Caserta, infiltrazioni nel soffitto della scuola De Amicis: sequestrato l’edificio

Il Comune, attraverso un comunicato, ha reso noto che, in seguito ad una richiesta specifica, è stato ottenuto il dissequestro temporaneo dell'istituto scolastico, per svolgere i lavori prescritti

Non sono stati eseguiti i lavori di riparazione del soffitto all’interno di una scuola di Caserta e l’edificio è stato prima chiuso e poi sequestrato dai carabinieri, dopo che la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un fascicolo, per il momento contro ignoti, per il reato di omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina. L’istituto comprensivo "Edmondo De Amicis", una delle strutture scolastiche cittadine più importanti, si trova in condizioni così gravi di degrado da mettere a repentaglio l'integrità degli alunni, dei docenti e del personale amministrativo e tecnico.

Sono circa 500 i bambini costretti a restare a casa per il rischio di caduta di calcinacci. I vigili del fuoco, dopo un’ispezione richiesta dalla Procura della Repubblica, hanno scoperto infiltrazioni d’acqua lungo l’intera soffittatura al primo piano dell’edificio, con il pericolo costante del cedimento dell’intonaco in diverse aule. I tecnici hanno individuato un problema strutturale nel sistema di drenaggio della copertura della scuola. Quando ci sono forti piogge, l’acqua si riversa nel sottotetto, allagandolo e causando così una continua infiltrazione nel solaio.

Secondo Procura di Santa Maria Capua Vetere "la complessità del problema non appare risolvibile attraverso gli interventi tampone finora posti in essere, come l'eliminazione della controsoffittatura e la tinteggiatura dei soffitti, ma necessità di interventi strutturali come il rifacimento della copertura del tetto, l'adeguamento del sistema di drenaggio delle acque pluviali e la messa in sicurezza intradossale dei solai, contro il rischio di crolli di porzioni d'intonaco". Il sequestro preventivo, in ogni caso, garantisce la facoltà d'uso dei locali ma solo in maniera subordinata all'adozione di strumenti di messa in sicurezza che assicurino, durante i lavori di rifacimento del tetto e di ripristino dell'intero edificio, la salvaguardia dell'incolumità dei presenti.

In un comunicato, il Comune di Caserta ha reso noto che, in seguito ad una richiesta specifica, è stato ottenuto il dissequestro temporaneo dell'istituto scolastico, per svolgere i lavori prescritti, installando reti bidirezionali o altre soluzioni tecniche a protezione dei solai, per evitare che future e possibili infiltrazioni possano provocare eventuali cadute di intonaci. Tali lavori si potranno svolgere immediatamente: ciò grazie alle somme prelevate dal fondo di riserva ordinario. L’amministrazione comunale ha annunciato che il disagio causato alla popolazione scolastica dell'istituto durerà solo pochi giorni.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?