Chioggia, Salvini va alla spiaggia fascista: "Come dargli torto?"

Il segretario del Carroccio si fa ritrarre mentre visita la "spiaggia fascista" di Chioggia. E davanti a uno dei cartelli si chiede: "Come si può dargli torto?"

Chioggia, Salvini va alla spiaggia fascista: "Come dargli torto?"

La polemica sulla spiaggia fascista di Chioggia si era appena sopita che il segretario leghista Matteo Salvini non ha perso tempo a rinfocolarla, con un blitz mediatico dei suoi.

Il leader del Carroccio ha infatti pubblicato questo pomeriggio sui propri profili social una foto che lo ritrae nello stabilimento balneare della città veneta, di fronte a uno dei cartelli tanto contestati durante il caso che ha portato all'indagine del gestore dei bagni di Punta Canna per apologia di fascismo.

"Come dargli torto", si domanda Salvini riferendosi al gestore dei bagni. E non perde tempo a postare una foto in cui si fa immortalare mentre indica un cartello con scritto "quanto sarebe bello il mondo se ognuno di noi si facesse i c***i suoi.."

Nella spiaggia fascista di Chioggia, portata alla ribalta da un'inchiesta giornalistica del quotidiano La Repubblica, aveva peraltro lavorato anche il segretario cittadino del Pd, che una volta scoppiato lo scandalo si era giustificato spiegando di non aver mai visto né letto espliciti riferimenti a Mussolini. Posizione difficile da tenere, visto che lo stabilimento non ne era certo privo.

Quello che è sicuro, al contrario, è che a questo punto Salvini tutto potrà dire, ma non di non sapere dove si trovasse. E i suoi fan su social, per la verità, almeno per il momento sembrano entusiasti.

https://www.facebook.com/salviniofficial/photos/a.278194028154.141463.252306033154/10154975376138155/?type=3&theater

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica