Bitonto, uccide la moglie davanti al figlio e poi si getta dal balcone

Un quarantenne di origini tunisine ha ucciso la moglie 30enne con un coltello e poi ha tentato il suicidio lanciandosi dal balcone di casa di Bitonto (Bari) dove è avvenuto l’omicidio

Tragedia familiare a Bitonto (Bari). Un uomo di quarant'anni ha ucciso la moglie 29enne con un coltello e poi ha tentato il suicidio lanciandosi dal balcone di casa, al terzo piano di una palazzina. È accaduto verso le 7,30 di stamani.

L'uomo, di origini tunisine, è ricoverato in gravi condizioni ma non sarebbe in pericolo di vita. Al momento del grave episodio in casa c’era il figlio di 4 anni della coppia, mentre gli altri due, di 5 e 7 anni, erano a scuola. I carabinieri, la cui stazione si trova a pochi metri dal luogo del delitto, sono subito accorsi sul posto. Pare che già fossero intervenuti alcuni giorni fa per sedare una violenta lite tra i due coniugi.

L'uomo, che ora è piantonato in ospedale, è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario. Secondo i primi accertamenti la donna sarebbe stata colpita alla schiena con diverse coltellate.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.