Coronavirus

"Basta idiozie sul vaccino: ecco perché serve anche agli under 5"

Sicurezza, efficacia, effetti collaterali, impatto su ricoveri e Long Covid del vaccino per i bambini. Ne parla la pediatra infettivologa Elena Bozzola

"Basta idiozie sul vaccino per i bimbi. Ecco perché serve anche agli under 5" Esclusiva

La curva dei contagi si piega, calano ospedalizzazioni e ricoveri in terapia intensiva, Omicron morde meno. Non per tutti. Il boom di positivi tra i piccolissimi under 5, gli unici che non si possono vaccinare, rallenta la frenata del virus. Ma ancora per poco. Il 15 febbraio l’americana Food and Drug administration dovrebbe approvare il preparato messo a punto da Pfizer-BioNTech per la fascia 6 mesi-4 anni. Elena Bozzola, pediatra infettivologo presso l’Ospedale Bambino Gesù di Roma, spiega a ilGiornale.it perché il vaccino per i piccolissimi è l’arma contro gli effetti sottovalutati del Covid.

A breve verrà approvato il vaccino anche per la fascia 6 mesi-4 anni: cosa sappiamo, è sicuro?
"Pfizer-BioNTech ha richiesto alla Food and Drug Administration l’autorizzazione a procedere per la vaccinazione nei più piccoli con due dosi di vaccino di 3 micro grammi, 1/10 del preparato messo a punto per gli adulti. Dunque, sono stati fatti studi per minimizzare il rischio di effetti collaterali e garantire la sicurezza a fronte di una buona efficacia del vaccino. Detto questo, bisognerà aspettare il parere di Fda e vedere i dati delle somministrazioni ai bambini americani. Mamme, papà, e anche nonni aggiungerei, possono stare sereni che ai bimbi non verrà dato un vaccino sperimentale e non senza l’ok da parte delle autorità regolatorie competenti".

Dai dati, però, è emerso anche che tra i 2 e i 4 anni l’efficacia sembrerebbe essere inferiore nel prevenire contagio.
"Per ora si tratta ancora di dati preliminari che dovranno essere oggetto di studio ulteriore da parte di Fda. La cosa importante è effettuare la vaccinazione, perché i contagi stanno calando ma non nella fascia dei più piccoli, per i quali fino ad ora non è previsto il vaccino. Che sarebbe, invece, fondamentale per prevenire le forme più gravi e i ricoveri. Sotto i cinque anni ci sono 273mila casi con 5.500 ospedalizzati, 90 ricoverati in terapia intensiva e 10 morti. Numeri in linea con i dati americani: 10 milioni di bambini positivi, di cui 1,6 milioni sotto i 4 anni. Quindi parliamo di dati importanti".

Di solito i bambini sviluppano pochissimi sintomi, un po’ di tosse e qualche linea di febbre. Perché, allora, dovremmo vaccinarli?
"È vero. Sappiamo che la positività di un bambino al momento decorre con pochi sintomi, però, non sappiamo che cosa ci riserverà il futuro e mi riferisco a tutte quelle conseguenze che può comportare un’infezione da Covid. Aumenta di due volte e mezzo la probabilità di sviluppare il diabete, c’è il rischio della Mis-C, la malattia multisistemica pediatrica, del Long Covid. Quindi se abbiamo un’arma per prevenire tutto questo ritengo sia importante valutarla. E per quanto riguarda le preoccupazioni relative agli effetti collaterali, abbiamo visto anche nella fascia superiore, tra 5 e 11 anni, diminuendo la dose diminuisce anche il rischio di eventi secondari".

Però la somministrazione del vaccino ai bambini non pare decollare. Perché?
"In realtà c’è una concausa di due fattori. All’inizio quando è arrivato il vaccino, come sempre, noi italiani siamo stati a vedere. Io i miei figli gli ho vaccinati immediatamente. Diciamo che in genere è prevalsa la tendenza: facciamo le vacanze di Natale e vediamo un po’ come va. Poi, dopo le feste, con il picco di contagi da far paura, soprattutto tra i bambini, molti genitori sono corsi a vaccinarli. La frenata è dovuta al fatto che circa un 10% dei bambini ha contratto il Covid, un 30% si è già vaccinato e, lo dico per esperienza oltre che di pediatra anche di mamma, una buona parte è in quarantena. Non sa quanti casi di mamme che mi dicono di aver dovuto cancellare la prenotazione perché magari la quarantena finiva il giorno dopo. Così per un giorno devono riprogrammare l’appuntamento, cosa non sempre facile, perdendo l’opportunità di vaccinare il proprio figlio. Un peccato. Spero che con questa revisione delle normative sulla quarantena la situazione si sblocchi".

