Coronavirus, lo sfogo duro della Gismondo "Il test Event a cosa è servito?"

La virologa chiede perché non siano state seguite le indicazioni riportate nei documenti stilati dopo le esercitazioni per le emergenze come quella del 2019 che simulava una pandemia da coronavirus

La direttrice del laboratorio di microbiologia dell’ospedale "Sacco" di Milano, Maria Rita Gismondo, sembra non avere più dubbi. Dopo le prime affermazioni sul coronavirus, che considerava essere una infezione poco più forte di una influenza, ora pare aver cambiato posizione.

Già nei giorni scorsi, a seguito della lettera di diffida legale inviatale dal Patto trasversale per la scienza per le due dichiarazioni in merito alla malattia, la virologa aveva provato a difendersi affermando che anche altri colleghi avevano sostenuto una tesi simile. "Se chiedono a me di fare un passo indietro sulle mie dichiarazioni, devono farlo anche per quelle del virologo Pregliasco, di Ilaria Capua e del direttore dell'Oms. Non devo dimostrare nulla perché quello che ho detto è pubblicato ovunque. La Capua, ad esempio, ha detto che questo virus diventerà come un raffreddore". La stessa Gismondo aveva anche affermato di aver espresso un proprio parere, spiegando che Covid-19 è un virus ancora sconosciuto che potrebbe rivelarsi positivo o negativo.

Ora, in una lettera al Fatto Quotidiano, invita tutti a far tesoro di quanto sta accadendo in questo drammatico periodo. Questa terribile esperienza, per la virologa, deve servire per prepararsi a quanto potrebbe accadere in un prossimo futuro."Passata la pandemia Covid-19 comincerà il countdown verso la prossima pandemia. Se tutto andrà bene avremo otto, dieci anni di tregua: impieghiamoli al meglio. Non è stato così dall’ultima pandemia (la suina del 2009)", ha scritto la Gismondo.

La virologa ha anche spiegato che, proprio per prepararsi a scenari di emergenza sanitaria, in passato ci sono state diversi "addestramenti": "Event 201 è l’ultima di quattro esercitazioni relative a uno scenario di pandemia. La prima, Dark Winter, si era svolta nel giugno 2001 (dopo l’allerta antrace); Atlantic Storm nel 2005 (dopo la Sars); e Clede X nel maggio 2018. Event 201 si è tenuta il 18 ottobre 2019 a New York (sic!) con una pandemia da coronavirus simulata".

Tralasciando la casualità tra l’ultima esercitazione e la pandemia appena iniziata, la Gismondo si dice stupita che nei documenti redatti dopo il lavoro siano state sempre comprese alcune raccomandazioni da tener presenti per prepararsi ad una emergenza sanitaria. Fra queste vi è l’invito rivolto a tutte le nazioni di mantenere un adeguato stock pile, o scorta essenziale, che include i Ppi, le protezioni individuali come guanti, mascherine e camici monouso e i farmaci tra cui antidoti, antibiotici e vaccini. Inoltre, nello stesso documento si invitano i Paesi ad avere un piano di riconversione sanitaria che permette un rapido utilizzo dei posti letto in base all’emergenza.

"Se queste esercitazioni non fossero rimaste documenti sulle scrivanie dei burocrati del mondo, non saremmo qui a elemosinare materiale necessario tra uno Stato e l’altro. Non avremmo decine di tavoli tecnici che si inventano (adesso) come organizzare l’emergenza sanitaria", ha scritto la virologa che, infine, ha aggiunto come l'emergenza sanitaria legata al coronavirus "che stiamo vivendo, fra le possibili pandemie ipotizzate, non è certo la più grave. Impareremo la lezione? Dobbiamo!".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rosalba cioli

Ven, 27/03/2020 - 14:46

siamo vicini al tempo di Pasqua, Pilato si fece portare dell'acqua e si lavò le mani!

Market

Ven, 27/03/2020 - 14:54

Massimo rispetto per gli operatori sanitari e per tutte le competenze, che rappresentano delle eccellenze, messe in campo nel nostro paese. Nondimeno, mi chiedo perché chi si occupa di ricerca non si focalizzi sulla ricerca, appunto, anziché apparire quotidianamente su giornali, televisioni e social per rilasciare affermazioni che purtroppo non aiutano a vincere questo virus.

cgf

Ven, 27/03/2020 - 14:57

Questa farebbe bene a fare come gigino, basso profilo e non ricordarci ogni giorno della sua esistenza, poi si lamenterà che l'avranno cacciata

Ilsabbatico

Ven, 27/03/2020 - 15:14

Mi dispiace ma lei signora penso non sia molto attendibile...

blackbird

Ven, 27/03/2020 - 15:16

Non ricodo ch disse che questo virus è totalmente sconosciuto al corpo umano, che quindi ci sarebbero stati milioni di contagiati, nel mondo, con conseguenze gravissime. Poi, quando il nostro corpo avesse imparato come difendersi, negli anni a venire, si sarebe probabilmente trattato di qualcosa poco più grave di un raffreddore. Era un discorso di lunga prospettiva, ben diverso dalle affermazioni della Gismondo. E non dimentichiamoci che le popolazioni andine sono state sterminate dal raffreddore: virus che il loro corpo non conosceva.

ryan1

Ven, 27/03/2020 - 15:16

Ma la Gismondo non è quella che continuava a dire che il coronavirus era una semplice forma influenzale? Eh si, di irresponsabili ce ne sono tanti. Farebbe meglio a sparire.

