Cade per colpa della buca, il Comune non ha colpe: 'Non ha soldi per riparare'

Archiviato il caso di uno scooterista, caduto a causa di una buca sulla strada

Cade per colpa della buca, il Comune non ha colpe: 'Non ha soldi per riparare'

Era caduto dallo scooter per colpa di una buca in strada a Torino. Ma la procura ha scagionato il Comune, che non ha potuto "provvedere tempestivamente e in maniera efficiente alla manutenzione delle strade", per colpa delle "drastica riduzione delle risorse".

Il Comune, quindi, non può essere ritenuto colpevole dell'incidente, dato che non ha i soldi per mettere a posto le strade dissestate della città. Per questo, il tribunale di Torino ha chiesto l'archiviazione del caso di un 37enne che era caduto dallo scooter, a causa di una buca nell'asfalto. L'incidente, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, era avvenuto il 16 giugno del 2015.

Non è la prima volta che la procura archivia tale procedimento: lo scorso anno, il Comune non era stato ritenuto responsabile perché il centaro aveva visto la buca, ma aveva "voluto proseguire, tra l’altro in condizioni di tempo (pioggia battente) che già di per sé avrebbero dovuto sconsigliare di viaggiare in scooter". Ora, analizzando i documenti, il giudice ha notato la chiara "impossibilità per i responsabili (ai vari livelli) della manutenzione stradale di provvedere tempestivamente ed efficientemente alla manutenzione ordinaria, a causa della riduzione delle risorse economiche". Inoltre, "i responsabili interessati hanno da tempo lamentato la condizione di impotenza a cui li ha costretti il taglio dei fondi, in gran parte a causa delle mancate rimesse da parte del governo centrale".

Ma l'avvocato dell'accusa non ci sta: "In questo modo si rischia di giustificare tutto".

Commenti