Le bugie e il fango hanno le gambe corte

La decisione è stata presa. Da mercoledì 3 giugno, l'indomani della Festa della Repubblica, l'Italia riapre tutta e non ci saranno limitazioni per gli spostamenti tra Regioni.

La decisione è stata presa. Da mercoledì 3 giugno, l'indomani della Festa della Repubblica, l'Italia riapre tutta e non ci saranno limitazioni per gli spostamenti tra Regioni. Il tentativo di isolare il Nord - portato avanti dagli scienziati, parte del governo e qualche governatore sceriffo - non sta in piedi da qualsiasi parte lo si guardi ed è fallito. Come dire: nella buona e nella cattiva sorte, dobbiamo essere un Paese-nazione, non un collage di repubbliche più o meno marinare. Ma soprattutto non ha senso andare oltre nelle limitazioni delle libertà personali e d'impresa, garantite dalla Costituzione alla pari del diritto alla salute.

Onore a chi in questi mesi ha combattuto in prima linea negli ospedali, un ricordo sincero ai tanti che non ce l'hanno fatta, un plauso a quegli amministratori che hanno saputo tenere i nervi a posto e pilotarci fuori dall'emergenza. Ma anche un senso di vergogna per i tanti che nella politica e nel giornalismo hanno provato con gusto ad avvelenare l'aria, con una squallida caccia alle streghe. Soprattutto contro le Regioni del Nord - in primis la Lombardia - a guida centrodestra.

Ci vuole pazienza, ma la verità verrà a galla. E la verità è che tutti hanno dato e fatto il massimo possibile, date le circostanze. Non ci sono in circolazione killer di vecchietti, è solo che il virus ha colpito come una sventagliata di mitra e ci è voluto il tempo di organizzare le difese. Sono stati fatti errori? Certo, a tutti i livelli. E da ieri sappiamo anche chi ha compiuto il più grosso.

Ce l'ha detto la pm di Bergamo che indaga sulla mancata tempestiva attivazione della zona rossa attorno al focolare di Alzano e Nembro, fatto ritenuto tra le cause della propagazione incontrollata del virus. Bene, la magistrata non ha dubbi: la decisione di chiudere tutto non spettava alla Regione Lombardia, ma al governo centrale. Non quindi il governatore Fontana, ma il premier Conte e i suoi ministri (in primis quelli della Salute e dell'Interno) sono da mettere eventualmente sul banco degli imputati. Il Pd e i Cinque Stelle, che hanno chiesto e ottenuto una commissione d'inchiesta sul «caso Lombardia» (nella loro testa dovrebbe essere una sorta di Norimberga), ora sanno quindi chi mettere sotto torchio e additare come criminali: i loro compagni di partito e di governo.

Se non stessimo parlando della più grande tragedia del dopoguerra verrebbe da sorridere. Vale la massima: le bugie hanno le gambe corte.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 30/05/2020 - 17:33

si, guarda! la sinistra è talmente di uno schifo enorme, che faccio fatica a comprendere come un babbeo comunista grullo possa continuare a difenderla, persino facendo dei distinguo (davvero ridicoli guardarli quando distinguono uno o l'altro)! la sinistra bisogna lasciarla morire cosi com'è! se poi rinasce, deve essere rinata SENZA ideologia comunista! meglio ancora, lasciarla morire cosi, e di passare definitivamente con il centrodestra! unica reale fonte di ogni soluzione politica!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 30/05/2020 - 17:48

Bisognerebbe convocare subito Conte e i due ministri interessati per sentirli quantomeno come "persone informate sui fatti".

manfredog

Sab, 30/05/2020 - 17:56

...il Travaglio Quotidiano, però, come sempre, sostiene il contrario, ma forse perché è un quotidiano in dì pendente!? mg.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 30/05/2020 - 18:04

X mortimermouse 17.33: "...un babbeo comunista grullo ..." e dici poco? Che vuoi pretendere da "quelli" che corrispondono alla tua definizione?

Pigi

Dom, 31/05/2020 - 10:25

Si è voluto rinunciare sconsideratamente allo strumento preventivo più utile in questi casi: il tampone. Non c'è bisogno di fare grossi calcoli: se in una regione di 10 milioni di abitanti dove il 2% dei tamponi è positivo, ne escono un milione, stanno uscendo 20.000 positivi. Se si distribuiscono in modo uguale sul territorio, in ogni altra regione arriveranno più di 1000 positivi liberamente circolanti. Evidente che si vuole riattizzare un'epidemia ormai spenta nell'80'% del territorio. Consiglio per le regioni: preparare un ospedale isolato e dedicato ai nuovi casi.

LUCATRAMIL

Dom, 31/05/2020 - 10:27

Direttore, dal Suo giornale faccia presente che anche Piacenza, per ovvie ragioni geografiche e non politiche, è stata tra le zone più infettate d'Italia eppure la stampa Uniforme non lo ricorda per non far pensare che allora anche Bonaccini (il quale mi pare persona per bene) allora si è comportato come Fontana. Verò è che tutti si son già scordati il pericolo dell'epoca e la mancanza di posti letto con ossigeno, molti dei quali sotto utilizzati erano nelle RSA. Semmai sono queste a non aver agito correttamente una volta che l'emergenza ha costretto a dispacciare infettatti nelle loro sedi.

Sabino GALLO

Dom, 31/05/2020 - 10:29

Caro Direttore, le bugie che si sentono e si leggono sono tante e non è neppure facile riassumerle ! Ma, spesso, esse venono a galla ! Per fortuna non mancano, nel Nostro Paese, gli uomini coraggiosi che, quando possono , mettono in chiaro gli eventi della Storia. Mi permetto di ricordare il contributo alla verità che il Prof. Paoloni ha dato sul problema energetico italiano, nella trasmissione serale di ieri in RAI STORIA. Quello energetico è molto importante, ma è molto trascurato.

