Bibbiano, ecco come si fabbricano i "falsi ricordi" nei bambini

Diversi studiosi hanno dimostrato che è possibile manipolare la memoria e creare ricordi di fatti mai accaduti nella mente delle persone. Così gli assistenti sociali di Bibbiano creavano "falsi ricordi" nei bimbi

Si può stare male, soffrire, mentalmente e fisicamente, per qualcosa che non è mai accaduto? Si chiama effetto "nocebo". Una reazione negativa generata da qualcosa di nocivo che però esiste soltanto nell’immaginazione. La prima studiosa a parlare di memoria falsata e "falsi ricordi" è la psicologa statunitense Elizabeth Loftus, che da anni si batte per il riconoscimento di quella che considera come una vera e propria sindrome. La memoria, infatti, spiega la psicologa, non è uno scrigno impermeabile ma il frutto di ricostruzioni fatte sul momento da ognuno di noi. E operando opportune manipolazioni è possibile portare le persone a pensare di ricordare cose che in realtà non sono mai accadute.

I più vulnerabili a questo tipo di meccanismo sono i bambini e gli anziani. In sintesi, secondo gli esperti citati in un approfondimento Avvenire, non c’è bisogno di aver vissuto "un’esperienza esterna per creare una memoria". Si può ricordare qualcosa anche per il semplice fatto di essere stati indotti a farlo. Il risultato è che se ricordiamo qualcosa siamo convinti che quel qualcosa sia accaduto davvero. Dai falsi ricordi, quindi possono generarsi delle conseguenze vere e tangibili.

Emblematica e a tratti inquietante, in proposito, è la storia di Michelle Smith, moglie dello psichiatra canadese Lawrence Pazder. Negli anni ’80, come ricostruisce un dossier del Fatto Quotidiano, viene dato alle stampe il volume Michelle Remembers, racconto di centinaia di ore di sedute di ipnosi in cui la donna ha ripercorso un’infanzia fatta di molestie sessuali, orge, omicidi rituali, che si svolgevano nella cantina di casa sua e nel cimitero della città in cui viveva. La responsabile delle atrocità sarebbe stata la madre di Michelle, affiliata ad una setta satanica.

Peccato che dei suoi racconti non ci fosse nessuna prova. Nessuna segnalazione, nessun omicidio denunciato, addirittura la sua casa non aveva neppure una cantina. Soltanto dopo anni di inchieste si scoprì che le aberrazioni raccontate da Michelle erano soltanto un remake del film horror diretto da Roman Polanski, Rosemary’s Baby. Ma nello stesso periodo vennero fuori decine di casi in Nord America, in Europa e persino in Italia. Nessuna delle accuse fu confermata.

Proprio come a Bibbiano, dove secondo l’inchiesta Angeli e Demoni, gli assistenti sociali della Val D’Enza avrebbero falsificato le relazioni da consegnare al tribunale dei minori per allontanare i bimbi dalle loro famiglie e darli in affido. Un business che secondo quello che raccontano le carte dell’inchiesta avrebbe fruttato centinaia di migliaia di euro. Ma dietro le pressioni psicologiche sui minori ci sarebbe stata anche una vera e propria ideologia, che si contrappone alla prassi indicata dai tribunali: quella del guru del centro Hansel & Gretel, Claudio Foti.

Il copione di Bibbiano, fatto di domande mirate a tirare fuori dalla mente dei bambini episodi mai verificatisi nella realtà, alterando così le loro testimonianze a favore della versione prediletta dagli specialisti, si ripete in altre inchieste per abusi: da Biella a Rignano Flaminio. Dietro le perizie sulle presunte vittime c’è sempre lui, Claudio Foti e i suoi collaboratori.

La sua teoria parte dal presupposto che bisogna tirare fuori dal bambino il ricordo della violenza, che quasi sempre viene tenuto nascosto, chiuso in un cassetto del cervello. Tocca agli psicologi tirarlo fuori. Anche quando è nascosto così bene che è quasi impossibile trovarlo. Forse proprio perché il fatto non è mai esistito.

Eppure gli strumenti a tutela dei più vulnerabili, in questo caso i bambini, esisterebbero. La Carta di Noto, ricorda Il Fatto Quotidiano, disciplina le buone pratiche da rispettare per condurre i colloqui con i minori. Tra le procedure vietate c’è quella delle domande martellanti o che possano suggestionare i bambini. Chi interroga un bambino, inoltre, non deve mai esprimersi sulla veridicità o meno di un fatto. Al contrario di quello che accadeva a Bibbiano.

Del resto proprio Foti in un suo scritto l’aveva definita nient’altro che un “vangelo apocrifo”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

timoty martin

Mar, 21/01/2020 - 11:46

Questa brutta vivenda è una vergogna per chi ha messo in piedi questo sistema di lucro, è una vergogna per tutta l'Italia perchè i nostri sistemi di controllo (se mai ce ne sono??) non hanno potuto impedire questi orrori e le troppe sofferenze di bambini e genitori. Verranno mai severamente condananti i colpevoli? Si vergognino, se ci riescono.

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mar, 21/01/2020 - 12:03

Gentaglia.

bongide

Mar, 21/01/2020 - 12:07

Io mi auguro che questa vicenda termini con la condanna a vita dei responsabili. Ciò che hanno fatto è sicuramente peggio di un omicidio, sia per i bambini che per i famigliari.

PassatorCorteseFVG

Mar, 21/01/2020 - 12:12

questa si. é innovazione, in fondo fabbricare niente dal nulla e solo capacità sovrumana, mi ricorda una filastrocca serba: ima da ima , ima da nema, al nema da ima , kao sto ima da nema.semplifico: c"é da c"è, c"é da niente. traduzione iniziale letterale, ma il significato é chiaro,si puo solo produrre qualcosa da un altra cosa, ma dal nulla si puo solo fabbricare niente. almeno cosi,dicono le leggi della fisica. ciao a tutti.