Coronavirus, Ricciardi: "Sovrastimati i casi positivi. Riusciremo a contenere l'epidemia"

L'ex presidente dell'Iss sottolinea che è stato fatto un uso sbagliato dei tamponi perché i casi confermati sono meno numerosi di quelli dichiarati

Coronavirus, Ricciardi: "Sovrastimati i casi positivi. Riusciremo a contenere l'epidemia"

C'è un'ampia possibilità di sovrastimare le positività. Bisogna utilizzarli in modo appropriato”. Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, parla dei test del tampone ma allo stesso tempo è “ottimista” perché “riusciremo a contenere il virus”.

Il componente del consiglio esecutivo dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ritiene una scelta sbagliata aver dato indicazione di fare i tamponi anche alle persone asintomatiche. Ricciardi fa l'esempio del Veneto, che ha agito in modo errato “derogando all'evidenza scientifica”. L’ex presidente dell’Iss (Istituto superiore di sanità) spiega che le linee guida dell’Oms prevedevano i test solo su soggetti sintomatici con 2 caratteristiche ovvero “il contatto con malati di Covid-19 accertati e la provenienza da zone di focolai".

Ricciardi sottolinea che queste direttive non sono state applicate e ciò ha creato "confusione e allarme sociale. Oggi in tutto il mondo abbiamo test non perfetti dal punto di vista della sensibilità perché messi a punto in poco tempo e devono essere perfezionati”. Secondo l’esponente dell’Oms, esiste una concreta possibilità di sovrastimare i casi positivi al coronavirus. "Significa - prosegue Ricciardi - che i casi verificati sono circa 190, confermati dall'Istituto superiore di sanità che ha il compito di validare l'eventuale positività dei test condotti nei laboratori locali. Quindi meno dei 424 casi dichiarati che invece includono quelli in attesa di conferma”. Il medico ha precisato che questa situazione ha fatto in modo che il risultato della positività sia stato anticipato dalle Regioni, in particolare Veneto e Liguria. Quindi il ministero della Salute ha dovuto comunicare queste informazioni all’Oms per obbligo di trasparenza.

In un'intervista al Corriere della Sera, Ricciardi dice che si dovrebbe andare verso una fase di riduzione del coronavirus, a maggior ragione se verranno seguite le misure indicate nelle ordinanze ministeriali. “Io ho sperimentato da tecnico 4 epidemie, alcuni colleghi stranieri ne hanno viste passare nove - evidenzia -. E tutte hanno avuto le stesse caratteristiche. Se gli interventi funzionano vengono infine circoscritte per evitare che diventino pandemie”. Secondo l’esponente dell’Oms, la prossima settimana si dovrebbe avere un quadro della situazione più chiaro. Ricciardi è “ottimista” ed è convinto che il nostro Paese riuscirà a contenere il virus, anche perché “la primavera e le temperature più miti possono aiutare”.