Coronavirus, ecco la nuova autocertificazione: stretta sugli spostamenti

Ecco il nuovo modulo dell'autocertificazione per gli spostamenti. Da ora in avanti, il rientro è consentito soltanto in casi strettamente limitati

Il modulo dell'autocertificazione per gli spostamenti cambia ancora. Il nuovo documento è in linea con l'ultimo Dpcm, contenente le ultime misure per arginare il Covid-19 e pubblicato oggi, 23 marzo, in Gazzetta ufficiale.

Non c'è più la possibilità che assicurava ai cittadini il rientro nel luogo di domicilio, residenza o abitazione. Da ora in avanti, il rientro è consentito soltanto in casi strettamente limitati e collegati a esigenze lavorative, esigenze di assoluta urgenza o motivi di salute.

Ricordiamo che il modello, oltre a essere scaricabile online (scaricalo qui), è anche in dotazione alle pattuglie. Chiunque attesti il falso rischia di essere denunciato e, in alcuni casi, l'arresto alla salute pubblica, come prevede l'articolo 452 del codice penale, il quale impartisce una pena fino a 12 anni di carcere.

La nuova autocertificazione

Scendendo nel dettaglio, sul sito della Polizia di Stato si legge quanto segue: "Il Dpcm 22 marzo 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 76 del 22 marzo, ha rimodulato le indicazioni relative al sistema di misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. Sono state riviste in modo restrittivo le circostanze che legittimano gli spostamenti al di fuori della propria abitazione. Ciò ha comportato un aggiornamento del modello di autodichiarazione da compilare per motivare lo spostamento stesso".

Viene inoltre spiegato che "ci si può quindi muovere soltanto per i seguenti motivi: comprovate esigenze lavorative, esigenze di assoluta urgenza e motivi di salute".

Il nuovo decreto del presidente del Consiglio, dunque, "abolisce la previsione, contenuta, nell'art. 1, comma 1, lett. a) del Dpcm 8 marzo 2020, che assicurava il rientro tout court nel luogo di domicilio, abitazione o residenza. Tale rientro è consentito solo nel caso in cui lo spostamento all'esterno è connesso ai motivi sopra elencati. Ad esempio, rientra negli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, il tragitto (anche pendolare) effettuato dal lavoratore dal proprio luogo di residenza, dimora e abitazione al luogo di lavoro. Rientrano nelle esigenze di assoluta urgenza, anche i casi in cui l'interessato si rechi presso grandi infrastrutture del sistema dei trasporti (aeroporti, porti e stazione ferroviari) per trasferire propri congiunti alla propria abitazione", si conclude l'articolo sul sito della Ps.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

amicomuffo

Mar, 24/03/2020 - 10:09

Questo ennesimo cambiamento autocertificazione è la spia che il governo e la burocrazia è in confusione totale!

baio57

Mar, 24/03/2020 - 10:10

Una certificazione al giorno leva il virus di torno.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 24/03/2020 - 10:20

Pare di capire,se sbaglio mi corigerete (:-) ),che chi,suo malgrado si trova all'estero per motivi diversi,non può rientrare,in pratica è SEQUESTRATO a tempo indeterminato.

Happy1937

Mar, 24/03/2020 - 10:31

E siamo alla terza formulazione in pochi giorni. Non discuto le misure restrittive, per me necessarie. Discuto il metodo adottato da Giuseppi che, proclamatosi Dittatore a vita come Cesare nel 45 AC, emana decreti limitativi delle libertà personali senza passare dal Parlamento. Parlamento che pure indegnamente latita perchè i Rappresentanti del Popolo sono del tipo "Quando la nave affonda i topi scappano". Traduzione : Quando la situazione è compromessa chi è vile è il primo a scappare.

jaguar

Mar, 24/03/2020 - 11:02

Non è possibile, ancora una certificazione, la prova che al governo abbiamo degli emeriti incompetenti.

Angelo664

Mar, 24/03/2020 - 11:03

MA ci rendiamo conto di quante ne hanno prodotte questi idioti di burocrati ??

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mar, 24/03/2020 - 11:09

Alla prossima chiederanno la conoscenza del francese, dell'inglese, dele tedesco!

Ritratto di paràpadano

paràpadano

Mar, 24/03/2020 - 11:19

questa si chiama incompetenza, niente altro che incompetenza!

