La lezione di Sam ai buonisti: non cede al politically correct

Si chiama Sam Leshnak ed è uno dei portieri di riserva del North Carolina Courage la giocatrice a non essersi inginocchiata durante l'inno nazionale per solidarietà col movimento Black Lives Matter

La partita di calcio femminile tra North Carolina Courage e Portland Thorns si è svolta regolarmente sabato mattina, in uno stadio deserto per le norme anticovid. Durante l'inno nazionale le giocatrici in campo si sono inginocchiate per mostrare solidarietà verso il movimento Black Lives Matter. Tutte. Tranne una, lontano dai riflettori, una ragazza che è il portiere di riserva: si chiama Sam Leshnak (o Sam Murphy). Sam durante l'esecuzione di Star Spangled Banner, è rimasta ritta davanti alla panchina, con la mano sul cuore, come da tradizione venendo immortalata da un fotografo presente sugli spalti.

Inizialmente non si sapeva chi fosse la ragazza: si pensava si trattasse di Katelyn Rowland, il primo portiere, ma la giocatrice ha smentito in un tweet.

Una gesto simbolico forte per questi tempi. Un gesto che sta costando caro alla giocatrice che viene attaccata sui social pesantemente da colleghe e da semplici utenti del web, sempre pronti a schierarsi dalla parte del gregge soprattutto quando c'è da puntare il dito verso chi non si adegua al "gregge".

Perché se è giusto schierarsi contro la violenza della polizia, soprattutto negli Stati Uniti, è altrettanto giusto dividersi dalla massa informe che, sfruttando le proteste, strumentalizzandole, sta attaccando non solo un sistema ma un'intera cultura, quella occidentale.

Allora ci viene in mente una frase di un altro Sam, un personaggio di un libro fantasy che abbiamo nel cuore: Il Signore degli Anelli.

In un passo de "Le due Torri", Samvise Gamgee mentre sta per raggiungere Mordor insieme a Frodo, per fargli forza in un attimo di scoramento gli ricorda quello che è il destino di tutti gli "eroi inconsapevoli", personaggi che si sono trovati in situazioni difficili e sono diventati eroi "loro malgrado".

Tolkien, nel passo, fa dire a Sam, quando Frodo afferma "Nulla di tutto ciò che ci circonda mi piace", che il sentiero è ormai segnato e che "Noi non saremmo qui, se avessimo avuto le idee un po' più chiare prima di partire. Ma suppongo che accada spesso. Penso agli atti coraggiosi delle antiche storie e canzoni, signor Frodo, quelle ch'io chiamavo avventure. Credevo che i meravigliosi protagonisti delle leggende partissero in cerca di esse, perché le desideravano, essendo cose entusiasmanti che interrompevano la monotonia della vita, uno svago,un divertimento. Ma non accadeva così nei racconti veramente importanti, in quelli che rimangono nella mente. Improvvisamente la gente si trovava coinvolta, e quello, come dite voi, era il loro sentiero. Penso che anche essi come noi ebbero molte occasioni di tornare indietro, ma non lo fecero. E se lo avessero fatto noi non lo sapremmo, perché sarebbero stati obliati".

Ecco che quindi, per una strana ironia della sorte, la giovane calciatrice di nome Sam si ritrova ad avere lo stesso nome e lo stesso ruolo del personaggio fantastico tolkeniano. Il ruolo di un risveglio delle coscienze, di chi sta "in piedi tra le rovine" animato da un sentimento che non si piega alla morale della massa, che guarda oltre e prosegue per un cammino difficile sobbarcandosi l'onere di essere testimone di chi non si arrende.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

frapito

Lun, 29/06/2020 - 12:27

Ecco una ragazza con "le palle" e con il proprio "pensiero". Chapeau!!!

Giorgio Colomba

Lun, 29/06/2020 - 12:31

Vendere il cervello all'ammasso va di moda, ma per fortuna non tutti la seguono.

grandeoceano

Lun, 29/06/2020 - 12:35

Bravissima. Non aver nessun timore. Distinguiti dal gregge demokraticamente corretto ed eticamente corrotto.

Malacappa

Lun, 29/06/2020 - 12:46

Brava ben fatto

steacanessa

Lun, 29/06/2020 - 12:46

Un fiore di ragazza!

ernocz

Lun, 29/06/2020 - 13:03

Ti amo...

