Banchi e sedute per le scuola, produrli entro il 31 agosto è una "missione impossibile"

Denuncia di Assufficio e Assodidattica: "Pretendono di realizzare in 23 giorni la produzione di 5 anni". Il bando Arcuri rischia di andare deserto e le associazioni lanciano un allarme: "Rischio concreto che un comparto industriale venga spazzato da un solo fornitore non italiano, che produce nel Sud Est asiatico, con un prodotto non rispondente a leggi e anormative di sicurezza"

Produrre e consegnare i nuovi banchi e le sedute per le scuole entro i termini indicati dal bando per le aziende è letteralmente una missione impossibile e c’è il rischio che un fornitore straniero monopolizzi il mercato danneggiando le aziende italiane, magari con prodotti non a norma. A lanciare l’allarme, in una nota congiunta, sono Assufficio di FederlegnoArredo e Assodidattica, a cui aderiscono i produttori e i distributori italiani dell’arredo scolastico ed educativo, coprendo oltre il 95% del fatturato nazionale.

”Leggendo il bando di gara indetto dal commissario Arcuri per l'acquisto di banchi monoposto e sedute destinati alle scuole italiane viene da chiedersi se, prima di stenderlo, qualcuno si sia posto il problema se sarebbe andato deserto. Purtroppo sembra di no, nonostante, come da noi spiegato agli uffici competenti i numeri dicano che il bando andrà sicuramente deserto - sottolineano -. Perché? Perché un acquisto centralizzato di 3,7 milioni di pezzi tra banchi monoposto e sedute, è pari ad oltre la produzione di 5 anni di tutte le aziende nazionali certificate per fornire arredamento alla pubblica amministrazione. Ma non solo, il bando prevede la sottoscrizione del contratto entro il 7 agosto e la consegna nelle scuole (ovunque sul territorio nazionale) entro il 31 agosto. In pratica significa che dal 7 al 31 agosto, cioè in 23 giorni compresi tutti i festivi, dovrebbe essere concentrata la produzione di 5 anni. Certamente una missione impossibile".

"Nella migliore delle ipotesi - spiegano Assufficio e Assodidattica - la capacità produttiva attuale potrebbe arrivare a 120.000 pezzi consegnati entro fine settembre, a patto che siano disponibili pannelli, tubolari, insomma tutti i componenti che concorrono alla realizzazione dei prodotti oggetto del bando. A tutto ciò si aggiunga che anche la consegna e la messa in loco degli arredi è in capo ai fornitori è evidente come siamo stati messi davanti a una missione impossibile che avrà due gravi conseguenze. I ragazzi non potranno avere i nuovi banchi con ricadute sull'avvio dell'anno scolastico e le procedure di gara regolarmente in corso o addirittura già vinte saranno bloccate, pertanto i quantitativi su cui le aziende avevano già predisposto un piano di produzione adeguato alle tempistiche richieste dalle stazioni appaltanti, non saranno consegnati”, si sottolinea ancora nella nota.

Assufficio e Assodidattica puntano anche l’indice sul “rischio concreto che un comparto industriale venga spazzato via da un bando di gara che potrebbe avere un solo fornitore non italiano, che produce nel Sud Est asiatico, con un prodotto che non risponde alle leggi e alle normative di sicurezza e a favore della corretta postura di bambini e ragazzi, a cui tutti i produttori italiani e comunque chi vuole vendere alla PA, deve assolutamente attenersi”.

"Siamo certi che questo non sia nei desiderata della scuola, quasi come se per legge all'improvviso si decidesse che non si possono più realizzare infissi in legno o in alluminio ma solo in pvc; tutto ciò sulla base di un presupposto emergenziale che non ha nessun fondamento scientifico. Anzi la seduta su ruote va in direzione opposta alla scelta del distanziamento sociale, che ha portato alla scelta del banco monoposto".

"Non vogliamo addentrarci oltre sulla parte riguardante il mancato rispetto delle norme di sicurezza dei prodotti cui ha fatto pubblicamente riferimento lo stesso ministro Azzolina, ma che ci sono ben chiare e che siamo disponibili a illustrare allo stesso ministro. La nostra professionalità, il nostro know-how in materia - conclude la nota - è un valore aggiunto che mettiamo nuovamente a disposizione di Governo e Protezione Civile che, purtroppo, constatiamo averci ignorato. L'auspicio è che ci sia un cambio di rotta e possiamo essere messi nelle condizioni di lavorare per contribuire alla ripartenza in sicurezza dell'anno scolastico che, stante le condizioni attuali, vediamo a rischio".

Sul tema è intervenuto anche Roberto Calderoli: "Per la serie il commissario Arcuri colpisce ancora...", ha detto il senatore della Lega e vicepresidente del Senato, "Eravamo stati facili buoni profeti nel prevedere due settimane fa che la nomina a commissario per le scuole di Domenico Arcuri, dopo i ben noti disastri combinati sulle mascherine e i dispositivi di protezione, avrebbe prodotto altri disastri e infatti... Non bisognava essere dei geni per immaginare che non bastavano quattro settimane per realizzare milioni di banchi scolastici. Domanda: ma prima di fare degli annunci a casaccio il ministro Azzolina non poteva domandare ad Arcuri di informarsi? Almeno qualche telefonata... Sbagliare è umano, caro Arcuri, ma perseverare, costa caro agli italiani...".

