Calano i tamponi effettuati e i positivi nelle ultime 24 ore: oggi sono meno di 10.000

Sono 9.338 i nuovi positivi al coronavirus segnalati dalla Protezione Civile nelle ultime 24 ore in Italia, dove continuano a crescere le terapie intensive

Meno di 100mila tamponi, esattamente 98.862, nelle ultime 24 ore e 9.338 contagi: sono questi i numeri dell'ultimo bollettino diramato dalla Protezione Civile sull'evoluzione dell'epidemia di coronavirus nel nostro Paese. Sono 73, invece, in morti Covid segnalati. Negli ospedali ci sono 8.473 posti letto di degenza ordinaria Covid occupati e, di questi, 797 sono nelle terapie intensive, con un incremento di 47 unità. Rispetto a ieri, inoltre, ci sono stati 1.498 guariti in più. Gli attualmente positivi in Italia sono attualmente 134.003, con un incremento di 7.766 unità.

La regione che ha registrato il maggior numero di positivi è stata ancora la Lombardia, che in 24 ore ha rilevato 1.687 positività al coronavirus. Segue la Campania, con 1.598 nuovi positivi e poi il Lazio, sono i contagi sono stati 939. La Regione Lombardia in 24 ha effettuato 14.577 tamponi, meno della metà rispetto al giorno precedente. Continuano a crescere, invece, i ricoveri in ospedale, che in tutta la regione sono stati 71 in 24 ore, mentre le terapie intensive sono cresciute complessivamente di 3 unità. Sono, quindi, 113 i posti letto occupati nelle terapie intensive della Lombardia, numeri che per il momento non destano ancora grande allarme per la capacità di tenuta del sistema sanitario regionale. Proprio per contrastare l'aumento, però, si stanno predisponendo nuovi 54 posti in terapia intensiva presso l'ospedale in Fiera Milano che saranno pronti a stretto giro, con la possibilità di aumentare di ulteriori 104 unità la disponibilità in pochi giorni.

La Campania ha analizzato 12.695 tamponi nell'arco delle 24 ore e 21 vittime, che sono però frutto di un riconteggio effettuato dalle Asl regionali, che si riferiscono al periodo che va dal 1 al 17 ottobre ma che sono stati messi a sistema solamente oggi. Nonostante nella regione siano stati effettuati meno tamponi, rispetto a ieri la Campania ha avuto un incremento di quasi 200 unità, registrando il numero più alto di contagi giornalieri di sempre nel territorio. La Regione Lazio, invece, oggi risulta essere quella che ha effettuato il maggior numero di tamponi (17mila) ma ha fatto segnare anche 9 decessi. L'incremento delle terapie intensive in 24 ore è stato di 12 unità, il che rende il Lazio la regione con la crescita maggiore. Nella sua analisi quotidiana, l'assessore regionale alla Sanità spiega l'andamento dei contagi nel Lazio: ""Lieve calo dei casi a Roma rimangono alti i trend di Frosinone, Latina e Viterbo su cui incide un cluster nella casa di riposo San Francesco del Comune di Farnese".

Restano alti anche i contagi in Piemonte, dove sono oltre 930 le nuove positività giornaliere. Si segnalano anche 6 nuovi ingressi in terapia intensiva e 103 nuovi ingressi in degenza ordinaria. In 24 ore, inoltre, Regione Piemonte ha comunicato il decesso di 6 persone. Il Piemonte oggi è la regione che ha fatto registrare il maggior numero di ricoveri in tutto il Paese. Gli effetti del nuovo Dpcm di Conte potranno essere verificati non prima di 10/14 giorni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ilrompiballe

Lun, 19/10/2020 - 17:46

Dunque è così che si fa : meno tamponi, meno casi. Più tamponi, più casi. Zero tamponi, zero casi? Andiamo bene!

schiacciarayban

Lun, 19/10/2020 - 17:52

Contagi in calo, e adesso? I leghisti dovrenno pur protestare su qualcosa che fa il governo! Non rimane che il meteo: Piove, governo ladro!

cgf

Lun, 19/10/2020 - 17:52

scendono i tamponi, ovviamente anche i casi, ma la percentuale…

mariobaffo

Lun, 19/10/2020 - 18:00

Attenzione c'è poco da rallegrarsi ma i 1600 casi della Campania in base alla popolazione sono come i 3000 della Lombardia

Ritratto di ager

ager

Lun, 19/10/2020 - 18:05

Ok 73 decessi Si può sapere l'età media? Si può sapere se avevano patologie pregresse che il Covid ha accentuato? Sono davvero morti solo a causa Covid? Ma voi giornalisti queste domande non le fate mai? Diteci la verità le veline governative sappiamo leggerle da soli.

