Arriva il decreto del governo per assumere medici e infermieri

Circa 20.000, in totale, tra medici, infermieri e operatori sanitari saranno reclutati per far fronte all'emergenza sanitaria del coronavirus. Okay all'attivazione di aree sanitarie ad hoc ma con deroga regionale

Circa 5mila medici, 10mila infermieri e 5mila operatori sanitari saranno reclutati nelle strutture ospedaliere a fronte dell'emergenza sanitaria ingenerata dal Coronavirus. Questo quanto emerge, in sintesi, dalla bozza del Decreto Legge al vaglio del Consiglio dei Ministri nella serata di venerdì 6 marzo 2020.

Dunque, specializzandi e medici di Medicina Generale arruolati nell'azione governativa di contrasto e contenimento alla diffusione del Covid-19 con contratti della durata non superiore ai 6 mesi. "Le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, fino al perdurare dello stato di emergenza, possono conferire, incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, di durata non superiore a 6 mesi, prorogabili in ragione del perdurare dello stato di emergenza a infermieri, operatori socio sanitari e a medici specialisti, in anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore, malattie dell'apparato respiratorio, malattie infettive e tropicali, medicina d'emergenza urgenza, medicina interna, malattie dell'apparato cardiovascolare, radiodiagnostica, igiene e medicina preventiva e specializzazioni equipollenti nonché a medici specializzandi, iscritti all'ultimo e al penultimo anno di corso delle medesime scuole di specializzazione", si legge nel testo della bozza per il potenziamento della Ssn.

Le misure, in attesa di approvazione definitiva del Cdm, sono state approntate "al fine di far fronte alle esigenze straordinarie e urgenti derivanti dalla diffusione del Covid-19 e di garantire i livelli essenziali di assistenza nonché per assicurare sull'intero territorio nazionale un incremento dei posti letto per la terapia intensiva e sub intensiva necessari alla cura dei pazienti affetti dal predetto virus". Ma non è tutto.

Per garantire la completezza dell'organico sanitario, verificata l'impossibilità di assumere personale, potranno essere richiamati in servizio anche medici in pensione con incarichi di lavoro autonomo della durata non superiore ai sei mesi e "comunque entro il termine dello stato di emergenza, a personale medico e a personale infermieristico, collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo".

Dopo l'attivazione delle tensostrutte per il pre-triage dei pazienti con sintomatologia sospetta, ora, si discute la possibilità di allestire aree sanitarie temporanee sia all'esterno che all'interno delle strutture di ricovero destinate cura, accoglienza e assistenza, pubbliche e private, per la gestione dell'emergenza Covid-19 "sino al termine dello stato di emergenza", recita la bozza del provvedimento. Le opere edilizie, necessarie a rendere le strutture idonee all'accoglienza e alla assistenza, possono essere "eseguite in deroga alle disposizioni di cui al d.P.R. n. 380 del 2001, delle leggi regionali, dei piani regolatori e dei regolamenti edilizi locali. I lavori possono essere iniziati contestualmente alla presentazione della istanza o della denunzia di inizio di attività presso il Comune competente. La disposizione si applica anche agli ospedali, ai policlinici universitari, agli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, alle strutture accreditate ed autorizzate".

Per quanto riguarda le prestazioni ambulatoriali e gli interventi programmati, è prevista la sospensione di tutte le attività non urgenti al fine di evitare un sovraccarico delle strutture, già al collasso nelle città confinanti con i comuni focolaio del virus. Il compito di rimodulazione dei servizi spetterà alla Regioni che, pertanto, possono "possono rimodulare o sospendere le attività di ricovero e ambulatoriali differibili e non urgenti, ivi incluse quelle erogate in regime di libera professione intramuraria"

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mailaico

mailaico

Ven, 06/03/2020 - 21:32

e da dove li prende ? le preziose risorse mentecatte ?

bernardo47

Ven, 06/03/2020 - 21:40

benissimo personale medico e infermieristico, ma ricordino di rafforzare almeno un po' anche gli organici dei tecnici della diagnostica radiologica e laboratoristica....

mareblu30

Ven, 06/03/2020 - 21:54

QUESTI S....I DOPO SCAPPATI I BUOI CHIUDONO LE STALLE FINO ADESSO CHE FINE AVETE FATTO FARE AI SOLDI PER LA SANITA' VOI POLITICI LADRI IN COMPUTTA CON GLI AMICI DI MERENDA!

mareblu30

Ven, 06/03/2020 - 22:51

ADESSO SPIEGATE A GLI ITALIANI CHI HA PAPPATO PIU' SOLDI DALLA SANITA' E PERCHE' E' RIDOTTA COSI', E VOI GIORNALISTI DELLLA TELEVISIONE FATE MENO I LEC....LO, E QUALCUNO RIPASSI GLI ARTICOLI.!

marc59

Sab, 07/03/2020 - 10:39

Solo per acquistare voti e pubblicità. Devono andarsene immediatamente.

Duka

Sab, 07/03/2020 - 10:42

E perchè non si chiamano in Ospedale i medici di base che lavorano, quando va bene 3 ore al giorno? O se ne vanno in vacanza alla faccia del virus?

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 07/03/2020 - 11:11

Ora si svegliano. Per decenni la politica ha usato il sistema Sanitario come "Bancomat", tagliando a destra e a manca senza ritegno, "imponendo la dirigenza politica" rispetto alle competenze e all'efficienza ed ora s'accorgono della "precarietà e scarsità dei servizi".

buonaparte

Sab, 07/03/2020 - 12:37

SONO STATO IERI IN OSPEDALE E UN TERZO DI MEDICI ED INFERMIERI AVEVANO LA MASCHERINA.. DEVONO AVERLA TUTTI SEMPRE QUANDO SONO A CONTATTO CON LA GENTE ANCHE SE NON è AMMALATA.. SE UNO è AMMALATO ED INFETTO CI VOGLIONO GIORNI PER STABILIRLO E MOLTI SONO POSITIVI SENZA AVERE FEBBRE E ALTRI SINTOMI ED INFETTANO. MENO PROPAGANDA POLITICA.. NON ABBIAMO ASCOLTATO FONTANA E FAR FARE LA QUARANTENA PER MOTIVI SPECULATIVI POLITICI ASCOLTIAMOLO ALMENO NELL'USO DELLE MASCHERINE..BASTA PROPAGANDA AVEVA RAGIONE CON LA QUARANTENA ED HA RAGIONE CON LE MASCHERINE VANNO TUTTE BENE BASTA METTERE QUALCOSA DAVANTI LA BOCCA. QUALCOSA FANNO ..CHI è STATO INFETTATO NON AVEVA LA MASCHERINA ?PIU GENTE LE HA E PIU SONO EFFICACI ..