Caserta, partorisce in auto davanti al marito e ai tre figli

La donna di 23 anni, originaria di Mondragone, ha cominciato improvvisamente ad avvertire dei dolori forti all’addome

Rientrava a casa dopo una cena dai familiari e, seppure era giunta al nono mese di gravidanza, non immaginava che era pronta a dare alla luce il suo quarto figlio. La donna di 23 anni, originaria di Mondragone, nel Casertano, ha cominciato improvvisamente ad avvertire dei dolori forti all’addome e il marito, in auto con i bambini, ha immediatamente imboccato la strada del pronto soccorso della clinica Pineta Grande di Castel Volturno, il presidio sanitario più vicino.

Nonostante la corsa, però, il parto è avvenuto prima che la 23enne giungesse a destinazione. Il bimbo è nato sul sediolino della macchina, davanti agli occhi increduli dei tre fratellini. Immediatamente soccorsi dagli operatori sanitari il piccolo e la mamma stanno bene. Il neonato è venuto alla luce in maniera naturale e pesa circa tre chilogrammi. Qualche giorno prima la donna era stata visitata dal suo ginecologo, il quale riteneva che il parto sarebbe avvenuto a distanza di qualche settimana.

Il bambino è nato ieri, nel giorno dell’Epifania, per la gioia dei genitori e dei familiari, che hanno salutato il nuovo arrivato con una grande festa in clinica. Un mese fa un caso simile è accaduto nel Milanese, dove una donna di 36 anni ha partorito in macchina durante il tragitto in ospedale.

Durante il travaglio della 36enne, i due genitori hanno deciso di contattare il 112 per segnalare la situazione e spiegare che cosa stava accadendo in strada, proprio sulla loro auto. Quando il parto ormai sembrava veramente imminente, l'operatore ha invitato l'uomo alla guida a fermarsi per attendere l'arrivo dei soccorsi. Ma è stato in quel momento che la cornetta è stata passata un infermiere della sala operativa di Areu, che ha preso in cura il parto della donna e ha seguito, via telefono, la donna. L'uomo ha dato loro consigli su modalità e operazioni da eseguire e il piccolo è quindi nato.

Il piccolo Filippo, intenzionato a venire al mondo velocemente, non ha aspettato l'arrivo in ospedale ed è nato poco prima che l'ambulanza riuscisse a raggiungerli in auto. Poco dopo, il bambino e la donna, raggiunti dai soccorsi e dalla polizia locale, sono stati trasportati all'ospedale Melloni per i controlli di routine. Precedentemente la vicesindaca di un Comune del Bresciano ha dato alla luce la figlia praticamente sulla barella del pronto soccorso, ma la bimba già in macchina aveva già la testa fuori. E a Treviso, invece, nello stesso periodo, un bambino è nato nel parcheggio di una pizzeria, poco prima che arrivassero i soccorsi.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

seccatissimo

Mar, 07/01/2020 - 22:06

Data la "curiosa" notevole frequenza di parti considerati "precipitosi", ritengo piuttosto che i ginecologi di oggi siano meno competenti ed esperti di quelli "di una volta" !

killkoms

Mar, 07/01/2020 - 23:39

auguri!