Ilsabbatico

Mar, 24/03/2020 - 11:31

Si vabbè...siamo alle solite. L'incompetenza e la confusione di idee regnano sovrane.

audace

Mar, 24/03/2020 - 11:39

Che paese distrutto … gente incompetente e improvvisata …. cambiano un certificato al giorno …….

bernardo47

Mar, 24/03/2020 - 12:15

terzo giro,terzo modulo...altra corsa veloce!

Ritratto di adl

adl

Mar, 24/03/2020 - 12:24

A che ora scade questa versione ???!!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/03/2020 - 12:27

@bernardo47 - sono i tuo iamici che hai votato che governano. Di che t ilamenti sempre ?

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 24/03/2020 - 12:40

Mi paiono restrizioni per fare cassa. Il mio pensiero va alle zone più a nord dell'Alto Adige Süd Tyrol, dove nacqui, perché vi sono Comuni dove i negozietti di alimentari sono inadeguati a soddisfare le necessità dei paesani in quanto troppo piccoli, se non con lunghe code di durata biblica. Chi governa deve pensare che per assicurare le necessità alimentari di alcuni luoghi, bisogna permettere di spostarsi nei Comuni limitrofi più a valle, appena dopo i confini comunali, laddove vi sono supermarkets grandi, forniti e più sicuri nel garantire le distanze tra le persone. Fatta eccezione per le aree ad alto contagio, non è il decreto che andava cambiato, bensì il Governo. Lo si vuole capire che le mascherine, guanti e occhiali anti-infortunistica sono elementi fondamentali da distribuire a chi esce a far provviste per limitare i contagi?

gianf54

Mar, 24/03/2020 - 12:46

Un'altra ancora? E' una pagliacciata totale!!E non è indicata neanche l'opzione : "uscito a far la spesa"!! Ma chi è che inventa questi moduli? Da premio Nobel!

Slomb

Mar, 24/03/2020 - 12:50

Ci distruggono!

Fjr

Mar, 24/03/2020 - 13:10

La supercazzola regna sovrana A breve avremo così tante certificazioni che potremo riempire un’album Panini e con quelle giocare a muretto

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 24/03/2020 - 13:37

Quando già vidi la PRIMA incompilabile autocertificazione, me la rimodulai e AGGIUNSI IL DOMICILIO, che è il luogo più importante di riferimento per gli spostamenti. Tanto un'autocertificazione, purchè sia esaustiva nei contenuti, non dovrebbe PER LEGGE avere una forma grafica obbligatoria. Dopo quasi un mese, ne vedo una che mi piace. - Anche se la grafica e la disposizione degli spazi MI LASCIANO ancora un po' a desiderare.

bruco52

Mar, 24/03/2020 - 13:50

e basta, è il quarto modulo, compreso quello che riguardava Lombardia e province limitrofe.....al governo facessero pace col cervello, non è possibile cambiare idea ogni tre giorni....

baio57

Mar, 24/03/2020 - 13:55

C'è di buono che i commentatori trinariciuti sono ormai spariti ,ora non possono più attaccarsi ai ..felpini...papeete...mojito... Fontana ..Zaia e la pessima sanità leghista lombarda... Vista l'inadeguatezza di una banda di incompetenti ed irresponsabili di quel governo che tutt'ora difendono, ora provano almeno un minimo di vergogna .Scommetto che ora il loro passatempo preferito è quello di fotografare dalla finestra il vicino di casa che sfora di 20 metri il divieto di passeggiare nelle vicinanze . Sono fieri di essere diventati delle sentinelle sociali utili alla comunità,in perfetto stile Stasi, poi chiamano i vigili (Vopos) ,così da far appioppare al "DELINQUENTE" una bella multa ,in sostanza è il regime da loro tanto agognato . Scommetto che sono tra quelli che vanno alla Coop tre volte al giorno ....

Ritratto di superagnostico

superagnostico

Mar, 24/03/2020 - 14:09

Concordo totalmente con walhall.Questi scappati di casa invece di fornire tutti di occhiali,guanti e mascherine - cosa che eviterebbe quasi totalmente ogni possibilità di contagio - hanno pensato bene di bloccare il Paese senza sapere neanche fino a quando.Il taglio burocratico del lasciapassare, in puro stile soviet, dà la misura dell'inadeguatezza del pensiero dominante.

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 24/03/2020 - 14:44

ERRATA CORRIGE. Stando chiusi in casa si perde la nozione del tempo. Dal primo modulo a questo (il terzo) credo siano passati solo alcuni giorni e non quasi un mese, come frettolosamente ed erroneamente scritto nel mio commento precedente. Vogliate perdonare.