McGeorge

Ven, 27/03/2020 - 15:50

Probabilmente sarebbe stato necessario che i medici parlassero di più e i politici di meno, e parlassero poco soprattutto quelli che non sono tenuti a conoscere, per non averla studiata, la differenza tra batteri e virus, e la rispettiva differente modalità di replicazione, e, da qui, la conseguente difficoltà di fare fronte a una epidemia virale, prima sconosciuta. E per medici ci si riferisce a quei clinici che, senza o con pochi dispositivi di protezione individuali (molti DPI, forse troppi, erano stati improvvidamente regalati alla Cina) sono in prima linea sul fronte di battaglia di questa terribile guerra.

gjallahorn

Ven, 27/03/2020 - 15:53

Dovrebbe cominciare a tacere e in subordine ad esercitarsi nella sua professione. Adesso, oltre tutto, fa anche le previsioni epidemiologiche fornendo date sulle prossime pandemie?

Pigi51

Ven, 27/03/2020 - 16:05

La Dott.ssa Gismondo è una seria professionista che dice le cose per come sono, senza la ricerca di una visibilità creata sugli allarmismi. L'influenza stagionale di quest'anno ha fatto 8000 morti con tutto il vaccino. La vogliamo lapidare per aver detto la verità per come si presentava?

Papilla47

Ven, 27/03/2020 - 16:07

Ci sono sempre due correnti di pensiero che scommettono finanche su eventi drammatici come questo. E' una specie di lotteria al ribasso che vede qualcuno in controtendenza che se l'azzecca diventa famoso. Si fa presto poi a ripensarci tentar non nuoce.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 27/03/2020 - 16:14

Ancora che parla questa???

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Ven, 27/03/2020 - 16:52

Sono d'accordo con la Gismondo sul fatto di incominciare ad affrontare eventuali altre pandemie facendo scorta o "stockpile" come da lei definita,di tutto ciò che abbiamo bisogno,come adesso,costringendo il governo attuale a chiedere gli aiuti ad altri Stati,non sempre disponibili.

ilguastafeste

Ven, 27/03/2020 - 17:04

Le diatribe accademiche ci sono sempre state, gli scienziati discordano su molte cose, dalle più serie alle più banali. La cosa certa, a mio modo di vedere, è che nessuno ha ancora davvero capito cos'è questo virus.

sbrigati

Ven, 27/03/2020 - 17:16

La Gismondo ha toppato in altre occasioni, ma questo suo interrogativo è legittimo.

APPARENZINGANNA

Ven, 27/03/2020 - 17:24

Ora sale in cattedra, pur riconoscendo - ma non umilmente - le proprie sottovalutazioni, colpose. Ciò detto, abbiamo assistito da parte del nostro governo, dopo la proclamazione dello stato di emergenza, per parecchi giorni, a una grave sottovalutazione del pericolo, ispirata magari da persone come lei, che ora pontifica. Un bel tacer non fu mai scritto.

pilandi

Ven, 27/03/2020 - 17:45

@giangol se non capisci quello che dice é solo colpa tua...

anna.53

Ven, 27/03/2020 - 17:58

Il perché è presto detto , nella foga burocratica di produrre leggi con fiumane di parole inutili senza verificarne l'efficacia , né questo Piano e neppure il sacrosanto Principio di Precauzione che dal 2002 è stato recepito in Italia dalla Legislazione UE hanno trovato applicazione reale (magari dal 31 gennaio...). Se la politica è servizio , occorrerà meditare a bocce ferme sulla necessità che lo sia realmente e non una mangiatoia. Inutile muovere acque burrascose.

krgferr

Ven, 27/03/2020 - 18:23

Il limite di chi potrebbe forse avere buona professionalità e, perché no, anche intelligenza sta quasi sempre nell'uso scarso del buon senso e di quello eccessivo della lingua. Saluti. Piero

vinnynewyork256

Ven, 27/03/2020 - 19:35

boh.. le mie critiche di questo medico-politico vanno inascoltate ... ma non da chi ha perso qualcuno per causa di un banale influenza

Gianca59

Ven, 27/03/2020 - 19:54

A cosa è servito ? Solite scampagnate, soliti giochetti: questo è lo spirito con cui è stato preso visti i risultati !

FreedomCarlo

Sab, 28/03/2020 - 10:32

@Pigi51 Ma ancora con sta storia? L'influenza ne ha fatti 8000 su 5 MILIONI che l'hanno presa. Mettiamo pure che gli 86000 li moltiplichi per 10 non arrivi nemmeno ad 1 MILIONE di contagi per COVID-19 e gli 8000 morti li abbiamo già passati... vogliamo reputare nonni, padri, madri e nonne come numeri... eccoli qua!!! Tu pensa se non si prendevano le misure. Anzi ti dirò: vedrai in USA ed in Svezia...

Tobi

Sab, 28/03/2020 - 11:29

Perché attaccare questa dottoressa? Perché non si spiega invece come mai gli anziani sono a rischio ed i bambini stranamente no? Forse perché i primi mediamente sono imbottiti di farmaci che possono indebolire le difese immunitarie? E perché la molto diversa letalità in diverse regioni, città seppur vicinissime stante che l'epidemia è ormai diffusa ed il contagio esteso? Che ruolo ha l'inquinamento dell'aria?