Il caldo può aspettare: in arrivo ondata fredda dalla Russia

Se la prima parte della settimana sarà ancora con meteo tranquillo, un'ondata di aria fredda russa da venerdì colpirà il Mediterraneo con temporali sparsi ed un vistoso calo termico. E le sorprese non sono finite: un'ondata di maltempo potrebbe rovinare il Ponte del 2 giugno. L'estate meteorologica comincerà in sordina

Il caldo può aspettare: in arrivo ondata fredda dalla Russia

Alle porte dell'estate il meteo stupisce ancora: dopo aver vissuto precoci fasi estive dovremo fare i conti con un clima molto più fresco (a tratti freddo) rispetto al periodo. Dalla Russia sono in arrivo masse d'aria fredde che provocheranno acquazzoni e temporali soprattutto nella seconda parte della settimana e temperature più basse della media.

Prima c'è l'alta pressione

Prima, però, avremo qualche giorno dal clima mite senza eccessi di calore o di freddo, grazie all'anticiclone delle Azzorre, meno caldo del "collega" africano ed il grande assente degli ultimi anni tranne sporadiche eccezioni. Da oggi a giovedì, come dicono gli esperti, avremo cieli sereni o poco nuvolosi su tutta Italia e temperature nelle medie di fine maggio: le massime saranno generalmente comprese tra i 20 gradi di Aosta ed i 27 di Bolzano, le minime saranno ancora piuttosto fresche e varieranno in base all'altitudine. Città come L'Aquila e Potenza registreranno valori ad una cifra, sulle località di pianura e sulle zone costiere saranno comprese tra gli 11 ed i 17 gradi seguendo l'andamento Nord-Sud. Quindi, soprattutto al mattino, farà piuttosto fresco soprattutto sulle regioni settentrionali e le zone interne dell'Italia centrale.

Ecco il freddo dalla Russia

Le cose invece cambieranno proprio alle porte dell'ingresso dell'estate meteorologica (1 giugno): venerdì 29, un vortice di bassa pressione sui Balcani comincerà a richiamare masse d'aria più fredda di origine russa che arriveranno fin sul Mediterraneo, decisamente fuori stagione. Ecco che, soprattutto dal pomeriggio, inizieranno i primi temporali specialmente sul Nord-Est, su gran parte delle regioni centrali e le zone interne di quelle meridionali.

Week-end fresco ed instabile

La presenza di aria fredda in quota provocherà un'ondata di maltempo soprattutto sabato 30 maggio con nuovi acquazzoni e temporali, localmente intensi, su Lazio, Abruzzo, Campania, Basilicata fin verso la Calabria centro-settentrionale. Andrà meglio sul resto del Paese anche se i cieli non saranno del tutto sereni e le temperature, massime e minime, saranno inferiori alle medie del periodo. Ovviamente, saranno le aree interessate dalle precipitazioni ad avere i cali più vistosi. Attenzione anche alle grandinate, presenti soprattutto durante i temporali più intensi.

Non cambierà granchè nemmeno domenica quando, il sole del mattino, sarà offuscato da tante nubi durante le ore pomeridiane, soprattutto sulle zone interne, da Nord a Sud. Sarà più difficile, quindi, replicare i primi bagni e le prime tintarelle al mare come accaduto nel fine settimana appena trascorso.

Ponte del 2 giugno? Possibile maltempo

Ma le sorprese non sono finite qui: la "ferita" inferta dall'aria fredda in arrivo dalla Russia non consentirà all'alta pressione di tornare tanto facilmente. Le previsioni a medio termine indicano come un'area di bassa pressione in arrivo da ovest possa rovinare la Festa della Repubblica del 2 giugno con temporali anche di forte intensità su gran parte d'Italia, soprattutto al Centro-Nord. Sarebbe un'ondata di maltempo ancora più intensa ed estesa del freddo russo. Insomma, al momento non si vedono ondate di caldo ed è molto lontana la previsione del centro americano AccuWeather che prevede un'estate di caldo record su gran parte d'Europa. Per adesso, i segnali di tutto ciò non esistono.

QUI TUTTE LE PREVISIONI