Atenei migliori al mondo, quelli italiani guidati ​dal Politecnico di Milano

Il Politecnico entra nella top 150. Il Mit si conferma l'università migliore al mondo per l'ottavo anno di fila

Atenei migliori al mondo, quelli italiani guidati ​dal Politecnico di Milano

Il Politecnico di Milano è la prima università in Italia e ed entra nella top 150, diventando il 149esimo istituto migliore del mondo, scalando ben 7 posizioni rispetto alla graduatoria dello scorso anno. È quanto emerge nella classifica mondiale Qs World University Rankings che, per il 2019, inserisce 34 atenei italiani, 4 in più rispetto allo scorso anno. Sul gradino più alto del podio della graduatoria mondiale è salito il Mit di Boston, che si conferma tale per l'ottavo anno consecutivo. Seguono altre due università americane: la Stanford University e Harvard.

Degli altri atenei italiani, presenti nel Rankings, 14 migliorano rispetto allo scorso anno, 5 peggiorano, mentre gli altri mantengono la stessa posizione. Tra i nuovi ingressi, tutti tra l'801esimo e il millesimo posto, troviamo Parma, Udine, Salerno e il Politecnico di Bari. L'istituto Sant'Anna di Pisa, invece, entra nella top 10 per quanto riguarda l'impatto della ricerca prodotta. Il direttore della QS Intelligence Unit ha sottolineato come l'Italia abbia "eccellenze universitarie straordinarie" e ha augurato che "la sua classe dirigente la sostenga con investimenti adeguati e politiche lungimiranti". L'università italiana, maggiormente migliorata nel corso dell'anno risulta essere Firenze, che guadagna oltre 53 posizioni, seguita dall'ateneo Federico II di Napoli, che risale 48 gradini.

La classifica si basa su una ricerca, che prende in considerazione le valutazioni di 94mila tra docenti e accademici e di oltre 40mila direttori delle risorse umane, oltre all'analisi delle pubblicazioni scientifiche delle singole università. Vengono valutati vari aspetti della vita universitaria, che corrispondono a quattro indicatori: l'impatto della ricerca prodotta, in cui il Sant'Anna di Pisa si è aggiudicato il decimo posto, la reputazione accademica e la proporzione tra docenti e studenti.

Infine, viene valutata anche la reputazione aziendale, che stabilisce da quali atenei escono i migliori laureati, per la quale è stato indicato il Politecnico di Milano, come uno segli istituti più apprezzati. "Un passo in avanti per la città di Milano e per il territorio lombardo- ha commentato il rettore del Politecnico- ma di cui non ci accontentiamo. Siamo consapevoli che i prossimi risultati dipenderanno dalla nostra capacità di attrarre docenti qualificati dall’estero e dalla volontà del Paese di mettere in atto politiche universitarie adeguate".

Commenti