Non è che non si è fatto abbastanza per tranquillizzare i genitori?
"All’inizio tra i genitori c’era veramente paura, questo anche perché circolavano le varie fake news e anche i miei colleghi, non pediatri, non hanno aiutato. Molti dicevano che il vaccino ai bambini non serve. Ora per fortuna si sono ricreduti, ma all’inizio hanno contribuito a instillare il dubbio. Poi, mi scusi la parola, sono state dette delle idiozie allucinanti, che bisogna vedere se poi avrebbe avuto degli effetti sulla pubertà, eccetera. Il problema è che se lo dice un personaggio che ha una visibilità televisiva, per quanto smentito con evidenze scientifiche, si insinua il dubbio nelle mamme, perché comunque ha parlato un medico. Adesso, questa fase di paura è calata e sono più che altro le difficoltà di carattere organizzativo dovute alle regole sulle quarantene a frenare le vaccinazioni nei bimbi".

Secondo un report dell’Aopi, l’associazione ospedali pediatrici italiani, dei neonati ricoverati in terapia intensiva 7 su 10 sono figli di no vax e nella fascia di età vaccinabile sopra i 5 anni, il 76% dei ricoverati non ha ricevuto il siero. È così?
"Sì, purtroppo si è vista questa relazione nei piccolissimi. Ed è per questo che ne approfitterei per lanciare un appello alle donne incinte di prendere in considerazione la vaccinazione. Abbiamo avuto anche bambini sotto i 14 giorni di vita ricoverati per una bronchiolite da virus respiratorio sinciziale che poi sono risultati positivi al Covid. E sappiamo che quando più virus si alleano non è mai un bene per il bambino. Poi, vaccinandosi la madre trasmette una quota di anticorpi IgG attraverso la placenta. E per le donne vaccinate un’altra cosa importante è allattare, perché si è visto che una parte minimima di IgA, le immunoglobuline protettive, passa con il latte materno: un’arma in più a disposizione del bambino per combattere virus".

Le è mai capitato qualche caso di genitori No Vax di bambini ricoverati che poi si sono ricreduti sul vaccino?
"Purtroppo no e da noi, al Bambino Gesù, c’è ne sono tanti. Nonostante i bambini ricoverati stiano male, non fanno nessun passo indietro, c’è proprio una sorta di annebbiamento, di rifiuto nell’accettare il ruolo del vaccino come salva vita. Anzi, li vedo ancora lamentarsi di dover mostrare il Green pass quando vanno al bar a prendere un caffè, considerandola una limitazione della libertà e negando la realtà dei dati. La prova è il fatto che l’incidenza sia più bassa nella fascia degli over 80, proprio dove la percentuale di vaccinati è maggiore. Ma anche davanti all’evidenza e scottandosi la mano, come si suol dire, restano convinti".

Al di là dei rischi immediati di ammalarsi di Covid per i bimbi a far paura sono gli effetti a lungo termine, che si sviluppano anche negli asintomatici.
"Il bambino è esposto al Long Covid come l’adulto. Essendo però la maggior parte degli adulti coperti dalla vaccinazione, sono proprio i piccolissimi a rischiare le complicazioni a lungo termine, come persistenza di sintomi respiratori, difficoltà dal punto di vista neuropsicologico, difficoltà nell’addormentamento, dell’attenzione, un rischio di Mis-C, che è molto elevato nella fascia pediatrica tra 7-8 anni. E che si riscontra, appunto, anche nei bambini sani con un decorso del tutto asintomatico o paucisintomatico della malattia. Proprio nel giugno scorso mi è capitato un caso di una bambina di cinque anni con genitori vaccinati. Arriva da noi in ospedale con febbre altissima, fa il tampone, ma risulta negativo. Non riuscendo a capire cosa avesse, le facciamo anche un test sierologico.

Si scopre che aveva contratto il Covid e che, nonostante lo avesse avuto in forma asintomatica, a distanza di mesi si era sviluppata la malattia multisistemica, una malattia per cui il 70% dei casi richiede l’ospedalizzazione. Un rischio che invito a considerare quando si valuta se vaccinare o meno i propri bimbi".

Commenti