella avvenuta ieri pomeriggio ad Arezzo, per la precisione nei giardini del Porcinai, da tempo divenuti teatro di spaccio e di degrado imperanti.

A raccontare l’intero episodio su “La Nazione” è una giovane commerciante del posto che si è ritrovata, suo malgrado, ad assistere all’intero avvilente “spettacolo”. “A quell’ora c’è un monte di gente in giro, è anche per questo che non mi capacito”, spiega, ancora incredula. “Per terra, a strisciare, c’è una donna. Avrà avuto 40-50 anni, indossa un golfino rosso, si lamenta. È prostrata davanti a due giovani di colore: ‘Datemi una dose, vi prego, datemi una dose perché non ce la faccio più’”.

Questo, dunque, sono costretti a vedersi continuamente proporre i residenti della zona, che si trovano a passare per l’area verde situata dinanzi alla stazione ferroviaria di Arezzo. “I giardini della droga”, sono oramai arrivati a definirli con amarezza. I costanti controlli effettuati dalle forze dell’ordine, purtroppo, non sembrano sortire alcun risultato.

Stando a quanto riferito dalla ragazza, i due africani non si sarebbero affatto mostrati compassionevoli nei confronti di un essere umano ridotto ad umiliarsi per ottenere un veleno che loro stessi contribuiscono a diffondere. Infastiditi dalla presenza della donna, che di certo poteva portar loro soltanto dei guai, hanno tentato in ogni modo di allontanarla. “Vattene di qui, non ti diamo niente. Vai via, non è il posto adatto” le avrebbero detto con spezzo all’inizio. Poi, quando è stato palese che non se ne sarebbe andata, hanno cominciato a tempestarla di calci.

La donna, tuttavia, ha continuato ad implorare per ricevere la sua dose, ed alla fine uno dei due spacciatori ha raggiunto un terzo uomo. Quest’ultimo, seduto su una panchina in compagnia di una bimba, ha ascoltato quanto l’africano aveva da dirgli e poi si è diretto verso la supplice, ancora prostrata a terra.

“Hanno parlottato, lei si è calmata e si è rialzata. Si erano messi d’accordo” conclude la giovane testimone, che non riesce a nascondere lo sdegno e la rabbia. “Possibile che nella mia città, in mezzo alla mia gente, si debbano vedere scene così avvilenti?”.

Una domanda che continuano a ripetersi in molti, in ogni angolo d’Italia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

il corsaro nero

Ven, 12/10/2018 - 14:48

Sicuramente faccetta itterica dirà che hanno fatto bene poichè la ragazza gli rovinava il lavoro e per di più si era anche messa d'accordo con una terza persona, scandalo nello scandalo!

Gianni11

Ven, 12/10/2018 - 14:53

Contenti sinistroidi? Ci avete portato sia la droga, sia l'invasione di spoacciatori sia il femminismo che rende le donne sole e vulnerabili. Bei risultati.

venco

Ven, 12/10/2018 - 14:57

Povera donna mal allevata.

mariod6

Ven, 12/10/2018 - 15:13

Ovviamente sono tutti irregolari sul territorio e noti alle forze dell'ordine. però non si possono arrestare perché poi il magistrato, applicando la legge farlocca voluta dal PD, li rimette fuori seduta stante ed al massimo li mette ai domiciliari in parrocchia. Ma cacciarli fuori dal paese a calci no, eh ????

igiulp

Ven, 12/10/2018 - 15:51

Fatti di questo genere denotano la sudditanza della nostra civiltà nei confronti di quegli sporc...oni che ci hanno invasi e che ci vedono quindi come esseri inferiori e dominabili. Siamo alla frutta e anche marcia, direi.

Adespota

Ven, 12/10/2018 - 16:12

Copiamo dagli svizzeri in materia di tossicodipendenza ! Eviteremo episodi analoghi.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 12/10/2018 - 16:43

la sboldrina ha qualcosa da dire?????

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 12/10/2018 - 16:48

le è andata ancora bene che non le hanno fatto fare la fine della povera Pamela!

lawless

Ven, 12/10/2018 - 17:28

questo è il risultato dei cattocomunisti buonisti amanti degli invasori e dell'integrazione boldriniana nonchè dei senza legge delle ong..... e il peggio deve ancora venire!

Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 12/10/2018 - 17:36

Di fatto in quel lurido paese si liberalizzò la droga quando ammisero la non punibilità per la modica quantità ad uso personale. Qui i tossici fanno una brutta fine. Là grazie anche a pannella e la Bonino sono persone da rispettare anche se hanno scelto un suicidio lento e ai danni di altri. Mao Li Ce Linyi Shandong China

baronemanfredri...

Ven, 12/10/2018 - 19:37

KYENGE VAI E RIMPROVERA I TUOI AMICI NxxxI SPACCIATORI E CLANDESTINI

Massimom

Ven, 12/10/2018 - 20:11

Femministe sparite, tutte a leccare il c...o all'asia.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Ven, 12/10/2018 - 20:24

Fermi tutti. Non potete contestare l'operato degli spacciatori (risorse le definiva la Sx), altrimenti chi vi paga la pensione???

Una-mattina-mi-...

Ven, 12/10/2018 - 20:26

COLPA DEL DUCE: ADESSO CI PENSA L'ANPI