Darth

Lun, 29/06/2020 - 13:04

Grande ragazza che si oppone da sola alle squadracce del politically correct, fa tornare in mente il cinese che ferma da solo la colonna di carri armati in piazza Tienanmen. Ce ne fossero di ragazze e ragazzi così!

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 29/06/2020 - 13:26

Mi inchino di fronte a questa coraggiosa ragazza!!

vinnynewyork256

Lun, 29/06/2020 - 13:36

Brava … complimenti per la coerenza … una diamante grezzo .. presto la maggioranza.. i tempi cambieranno presto … così non si può più andare indietro .. 'la cancel culture' = huligans 1984. insomma, tutto questo è solo stupidtà ..includo la Boldrini chi s'inginocchia in Parlamento ...

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 29/06/2020 - 13:36

...e la "lezione" in cosa consiste?

ROUTE66

Lun, 29/06/2020 - 14:04

@ Dreamer-66: Vede caro COMPAGNO a volte anche le cose alla luce del SOLE,possono sembrare buie per chi si ostina ha NON VEDERE

maxmado

Lun, 29/06/2020 - 14:15

Ora gli odiatori travestiti da buoni cercheranno di farla fuori in ogni modo, che sia Trump in persona a garantirle protezione con lo spiegamento necessario di forze dell'ordine.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 29/06/2020 - 14:30

ROUTE66: lezione /le·zió·ne/ sostantivo femminile. Se è vero che le parole hanno un significato, anzichè cimentarti in citazioni pseudo-filosofiche apri un dizionario, cerca la voce "lezione", leggi e poi dimmi che ci azzecca il termine con l'iniziativa della signorina Sam.

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Lun, 29/06/2020 - 14:34

Dreamer66, semplicemente patetico!

frabelli1

Lun, 29/06/2020 - 14:41

Finalmente qualcuno che ha coraggio di non andare dietro al carrozzone. Senza dubbio la bolleranno come razzista. Ma continui con le sue idee.

Enne58

Lun, 29/06/2020 - 14:56

La libertà di pensiero tanto cara ai radical, ma guai se non è la loro. Guardate che ci sono persone che il loro pensiero lo esprimono compostamente senza andare a manifestare o fare guerriglia per le piazze. Ma vi fa cosi paura questo modo di dissentire?

sbrigati

Lun, 29/06/2020 - 15:41

Brava. Mi auguro che tanti, sempre più giovani usino la propria testa per fare quello che reputano sia giusto senza seguire le "mode"del politically corret.

Divoll

Lun, 29/06/2020 - 15:49

Scommetto che ben poche delle ragazze inginocchiate condivide davvero il BLM, lo fanno solo per paura di venire attaccate, lo fanno per quieto vivere e per opportunismo.

Ritratto di LaleggendadelPiave

LaleggendadelPiave

Lun, 29/06/2020 - 15:58

Mi spiace per questa ragazza ma non avrà vita facile, già se faceva la riserva ora non giocherà mai più e nella vita si porterà marchiato sulla pelle questo gesto...

barbarablu

Lun, 29/06/2020 - 16:49

una grande... la massacreranno perchè non adeguata al pensiero definito "corretto" e dominante!

machimo

Lun, 29/06/2020 - 17:04

Brava e tanto coraggiosa. Però proprio questo le élite non vogliono vedere.

Scirocco

Lun, 29/06/2020 - 17:07

Allora esistono ancora le persone coraggiose che non si piegano alle buffonate come il politically correct tanto di moda. Meglio vivere un giorno da persona valorosa che lotta fermamente per i propri ideali che vivere sottomesso da codardo per il resto della propria vita.

diwa130

Lun, 29/06/2020 - 17:38

Sig. Paolo Mauri, non ha proprio capito nulla della protesta in corso qui in USA dove vivo da 22 anni. E' una protesta che non ha nulla a che fare con il "mondo occidentale" che lei cita. E' una protesta endogena agli USA; e' un nodo che e' arrivato al pettine. La cultura della violenza diffusa in USA ha un nome "white suprematism".Permea la società' Americana su molti livelli,alcuni addirittura inconsci.L'elezione di Trump ha mostrato solo la punta dell'iceberg di questo disastro, amplificato da un sistema economico discriminatorio che non esiste in nessun altro paese "occidentale". La ragazzina e' un caso "psicologico" non perche' non si possa esprimere una opinione contraria, ma perche 'fa parte di un sistema di pensiero che e' OMOLOGATO, questo si, a secoli di cultura violenta e discriminatoria. Non e' lei quella anticonvenzionale, anzi lei fa parte di questo sistema di potere a cui la maggior parte dei giovani americani sta dicendo no. Finalmente.

