Coronavirus, i ricoverati sono meno di 10mila

Il bollettino sull'emergenza coronavirus: oggi 156 vittime. Continua il calo dei malati (-1.792) e cresce il numero dei guariti (+2.278)

Coronavirus, i ricoverati sono meno di 10mila

Sono meno di 10mila le persone ricoverate per il coronavirus in Italia, in terapia intensiva e non. Prosegue infatti deciso il calo della pressione sugli ospedali. In terapia intensiva ci sono ad oggi 640 pazienti, 36 meno di ieri. Anche il numero dei ricoverati con sintomi continua a scendere raggiungendo quota 9.269 persone (-355). 51.051 persone, pari all'84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.

Continua a scendere il numero degli attualmente positivi al coronavirus: ad oggi sono infatti 60.960 i malati in Italia con un calo di 1.792 unità (ieri erano stati 2.377 in meno rispetto al giorno prima). Cala leggermente il dato dei nuovi guariti: nelle ultime 24 ore si contano altre 2.278 unità per un totale di 134.560 (ieri +2.881).

Stabile da alcuni giorni il numero delle vittime. Nelle ultime 24 ore si registrano infatti 156 decessi per un totale di 32.486 morti (ieri +161). Non si registra però alcun decesso in otto Regioni: Puglia, Sicilia, Trentino Alto Adige, Umbria, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Meno di tre vittime invece in Campania, Marche, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo e Sardegna. Dall'inizio della diffusione del coronavirus in Italia, il numero complessivo dei contagiati (comprese le vittime e i guariti) è salito a quota 228.006 (+642 rispetto a ieri). Oggi sono stati fatti 71.679 tamponi (ieri erano 67.195).

In particolare, i casi attualmente positivi sono 26.715 in Lombardia, 8.710 in Piemonte, 4.926 in Emilia-Romagna, 3.286 in Veneto, 1.877 in Toscana, 2.075 in Liguria, 3.637 nel Lazio, 1.832 nelle Marche, 1.373 in Campania, 1.839 in Puglia, 66 nella Provincia autonoma di Trento, 1.522 in Sicilia, 578 in Friuli Venezia Giulia, 1.272 in Abruzzo, 250 nella Provincia autonoma di Bolzano, 61 in Umbria, 318 in Sardegna, 43 in Valle d’Aosta, 326 in Calabria, 194 in Molise e 60 in Basilicata.

Lombardia

Dall'inizio della diffusione del coronavirus in Lombardia sono stati registrati 86.091 casi, 316 in più rispetto a ieri quando l'aumento sul giorno precedente era stato di 294. Cresce però il numero dei tamponi che passa dagli 11.508 di ieri agli 14.702 di oggi. Gli attualmente positivi sono 26.715 (+44). Continua il calo della pressione sugli ospedali: i ricoverati sono 4.119, 162 in meno rispetto a ieri, mentre in terapia intensiva ci sono 226 pazienti (-5). 43.649 i guariti (+207). Stabile il dato dei decessi: nelle ultime 24 ore in regione si sono registrati 65 morti (ieri +65) per totale di 15.727 vittime.

Nella provincia di Bergamo i casi di coronavirus sono arrivati a quota 12.681. Rispetto a ieri, la crescita è di 48 unità. A Brescia invece si sono accertati 77 nuovi casi e il totale è arrivato a 14.326. Per quanto riguarda Milano, in provincia i positivi sono 22.455, 83 più di ieri quando si erano registrati 48 casi sul giorno precedente. In città invece i casi sono saliti a quota 9.490 (+38, mentre ieri l'incremento era stato di 8).

Lazio

"Oggi registriamo un dato di 21 casi positivi nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono 4 recuperi di notifiche. Il trend è allo 0,3%", ha affermato l'assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. "I decessi - ha aggiunto - sono stati 15 mentre il numero dei guariti è cresciuto di 159 unità per un totale di 3.259".

Commenti