Caos migranti: rissa nel centro di accoglienza finisce nel sangue

Il fatto è accaduto in una palazzina che in provincia di Agrigento ospita un centinaio di migranti. In un acceso diverbio un migrante ha accoltellato e ferito gravemente un altro ospite della struttura dandosi alla fuga. Pericolo in città

Scoppia la lite fra migranti, uno di loro estrae il coltello e aggredisce l’altro, lo ferisce gravemente e scappa. Continuano i problemi legati alla questione migranti all’interno dei centri di accoglienza ad Agrigento dove sembra proprio che nessuno voglia rispettare le regole del buon senso oltre che le leggi del territorio nazionale che sta offrendo ospitalità. Il terribile episodio si è verificato nel viale Cannatello del Villaggio Mosè dove vi è un palazzo in cui vengono ospitati un centinaio di migranti di diversa etnia, alcuni dei quali giunti con il proprio nucleo familiare.

Non è facile gestire la situazione di questi tempi all’interno delle strutture di accoglienza. A darne testimonianza è proprio quanto accaduto nelle ultime ore. Un litigio fra alcuni ospiti si è spinto ben oltre quello che sembrava un banale diverbio. Uno dei migranti per avere la meglio si è imposto con la forza. Ha preso un coltello e ha sferrato una serie di fendenti all’avversario ferendolo gravemente. La vittima dell’aggressione si è accasciata a terra sanguinante, è stata immediatamente soccorsa dai mezzi del 118 e trasportata all’ospedale “San Giovanni di Dio”. Le sue condizioni sono gravi e si attendono le prossime ore per capire come si evolverà il quadro clinico. L’aggressore è riuscito a scappare facendo perdere le proprie tracce.

Sul territorio e nelle aree limitrofe sono scattate le ricerche e sono ancora in corso. Adesso a circolare per la città vi è una persona pericolosa che potrebbe commettere ancora del male. Una situazione che mette in pericolo i cittadini ma anche le Forze dell’ordine che stanno cercando di rintracciare l’uomo. Alla ricerca dell’aggressore vi sono i poliziotti della sezione Volanti ma anche i carabinieri intervenuti nel momento in cui è scoppiato il putiferio.

Una vicenda che crea senza dubbio apprensione considerando i recenti fatti di cronaca che hanno visto gli uomini in divisa rimanere vittime di aggressioni da parte dei migranti. L’ultimo caso è stato quello che si è verificato la scorsa settimana, sempre in provincia di Agrigento, nel centro di accoglienza ex Villa Sikania di Siculiana. Da qui sono scappati una decina di migranti violando il rispetto della quarantena. Nel tentativo di bloccarli, un poliziotto del reparto Mobile aggregato alla questura di Agrigento proprio per l’emergenza immigrazione, è stato aggredito, colpito e strattonato per terra riportando un trauma cranico. Fortunatamente le sue condizioni non sono state reputate gravi. Ma ci sono altri casi come questi che si sono conclusi con il ferimento dei poliziotti chiamati ad intervenire per riportare i migranti fuggitivi dentro le strutture di accoglienza e che hanno subito aggressioni nel corso delle operazioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enne58

Mar, 06/10/2020 - 13:58

Le risorse boldriniane. C'è chi paga contributi e aspetta 6 mesi per un'analisi e ci sono risorse che non hanno pagato nulla ma vengono curate subito. Mah

Malacappa

Mar, 06/10/2020 - 14:07

Quando e'fra di loro lasciateli fare

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 06/10/2020 - 14:13

Caos Clandestini..................... siete de coccio come dicono a Roma

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 06/10/2020 - 14:19

Applicare subito la 'daspo willy''!!! o è valido solo per gli italiani ?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 06/10/2020 - 14:32

@ohm, valido solo per gli italiani però verso clandestini e non viceversa. Hai sentito di un clandestino che abbia pagato? Mai!

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 06/10/2020 - 14:54

98NARe, si, confermo, sò de coccio come si dice qui da noi.

Anonimo51

Mar, 06/10/2020 - 15:33

Questo sara' il risultato, sicuramente implementato, dei nuovi DL sicurezza che hanno sostituito quelli di Salvini. Non hanno ancora capito che importiamo solo delinquenti e quelli non si integreranno mai.

MammaCeccoMiTocca

Mar, 06/10/2020 - 16:33

La civiltà attraversa varie fasi; questa è la prima fase della nuova civiltà che il PD ci sta imponendo. E' il bene assoluto, va benissimo; speriamo solo che avanzi e che tutti i clandestini in arrivo siano portatori di questa nuova civiltà. Più casi ci saranno e prima arriveremo alla reazione, perché "ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria" è la terza legge di Newton, ma il PD conosce solo i decreti sicurezza di Salvini perciò finirà per soccombere anche quello.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 06/10/2020 - 19:46

Non dovet epicchiarvi clandestini, i comunisti sono lieti di accogliervi nelle loro case. COntinuano a parlare di accoglienza diffusa...Andate da loro.