Quell'ideologia "gender" propagandata ai bambini (di nascosto dai genitori)

La Lega, attraverso un'interrogazione in consiglio regionale, ha incalzato la giunta su quanto sarebbe accaduto, a luglio scorso, in un centro estivo di Casalecchio.

La cosiddetta ideologia gender propagandata ai bambini senza che le famiglie ne sapessero nulla. Questa, in sintesi, è l'accusa mossa dalla Lega nei confronti di quanto sarebbe accaduto, lo scorso 6 luglio, a Casalecchio, nel bolognese. Sullo sfondo di questa storia c'è il Gay Pride tenutosi all'epoca dei fatti contestati tra le strade della città dell'Emilia Romagna: la stessa manifestazione per cui i bambini sarebbero stato "dipinti" dalle operatrici.

La 'teoria gender', per la formazione guidata da Matteo Salvini, è stata diffusa all'interno di un centro estivo gestito da una cooperativa, il cui nome è "Dolce". La vicenda in questione era già balzata alle cronache mesi fa, ma la Lega ha deciso di alzare ancora il tiro. Anche Forza Italia era intervenuta su questi presunti accadimenti, con la contrarietà espressa dal deputato Galeazzo Bignami: "Il buon senso qui manca del tutto - aveva dichiarato - . Con un numero infinito di favole istruttive e attività che possono essere proposte ai bambini, la cooperativa non ha trovato di meglio da fare che dedicare un laboratorio al gay pride?...".

Possibili novità sul caso sono contenute nell'interrogazione presentata in Consiglio regionale da un esponente leghista, il consigliere Daniele Marchetti: "Su un diario - ha asserito Marchetti - le educatrici avrebbero riportato le attività svolte, scrivendo 'Ci siamo dipinti la faccia coi colori dell'arcobaleno per festeggiare insieme il Gay Pride, viva l'amore!' e avrebbero letto ai bambini due testi, 'Buongiorno postinò e 'Piccolo Uovò, testi comunemente classificati dagli specialisti come portatori della ideologia gender".

Marchetti vuole sapere dalla Giunta regionale se sia o no "a conoscenza dei fatti, comprovati dal diario e dalle fotografie e ammessi dall'assessore, se sia a conoscenza che i due testi menzionati siano stati ritirati dai nidi e scuole di altre amministrazioni e sono oggetto di continui contrasti e contestazioni" e se lo stesso organo esecutivo pensi che "il non gradimento di quanto accaduto da parte dei genitori" rappresenti "una prevaricazione di diritti altrui o un diritto naturale primario dei genitori stessi".

L'amministrazione bolognese e la cooperativa in questione hanno organizzato una conferenza stampa per parlare dell'episodio, ma per Marchetti le famiglie sono state tenute comunque tenute "all'oscuro". Il consigliere leghista si è rivolto anche al sindaco di Bologna, per domandare se, stando al suo parere, "vada bene diffondere l'ideologia gender" senza "dirlo alla famiglia" e se "il festeggiare insieme il gay pride e lettura di testi intesi alla diffusione dell'ideologia gender siano stati preventivamente concordati dagli educatori almeno con il coordinatore pedagogico e con il coordinamento pedagogico dell'Unione dei Comuni Valli del Reno-Lavino-Samoggia". La Lega, che è tra le formazioni più critiche rispetto alla promozione di quella che viene chiamata 'ideologia gender', non sembra intenzionata a riporre quanto successo a Casalecchio in un dimenticatoio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 20/09/2018 - 20:25

Un tempo nel vecchio continente vigeva la schiavitù fisica delle persone a distanza di pochi secoli da allora impera la schiavitù culturale e morale delle future generazioni.

MOSTARDELLIS

Gio, 20/09/2018 - 20:58

Questa gentaglia deve andare in galera. Sono dei subdoli farabutti che si approfittano dei bambini. E non c'è al mondo cosa peggiore di questa. Delinquenti.

giosafat

Gio, 20/09/2018 - 21:00

Direi che è ora di passare, in difesa dei minori, direttamente alle denuncie. Forse così si calmeranno.

Anonimo (non verificato)

Divoll

Gio, 20/09/2018 - 21:49

Vergognosi tentativi di confondere e manipolare le menti dei bambini che non sanno nemmeno cosa sia il sesso. Qualcuno sta tentando in tutti i modi possibili di degradare totalmente la societa', presente e futura. Restiamo vigili.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 20/09/2018 - 21:50

Perché nessuno li denuncia?

sparviero51

Gio, 20/09/2018 - 22:17

MALEDETTI !!!

dagoleo

Gio, 20/09/2018 - 22:37

Se hanno commesso queste cose ai bambini all'insaputa dei genitori, bisogna denunciarli e chiedere ai responsabili il pagamento di danni civili per circonvenzione di minori su tematiche sessuali gender non autorizzate dai genitori dei bambini. Fateli pagare pesantemente e vedrete che gli passa la voglia subito.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 20/09/2018 - 22:38

@giosafat - secondo te, come andrebbe a finire? è già tanto che denuncia non venga accusati, come solito fare dai detentori della falsa verità, di razzismo.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 21/09/2018 - 00:45

l'unica risposta a dei "fatti" devono essere "ALTRI FATTI"...

ernocz

Ven, 21/09/2018 - 07:29

Porci fottuti, letame sinistroide.

frapito

Ven, 21/09/2018 - 08:36

L'ideologia gender non è una teoria, perché si basa su idee ed opinioni relativistiche fondate sul negazionismo della realtà biologica e fisiologica e di tutto ciò che é scientificamente confermato e consolidato, e quindi crea un disorientamento profondo nei bambini avidi di curiosità, come è naturale, nei bambini che vogliono sapere e provare tutto. Tale ideologia, a parte il fatto che la considero idiota per idioti, andrebbe (forse) comunicata a persone sessualmente sviluppate e mature e non a bambini immaturi, curiosi e disorientati. Tale divulgazione specialmente se “contrabbandata” all’insaputa dei genitori, come gravità, la pongo dopo la pedofilia, perché viene rivolta a soggetti sessualmente fragili e immaturi e pertanto socialmente dannosa e destabilizzante. Va eliminata insieme ai suoi "divulgatori" che non so cosa ci possono guadagnare, ma di sicuro ci GUADAGNANO!

Morker83

Ven, 21/09/2018 - 11:19

Ma che problema c'è? Se insegnare che una persona su 10 si innamora di una persona dello stesso e che non è una cosa sbagliata creerebbe in futuro solo omosessuali, allora io e i miei coetanei, cresciuti a cavalieri dello zodiaco e Dragon Ball dovremmo essere tutti dei violenti, assassini dotati di superpoteri. E' giusto che i bambini conoscano il mondo che li circonda e sono molto più intelligenti e meno influenzabili degli adulti.

dario_faber

Ven, 21/09/2018 - 12:34

Il termine ideologia gender è stato inventato per incutere timore ai lettori de Il Giornale. In realtà significa insegnare ai bambini che gli omosessuali esistono da quande esiste l'uomo, che l'omosessualità è uno dei molteplici aspetti della natura e che in quanto esseri umani hanno gli stessi diritti degli etero e non hanno nulla di cui vergognarsi.