Cronache

Bolzano, canta "Bella ciao" e viene aggredito

Bolzano, un diciannovenne denuncia di essere stato aggredito da due appartenenti a Casapound. I presunti autori negano: solo una discussione. I carabinieri indagano

Da Facebook
Da Facebook

Un giovane di Bolzano, mentre girava in bicicletta insieme ad altri cinque amici, sarebbe stato aggredito perché canticchiava "Bella Ciao". L'episodio si sarebbe verificato la scorsa notte a Bolzano, in una zona residenziale vicina al centro storico.

Vittima della presunta aggressione (i fatti devono essere ancora accertati) è un diciannovenne bolzanino che avrebbe identificato negli autori due appartenenti a Casapound, partito che siede nei banchi del consiglio comunale di Bolzano.

Il giovane aggredito, Davide Gallo, stava intonando la canzone simbolo dei Partigiani in compagnia di alcuni amici. All'improvviso, stando al suo racconto, sarebbe stato aggredito da alcuni appartenenti al movimento di estrema destra. L’aggredito si è recato in ospedale per le lesioni riportate al volto.

L'aggressione

Secondo il racconto di Gallo, i due esponenti di CasaPound stavano passando in macchina quando, dopo aver parcheggiato l'auto, hanno raggiunto il gruppetto in bici e, dopo averli buttati giù, hanno iniziato l'aggressione. Gallo dice di essere estraneo alle ideologie e di aver intonato "Bella Ciao" senza alcuna motivazione politica. E racconta anche di tentato di calmare gli aggressori. Questi, però, avrebbero risposto così: "Sapete chi siamo, ci state istigando". Gli aggressori avrebbero in seguito preso il telefonino di Gallo lanciandolo in un giardino privato.

I due di CasaPound negano la versione di Gallo e raccontano di aver avuto, con lui, soltanto una vivace discussione e non per motivi politici. Sulla vicenda indagano i carabinieri. La seconda parte della movimentata scena è stata ripresa dallo smarphone di uno degli aggrediti (guarda qui).

Commenti