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Lun, 29/06/2020 - 17:50

Brava, mostrare schiena dritta le gioverá, solo che ora dovrá essere forte per resistere alle bordate che le verranno. Anche da coloro foraggiati dai globalisti... Coraggio ragazza

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 29/06/2020 - 17:51

Certo, la massacreranno, forse, ma nessuno potrà negare che questa ragazza è un LEONE

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Lun, 29/06/2020 - 18:08

Grande Sam, applausi a scena aperta per una ragazza che non si è "piegata" al pensiero unico dominante

dredd

Lun, 29/06/2020 - 18:10

Qualcuno di intelligente è rimasto, ma sono in pochi

rossomaltese

Lun, 29/06/2020 - 18:11

Io sento un gran parlare di pensiero dominante politically correct, ma non è che qualcuno rosica perché dopo secoli di dominio di un altro pensiero unico, occidentale, bianco, suprematista, machista e capitalista ora sorgono sempre più forti le richieste di cambiamento tale per cui ora a indirizzare il sentimento delle comunità a tutti i livelli c'è una sensibilità diversa. In parole povere mi sembra che chi ha dominato in passato ora che si ritrova minoranza soffre tale condizione, accusando addirittura di essere zittito dopo che per secoli ha zittito. Vorrei chiedere una cosa se ci fosse un pensiero dominante suprematista e razzista la ragazza che la pensa diversamente si sarebbe potuta alzare in piedi,come ha fatto al netto delle.critiche, o sarebbe stata costretta a inginocchiarsi?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 29/06/2020 - 18:20

...ci rimanete male se vi dico che anche lei indossava la maglietta con la scritta “Black Lives Matter”???

audace

Lun, 29/06/2020 - 19:00

Un applauso a questa ragazza. Queste che si mettono in ginocchio, sono delle povere stupidotte, che seguono il vento del momento senza, nemmeno, capire quello che fanno e perchè lo fanno ...

caren

Lun, 29/06/2020 - 19:26

Sig. Enne58 14.56, non fa paura il modo di dissentire, manca il coraggio a molti per dissentire in quel modo, ed allora si rifugiano nella massa per sentirsi parte importante della protesta, ma non solo. A mio avviso c'è anche l'invidia verso "i lupi solitari", chiamiamoli così, che si distinguono dalla massa, ai quali loro guardano, e che li fa arrabbiare. Per esempio un pensiero generico: "Ma quello chi crede di essere?"

Rixga

Lun, 29/06/2020 - 19:42

In genere per la nostra cultura la genuflessione è un atto di rispetto verso qualcuno che viene ritenuto più importante. Per questo credo che nella nostra società questo gesto sia riservato dai credenti soltanto al loro Creatore e giammai ad altri uomini o donne. Si tratta quindi di un gesto inconsueto ed inadatto a queste vicende. Informandomi meglio cito testuale: "negli Stati Uniti, l'ufficiale preposto si genuflette sul ginocchio sinistro davanti ai famigliari seduti che ricevono le esequie dei militari "caduti" avvolte nella bandiera nazionale". Alcune delle ragazze della foto si genuflettono quindi pure sul ginocchio errato...ma se il senso che si vuole dare è che i neri morti devono ricevere gli onori militari, beh per me è comunque fuori luogo. Non sono vittime di guerra...

Italianocattolico2

Lun, 29/06/2020 - 20:08

Brava !!! Adesso verrà crocifissa dai soliti leccapiedi del gregge. Resta il fatto che ha dimostrato di avere una testa sua e di non farsi condizionare dai soliti ondivaghi che devono mettersi in mostra a tutti i costi. Chissà perchè le manifestazioni di sostegno a queste alzate di scudi non le fanno in Africa, dove avrebbero molte più ragioni di obiettare ai comportamenti dei loro fratelli....!!!

rokko

Mar, 30/06/2020 - 12:25

Le cose non sono proprio come appaiono nella foto. La ragazza si è inginocchiata eccome, solo che, insieme ad altre persone non inquadrate nella foto dell'articolo, ha scelto di non farlo durante l'inno. Insomma, una fake news, già smontata da un sacco di persone