"Il ministro Azzolina, di professione 'gaffeur a 5 Stelle', viene smentita anche dai produttori italiani che dichiarano l'impossibilità di produrre in così poco tempo gli 'economici' banchi autoscontro", dicono i deputati di Fratelli d'Italia Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti, "Calato il sipario sul plexiglas, la scuola pur senza i banchi autoscontro, resta pericolosamente sull'ottovalente per colpa delle strampalate idee del suo ministro che alla scuola continua a preferire il luna park e i fenomeni da baraccone".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 22/07/2020 - 16:14

state sereni,ci sono i cinesi che sanno essere riconoscenti cash su paradisi fiscali o tramite valigette!!!

Happy1937

Mer, 22/07/2020 - 18:39

La storia di questi banchi mi sembra della serie " Franza o Spagna, basta che se magna".

newman

Mer, 22/07/2020 - 18:43

Li acquistino all'estero. Nelle scuole degli Stati Uniti vengono usati solo banchi singoli. Possono essere accostati, eventualmente, peró ogni scolaro ha il suo banco.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 22/07/2020 - 18:47

bandog 16:14...di sicuro!...Poi,ha visto questi "banchi"?(€ 300/pezzo)....con sedia a 5 ruote,con attaccato mensolina,dove sta solo un PC e forse il mouse...."distanziamento sociale"!!..."banchi anti covid"!!!.....Vedrà che distanziamento!...I ragazzi giocheranno all'"AUTOSCONTRO VIRALE"!!

ROUTE66

Mer, 22/07/2020 - 18:48

Con tutta la buona volontà neanche i CINESI riescono a produrre imbarcare consegnare,dogana compresa in 23 giorni. Della serie ARCURI ha colpito ancora

ITA_Chris

Mer, 22/07/2020 - 19:49

Speriamo che vada si deserta. Dopo che li avranno presi, Sara finito il covid.

lolafalana

Gio, 23/07/2020 - 10:09

E' un classico delle gare di fornitura, imporre clausole tagliate su una impresa specifica o assolutamente impossibili da soddisfare per tutte le altre ditte perchè si ha già in mano il produttore specifico che si vuole far vincere, mi pare semplice da capire...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 23/07/2020 - 10:09

Ordinateli in Cina, Costano un quarto e arriveranno in 15 giorni. Gli italiani allaprima occasione ci speculano su.

Calmapiatta

Gio, 23/07/2020 - 10:23

Razza di imbelli. E cercare soluzioni alternative siete capaci? Magari utilizzare cinema e teatri rimasti vuoti per il COVID? Sale riunioni? Ma chi governa questo apese topolino?

jaguar

Gio, 23/07/2020 - 10:31

Magari con qualche aiutino"sottobanco"si può fare.

Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 23/07/2020 - 11:55

...forse non tutti sanno che uno dei punti della riforma Renzi negli istituti professionali si basava proprio sulle competenze da acquisire nei lavori di gruppo. E adesso che faranno ? Lo sa la ministra ?

Ilsabbatico

Gio, 23/07/2020 - 12:28

Tutto il mondo è già rientrato a scuola e rientrerà a scuola a settembre senza problemi di banchi e sedie, e lì in Italia sono a disquisire sui banchi e sulle sedie anticovid... Italiani sveglia!!!

hectorre

Gio, 23/07/2020 - 13:14

quando gli incompetenti vogliono fare gli esperti nascono solo disastri!!!...prima di dire fesserie si devono consultare i produttori e chiedere se è fattibile e in quanto tempo, poi si fa il proclama, prendendone i meriti...ma sappiamo come lavora arcuri e cosa combina la azzolina...coppia peggio assortita non ci poteva capitare!!!....daranno la colpa alla ditta che non riuscirà a consegnare i banchi per tempo!!!....A CASA E AL VOTO, SUBITO!!!!!

maxfan74

Gio, 23/07/2020 - 13:36

Facciamo sbarcare milioni di falegnami africani ce li faranno in ebano...

carpa1

Gio, 23/07/2020 - 13:58

La vera missione impossibile sembra essere quella di avere dei ministri decenti. Del resto, con un pdc del genere, che cosa mai si potrebbe pretendere! Mi sembra l'azienda in cui ho lavorato dove, quando un dirigente cambiava reparto, si portava dietro i più pilla dei suoi collaboratori in modo da apparire sempre all'altezza.

frabelli1

Gio, 23/07/2020 - 14:18

C’è veramente bisogno di cambiare tutti i banchi di scuola? Ne siamo sicuri? Penso che adattare o sistemare quelli che ci sono sarebbe più che sufficiente

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 23/07/2020 - 14:45

Nothing is impossible

ulio1974

Gio, 23/07/2020 - 14:55

ordinateli all'IKEA.

ulio1974

Gio, 23/07/2020 - 15:06

....ogni scusa è buona per non andare a scuola!

obiettore

Gio, 23/07/2020 - 15:20

Che li ordiniamo in Cina, sempre che non l' abbiamo già fatto.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 23/07/2020 - 16:55

I cafoni pensano di poter fare tutto coi soldi, specialmente all'ultimo momento.