Coronavirus, Capua: "Contagio può calare senza fermarsi del tutto"

L'esperta è certa che le contromosse diano riscontri positivi, ma guai ad abbassare la guardia. E insiste: "Fondamentale fare i tamponi a medici e infermieri"

Da Wikipedia

Le misure di contenimento contro il coronavirus stanno funzionando. I primi timidi segnali positivi stanno (finalmente) arrivando e si inizia a intravedere un po' di luce in fondo al tunnel dell'incubo rappresentando dalla pandemia di Covid-19. Ma guai a cantar vittoria troppo presto, abbassando la guardia, perché è comunque possibile che il contagio non si fermi del tutto.

Intervistata da Corriere della Sera, Ilaria Capua commenta i risultati (positivi) delle contromosse adottate dall'istituzioni e dalle autorità sanitarie, che si sono registrati negli ultimi giorni, e guarda però oltre ai numeri, ponendo l'accento sulla necessità dell'esame del tampone al personale medico e sanitario degli ospedali italiani:"È fondamentale fare il tampone ai dottori e agli infermieri. Questo sì, ma per quanto riguarda la possibilità di utilizzare le nuove tecnologie ho qualche perplessità. Non siamo coreani e nemmeno cinesi, dove queste tecnologie sono state utilizzate".

Qui la titolare dell'One Healt Center of Excellence dell'Università della Florida si riferisce alle tecnologie di tracciamento delle persone potenziali vettori di coronavirus.

La virologa, dunque, insiste su un'altra urgenza: quella di difendere i più deboli: "L'unica cosa da fare è proteggere soprattutto le persone fragili. Gli immunodepressi perché magari hanno un tumore. Chi soffre di malattie croniche come cardiopatie o diabete. Occorre entrare nell'ordine di idee che tutti, ma soprattutto queste persone, per un 'certo numero di mesi' dovranno proteggersi. Probabilmente il contagio non si fermerà anche se rallenterà". Nei giorni scorsi la Capua aveva lanciato un'allarme per la Lombardia, sostenendo che nella regione del Nord Italia il virus si stesse muovende e stesse circolando tra la popolazione in modo strano, anomalo, senza che si riesca a capire il perché.

A seguire l'espertpropone un ripensamento (quasi) in toto del Sistema sanitario nazionale, allo stremo delle forze e messo in ginocchio dal coronavirus: "Andrà ripensato perché dovrà farsi carico di queste persone che non sempre sono anziani, al di fuori della società produttiva. Sono persone che hanno ancora la loro vita lavorativa". Ma quello italiano, chiosa la Capua, rappresenta comunque un modello di contrasto alla pandemia di coronavirus che, al netto degli errori fatti, può fare scuola, indicando il sentiero da imboccare, e insegnando agli altri Paesi del mondo come lottare in prima linea e in trincea avanzata contro la minaccia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 24/03/2020 - 18:14

ormai bisogna pensare a come addestrare i futuri infermieri e medici, anche quelli che non vogliono esserlo, dovranno imparare....

amicomuffo

Mar, 24/03/2020 - 18:33

Ognuno ormai dice la sua! Non hanno una linea comune! E' veramente disastroso!

Gianca59

Mar, 24/03/2020 - 19:08

Questo l' abbiamo capito.

ilguastafeste

Mar, 24/03/2020 - 19:09

Con il condizionale tutti possono dire quello che vogliono, non serve l'esperta

necken

Mar, 24/03/2020 - 19:09

mortimermouse@18,14: più che addestrarli direi attrezzarli e proteggerli dai contagi altrimenti si mandano allo sbaraglio se è una guerra bisogna combatterla con mezzi idonei, inoltre i metodi coercitivi non funzionano da nessuna parte.

Giorgio Rubiu

Mar, 24/03/2020 - 19:18

Ipotesi piuttosto realistica specialmente se il calo, come molti sperano, e condizionato all'arrivo dell'estate. Non dobbiamo dimenticare che dopo l'estate arrivano l'autunno, l'inverno e la primavera che, se sarà fredda come lo è la presente, non sarà di grande aiuto. Cure per i malati e vaccino che possa prevenire l'infezione sono le risposte da cercare; Giugno, Luglio e Agosto ci aiuteranno a guadagnare tempo per la ricerca, ma non sono una cura.