Ritratto di Arminius

Arminius

Dom, 31/05/2020 - 10:35

Il direttore Sallusti: "...nella buona e nella cattiva sorte, dobbiamo essere un Paese-nazione, non un collage di repubbliche più o meno marinare." Ma perché mai dobbiamo per forza essere un "Paese-nazione" quando, al contrario, l'Italia è costituita da popoli diversissimi tra loro e più che mai astiosi e litigiosi? Su questo giornale si va predicando, giustamente, la libertà individuale e poi si cade nella contraddizione che invece i popoli devono essere uniti anche contro la loro volontà. Un minimo di coerenza, per favore!

uberalles

Dom, 31/05/2020 - 10:49

Ma...l'aperitivo sui Navigli e il sushi nei ristoranti cinesi, con tanto di baci, abbracci e foto ricordo, convocato dal PD? Lo stesso Zingaretti, per non mancare a tanto spettacolo, è partito apposta da Roma ed è rientrato con il virus...A proposito, pare che il Coronavirus prediliga i buguardi, boh?

Ritratto di adl

adl

Dom, 31/05/2020 - 11:14

Io la metterei giù così, direttore: Le megabugie sinistre, non hanno gambe ma sedute sulle poltrone volano e si diffondono ovunque lasciando devastazioni inenarrabili. Riguardo alla questione sanitaria, se la Lombardia fosse stata governata dalla sinistra, avrebbero detto che la sanità lombarda si è sacrificata eroicamente per salvare il resto del paese, poichè è governata dalla destra, vale esattamente la versione opposta. Le chiamerei normali asimmetrie sinistre.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 31/05/2020 - 11:59

X Pigi 10.25: e dai, ma siete proprio di coccio, il tampone preventivo non serve a un tubo, non certifica niente se non per il momento in cui viene fatto, e poi, scusa, chiedi ad arcuri che li procuri per tutti.... stiamo pazientemente attendendo da mesi, fin che dura.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 31/05/2020 - 12:01

X Pigi 10.25: ... e poi scusa, chi ti impedisce di startene chiuso in casa?

CarlSchmidt

Dom, 31/05/2020 - 12:34

L'"isolamento della Lombardia" come lazzaretto d'Italia, è stato in questi giorni al centro dei dibattiti, orientati in chiave anti-centrodestra da Lilli Gruber (Otto e mezzo) e sulle colonne del "Fatto quotidiano", un giornale che la stessa giornalista considera in modo prioritario. Una cosa stomachevole, nutrita soltanto di contrapposizione politica.

Pigi

Dom, 31/05/2020 - 12:55

@scimmietta. Non ci sono i tamponi per tutti? Si fanno con raziocinio. Per esempio, in una famiglia di cinque persone si fanno all'adulto più anziano. E se è negativo, parte tutta la famiglia. Non servono? E allora perché si fanno? Il tampone serve a ridurre i rischi, non ad eliminarli, ovvio, ma se si riducono dell'80%, vuol dire che da 20.000 positivi ne usciranno 4.000, una bella differenza. Ma si vogliono ridurre i rischi? La continuazione dell'epidemia è la migliore assicurazione del governo Conte.

Cheyenne

Dom, 31/05/2020 - 12:55

LA SINISTRA ITALIA FA SOLO RIBREZZO

Sabino GALLO

Dom, 31/05/2020 - 14:04

Il problema energetico e quello "climatico" (per es.!) sono legati da un "disinteresse diffuso", che esclude un confronto razionale, possibile solo fra persone aventi una conoscenza di buon livello e non aventi alcun interesse personale. Molti altri problemi nazionali importanti si trovano nella stessa condizione, solo apparentemente irresolubili, o per mancanza di conoscenze sufficienti, che creerebbero difficoltà di confronto, o solo perché è preferibile discutere "di altro"! Naturalmente, non si può pretendere di "sapere tutto" ! Questa era una grande lezione di un uomo buono : Einstein ! Questa è la lezione più utile per "risolvere" i problemi dell' "animale uomo"!

lorenzovan

Dom, 31/05/2020 - 14:20

+pigi..e tu speri che certa gente capisca il tuo ragionamento ?? a da passa' a nuttata !!!!

Nardino37

Dom, 31/05/2020 - 14:40

Riporto parte dell'articolo de "IL Giornale" del 25.2.2020. Sono necessari commenti? Il presidente della Regione Lombardia cerca di "sdrammatizzare", nel tentativo, forse, di placare gli animi dei cittadini: "Questa è una situazione senza dubbio difficile- specifica-ma non così tanto pericolosa". Infatti, Fontana spiega come il virus sia aggressivo e rapido nella sua diffusione, ma "molto meno nelle conseguenze": "È poco più di una normale influenza", riferisce, precisando di aver usato le parole dei "tecnici". Inoltre, Fontana ricorda che "le persone decedute sono o molto anziane o con una compromissione derivante da patologie importanti".

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 31/05/2020 - 14:45

pPigi 12:55, lei ha detto la cosa più spaventosamente corretta in questi forum : "La continuazione dell'epidemia è la migliore assicurazione del governo Conte."

Ritratto di JK640

JK640

Dom, 31/05/2020 - 15:04

A me personalmente starebbe benissimo isolare il Nord dal resto d'Italia. Ma isolarlo proprio, con frontiere e tutto il resto. Naturalmente, tenendoci anche i miliardi di euro che versiamo di tasse a tutti quelli che vivono alle nostre spalle.