Coronavirus, Ryanair ferma i voli da e per l’Italia. Stop pure dalla Spagna

La compagnia annuncia che garantirà aerei fino alla giornata di venerdì. Da sabato scatta lo stop per l’epidemia. Il blocco durerà fino al 9 aprile

Coronavirus, Ryanair ferma i voli da e per l’Italia. Stop pure dalla Spagna

Italia isolata. È l’ennesima, brutta, notizia relativa all’epidemia da coronavirus che piove sul nostro Paese. Ryanair ha cancellato tutti i voli internazionali da e per l’Italia fino al 9 aprile a partire da sabato. I passeggeri che devono tornare a casa potranno utilizzare i voli operativi fino al termine della giornata di venerdì.

"Ryanair si scusa sinceramente con tutti i clienti per queste interruzioni del programma causate dalle restrizioni del governo nazionale e dall’ultima decisione del governo italiano di bloccare l’intero Paese per combattere il Covid-19", ha dichiarato un portavoce. Per i clienti c’è però anche una buona notizia. L’azienda ha già provveduto a rimborsare tutti coloro che hanno un biglietto per tutte le tratte cancellate. Un rimborso automatico arriverà direttamente via mail e con accredito sullo stesso strumento di pagamento utilizzato per l’acquisto.

Anche il governo britannico aggiorna le sue indicazioni sugli spostamenti da e per l’Italia, sulla base della decisione annunciata da Conte di dichiarare l’intero territorio italiano zona protetta a causa dell’emergenza coronavirus. Sono ora sconsigliati tutti i viaggi nella penisola se non in casi di estrema necessità, si legge nel sito del Foreign Office. L’indicazione dell’autoisolamento in quarantena è inoltre estesa a chiunque arrivi nel Regno Unito dall’intera Italia, anche in assenza di sintomi di sorta. La British Airways ha annunciato lo stop di tutti i voli da e per l’Italia. Finora la compagnia di bandiera britannica si era limitata a cancellare parte dei suoi collegamenti fra il Regno e la penisola a causa dalla diminuzione delle prenotazioni sullo sfondo dell’emergenza e, successivamente, a cancellare i voli da e per Milano, Venezia e Bergamo.

Dopo la chiusura delle frontiere con l'Austria, divieto totale dei collegamenti aerei e marittimi con l’Italia è stato deciso anche dall’Albania. Lo ha reso noto oggi il ministro albanese per l’Infrastruttura, Belinda Balluku. "Il nostro provvedimento segue la proclamazione ieri sera di tutta l’Italia quale zona protetta da parte del premier Giuseppe Conte", ha spiegato Balluku. L’ultimo aereo verso l’Italia è stato quello dell’Alitalia delle 11.25 verso Roma, mentre gli ultimi traghetti di linea partiranno questa sera verso Bari e Brindisi. In Albania fino adesso sono 6 i casi di coronavirus, di cui un 28enne rientrato da Firenze che ha contagiato 4 suoi familiari. E un altro 31 enne rientrato 7 giorni fa da Milano, dopo essersi fermato in Italia solo 24 ore. Anche il governo di Madrid ha vietato tutti i voli fra Italia e Spagna da domani fino al 25 marzo. Lo riferiscono i giornali spagnoli.

Intanto Tokyo ha annunciato che impedirà ai viaggiatori provenienti da cinque regioni italiane di entrare nel Paese sempre a causa dell’epidemia di coronavirus e ha dichiarato che sta valutando misure simili per altri Paesi in cui le infezioni sono in rapido aumento. Le misure partiranno da domani. "Verrà negato l’accesso ai viaggiatori provenienti da cinque regioni del centro e nord Italia e da San Marino", ha dichiarato il premier Shinzo Abe ai media. La misura si aggiunge ad altre restrizioni o divieti di accesso che il Giappone già applica ai viaggiatori provenienti dalla Corea del Sud, dalla Cina e dall’Iran. I Paesi con il maggior numero di casi di Covid-19 insieme all’Italia.

Per chiudere, il Marocco. Il primo ministro, Saad Eddine el-Othmani, ha annunciato la sospensione di tutti i collegamenti da e per l’Italia per contenere la diffusione del coronavirus, facendo seguito alle misure annunciate ieri sera dal premier italiano. Sul suo account Twitter, il premier marocchino ha scritto: "A causa della diffusione dell'epidemia in Italia, il governo del Marocco ha deciso di sospendere tutti i viaggi da e per l’Italia fino a ulteriore avviso".

Commenti