Ritratto di mark_mark

mark_mark

Lun, 19/10/2020 - 18:06

chi sono i morti? Di cosa soffrivano? Basta dare alla gente spiccioli di informazione.

baio57

Lun, 19/10/2020 - 18:10

Intanto nella Repubblica Virologica Italiana, il nuovo business tamponologico va a gonfie vele. Strutture e laboratori privati escono su richiesta a fare il tampone rapido ,il prezzo va dai 60 ai 120 euro .

maurizio-macold

Lun, 19/10/2020 - 18:12

La statistica sul numero dei decessi per covid e' quella piu' veritiera sull'andamento della pandemia. Ed i numeri attuali non sono confortanti.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 19/10/2020 - 18:24

@ilrompiballe Il numero assoluto di positivi è un indicatore che fa molto clamore ma dice relativamente poco, molto più significativa sarebbe la percentuale di positivi sui tamponi fatti ma anche lì c'è il vizio sostanziale che il campione non è statistico, cioè casuale. Se vuole un parametro più affidabile per decidere poi se preoccuparsi o fregarsene, le consiglio il numero di ricoverati o quello dei ricoverati in terapia intensiva o quello dei morti. Ovviamente non il valore singolo ma la serie storica. Chiunque abbia un minimo di dimestichezza coi rudimenti della statistica le saprà dire, date le osservazioni degli ultimi due mesi, qual'è lo scenario a x settimane di distanza. La diffusione di una malattia virale, e di riflesso, di quelle che sono le sue conseguenze, è un fenomeno fisico che segue la sua naturale evoluzione di tipo esponenziale fino a quando non intervengono fattori esterni che ne modificano le condizioni a contorno.

Ilsabbatico

Lun, 19/10/2020 - 18:44

...ma c'è qualcuno che discute sul test che si effettua oramai in tutto il mondo dove lo stesso inventore ha sempre detto che non è un test per la diagnostica ma solo per la ricerca visto che è affidabile al 45/60 % ??? E c'è qualcuno che mette in discussione il numero di cicli di amplificazione adottati? Con 40 cicli di amplificazione sembrerebbe che si riescano a trovare pure frammenti di virus oramai già morti da anni nel nostro corpo .... Boh....non sono laureato in medicina, ma qualcosa a me non torna e qualche domanda me la pongo...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 19/10/2020 - 18:48

Non ho capito tutta questa preoccupazione sulla preesistenza di patologie nella gente che muore da parte di qualcuno. Vengono conteggiate Covid le morti di persone ricoverate per Covid o con sintomatologia Covid alla quale quest'ultimo pregiudica il quadro clinico fino alle estreme conseguenze o rendendo fatale qualcosa che in condizioni normali non lo sarebbe stata, non certo chi, cardiopatico, positivo ma asintomatico, poi ci resta per un infarto improvviso. La quasi totalità dei morti escono da Terapie Intensive e reparti infettivi in cui ci erano entrati per Covid non certo per una gengivite! Di gente cardiopatica, diabetica e simili ce n'è a milioni in Italia e sarebbe cosa educata fare il possibile per evitare di farli crepare anzitempo ...

bernaisi

Lun, 19/10/2020 - 18:52

ma basta !!!! con questo gossip del virus non si può più guardare la televisione e leggere i giornali 24 ore di martellamento e non si capisce dove vogliano arrivare a massacrare il cervello della gente

Junger

Lun, 19/10/2020 - 18:54

Si è passati da 30 ricoveri giornalieri di 3 settimane fa ai 550 di oggi. Si tratta di malati severi: evidentemente il patogeno non ama per nulla le scuole in presenza. Come appare evidente che la famigerata movida estiva c'entrava assai poco. Pregliasco a Milano vorrebbe poi un delirante coprifuoco notturno. Non riesce a vedere la causa e l'effetto?

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 19/10/2020 - 19:05

@elPresidente: ho visto il tuo post e voglio dirti che, in un blog che continuamente fa cherry picking, che distorce i dati (sono diventati tutti esperti di statistica) o che richiede altri dati (perché questi per qualche motivo non piacciono) è la prima volta che vedo delle considerazioni ragionevoli. Grazie

ilrompiballe

Lun, 19/10/2020 - 19:07

El Presidente : La ringrazio e apprezzo la dissertazione. Ma la mia era solo una provocazione, perché francamente non ne posso più di numeri, pareri "specializzati", malati presunti e via dicendo. E non ne posso più di un sistema che costringe la gente a fare code ovunque per sapere se è malata o meno. Ai miei tempi (arretrati e retrivi con epidemie di tifo e/o l'asiatica ecc.) il "medico condotto" veniva a casa e decideva se curarti direttamente o indirizzarti all'ospedale. Proprio come adesso... A quel tempo c'era più silenzio e qualche fatto in più.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 19/10/2020 - 19:10

@schiacciarayban - dimenticate le tue proteste a prescindere quando c'era al governo Salvini? Ma c'erano anche i tuoi sodali grillini, ma te la prendevi con Salvini anche per il rdc. Dire che sei incongruente è farti un omaggio. Lascia stare, abbiamo capito cosa sei. Se taci è meglio, sentiamo meno fesserie.

baio57

Lun, 19/10/2020 - 19:10

Dacci oggi il nostro tampone quotidiano, amen.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 19/10/2020 - 19:11

@El Presidente - vengono conteggiate le morti come covid anche se il decesso è dovuto ad altre patologie. Ti ho fatto i lriassunto se no non ci arrivi.

Luigi Farinelli

Lun, 19/10/2020 - 19:15

Queste cifre urlate dai titoli creano solo allarmismo. Basterebbe evidenziarle nella maniera corretta indicizzandole e l'eccesso di panico si ridimensionerebbe pure senza l'aiuto dei virologi. Perchè non compaiono, per esempio per un dato mese le cifre degli anni passati sulle vittime per semplice influenza o per polmonite così da avere un quadro generale più probabante? Nessuno dei "giornaloni" che pare facciano il tifo per il covid solo per sostenere il Governo, ha messo p.es. in evidenza che in Italia i MORTI PER MILIONE DI ABITANTI sono stati 595 nel pieno dell'epidemia, nonostante lo stretto lockdown, mentre il Svezia (SENZA ALCUN LOCKDOWN e pure blando uso di mascherina) sono state 583 (quindi comparabili)? Anche queste sono cifre da considerare e analizzare, non solo quelle sparate dai TG, non solo RAI: TGCom24 (Mediaset) sembra quasi compiacersi a spargere allarmismo apparendo, anche per altre notizie, come uno dei principali galoppini del mediaticamente corretto.

Ritratto di DuduNakamura

DuduNakamura

Lun, 19/10/2020 - 19:26

Il tasso di positività dei tamponi è circa il 10%. Se facciamo 500.000 tamponi al giorno troviamo 50.000 positivi. Se togliamo gli asintomatici, i veri MALATI sono sono circa l' 1% dei tamponi. Il dato che conta è quello. 100.000 tamponi 1.000 malati di cui 100 in Terapia Intensiva. Il resto son pugnette !!!

Ritratto di michageo

michageo

Lun, 19/10/2020 - 19:32

MA, non guarisce più nessuno? Ha ragione Bruno Vespa , c'è un casino tale nella gestione delle cifre e casistiche che sicuramente avranno confuso i banchi monoposto non arrivati nelle scuole con i contagiati ,gli immunodepressi per cui non mi meraviglierei che il geniale Kommissario Arcuri manderà nelle scuole i guariti , ed i banchi invece al mercato….delle pulci, per far cassa, il tutto benedetto con parole di circostanza del canuto del Kolle…..

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 19/10/2020 - 19:41

maurizio-macold Lun, 19/10/2020 - 18:12 Di quale statistica va cianciando?Di quella che cercano col lanternino gli asintomatici?Oggi 9300 casi su 100.000 tamponi,vuol dire che la differenza(90.000 tamponi)sono negativi. Di quale statistica parla,quella che i pazienti con malattie croniche e pregresse vengono conteggiati come deceduti per covid o quella statistica in cui un paziente risulta per più volte positivo al tampone e conteggiato numerose volte come se fosse la prima volta? Si rende conto che enorme business c'è dietro? Si faccia il conto a 80/120 € a tampone e vedrà l'interesse che hanno le strutture ospedaliere a lucrare su covilandia. Non parliamo del mainstream mediatico filogovernativo,col suo tam tam giornaliero fa il lavaggio del cervello a chi non resiste alle baggianate che ci propinano dal governo.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 19/10/2020 - 19:56

Luigi Farinelli Lun, 19/10/2020 - 19:15 Concordo con lei,troppo allarmismo da parte di tutte le Tv pubbliche e private! Lo scopo è quello di infondere terrore,perché è stato ordinato loro di fare così,divulgando dati parziali e mirati ad infondere paura e panico,riuscendo nei loro intenti...purtroppo con le menti più ricattabili.