La crisi d'astinenza

Secondo Conte, Zingaretti e Bersani, Matteo Renzi è un ducetto irresponsabile propenso a fare il guastatore. Per una volta, più o meno, i tre azzeccano l'analisi ma per non smentirsi sbagliano la diagnosi, che semplificata è: la deve smettere o per lui saranno guai. Sbagliano perché Matteo Renzi non la smetterà mai, lui è quella cosa lì da quando è nato e invecchiando non migliora ma può solo peggiorare. Che il suo partito sia al quaranta o al tre per cento non cambia assolutamente nulla: o comanda lui o fa casino (per la verità faceva casino anche quando comandava). Pretendere che Matteo Renzi stia sotto padrone o che solo collabori per portare acqua al mulino di un altro mugnaio è come sostenere che il sole sorge a Ovest: sbagliato e impossibile.

Siccome le cose stanno esattamente così, e lo sapevano anche i sassi, c'è da chiedersi se i veri «irresponsabili» di questa situazione non siano invece Conte e Zingaretti, che hanno imbarcato Renzi per dare vita a un governo senza senso e senza alcun collante, né umano (si odiano tra loro) né politico, pur di evitare le urne.

È inutile che adesso i governativi frignino offesi. Cosa pensavano, che Renzi se ne sarebbe stato buono e zitto a cuccia mentre Di Maio gira il mondo (più che altro a farsi foto con i big di turno), Conte gioca a fare lo statista e Zingaretti si atteggia a leader? Poveri illusi, non sanno che il bello deve ancora venire, che questo signore li tirerà molto più scemi di quello che sono già di loro.

La questione non è solo di contenuti politici. Uno che è stato segretario e premier non accetterà mai di fare il vice, figuriamoci la comparsa. Con che risultato? Probabilmente nessuno, ma questo a Renzi poco importa. Lo ha ben capito il presidente Mattarella, che quando la situazione sembra precipitare come è successo l'altra sera, ordina a tutti di stare buoni, fermi e zitti che è l'unico modo per neutralizzare il matto e andare avanti. Il Colle sa che come tutti i drogati di potere, Renzi ha le crisi di astinenza che placa per qualche giorno con il metadone della ribalta mediatica e dell'attenzione politica, poi tutto torna come prima.

Occhio però, i drogati (di potere), come noto, tra un metadone e l'altro, rischiano l'overdose suicida o il raptus assassino. Con loro non c'è mai da stare tranquilli, e per questo sono certo che questo governo non durerà a lungo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 15/02/2020 - 17:19

Renzi, con tutti i suoi difetti, è più politico di tutti gli altri messi insieme. Un vero intrallazzatore, doppio, enigmatico, scaltro, acutissimo, il perfetto mestatore. Lui lo sa di esser una spanna sopra agli altri, e non capisco perchè non li abbia fatti ancor cadere nella trappola tesa già nell'agosto 2019.

frank173

Sab, 15/02/2020 - 17:20

Conte è il festival di Sanremo fatto politica.

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Sab, 15/02/2020 - 17:40

Attaccamento alle poltrone permettendo, però, caro Direttore!

amedeov

Sab, 15/02/2020 - 18:24

Come disse il Divino : IL POTERE LOGORA CHI NON LO HA

QuasarX

Sab, 15/02/2020 - 18:39

al di la' di tutti i difetti (e non sono affatto pochi a cominciare dall'amicizia con micron) renzi resta quello piu' serio dell'attuale governo; confrontato con conte, zingaretti o gli altri e' un gigante

Ritratto di dlux

dlux

Sab, 15/02/2020 - 21:00

Se si considerano le caratteristiche (le facoltà mentali) dei protagonisti che hanno dato origine a questo schifo di governo si capisce anche il perché questo governo non rischia granché. Sono quelli che avrebbero preso una scoppola pazzesca dalla consultazione elettorale nel caso in cui il popolo avesse ricevuto la grazia di potersi esprimere: Renzi, Grillo, Franceschini... Se si pensa che questi personaggi hanno potuto mettere la loro firma sulle pagine della storia d'italia contemporanea c'è solo da darsi una martellata nelle... Tanto si capisce, vero?

Pigi

Sab, 15/02/2020 - 21:35

Voler comandare non sarebbe un problema, per chi ha le idee giuste. Purtroppo Renzi, insieme alla maggior parte dei suoi compagni di partito, ha idee sballate sul grandissimo problema delle immigrazioni incontrollate. Queste idee hanno provocato l'ingresso di seicentomila sbandati durante un triennio, che ora ci troviamo in giro a pitoccare o peggio. Siccome non ha mostrato il minimo dubbio di aver sbagliato, c'è da presumere che il suo comportamento durante una crisi simile sarebbe lo stesso, quindi è meglio tenerlo lontano dai posti di comando.

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Dom, 16/02/2020 - 00:12

il direttore dimentica che saranno proprio i berluscones a soccorrere pochette quando ce ne sara' bisogno, se ce ne sara' bisogno, anche loro come gli altri per non perdere cadrega, ricchi premi e cotillon.

acam

Dom, 16/02/2020 - 05:28

tutto vero ma efficacia? solo in parte

ermeio

Dom, 16/02/2020 - 08:39

Pensavo scrivesse dell'altro matteo...renzi è passato con farsa italia forse? A direttò, vergognati di nuovo!!!

Morion

Dom, 16/02/2020 - 09:30

Alessandro, ancora non hai imparato una cosa fondamentale del tuo mestiere: gli articoli non debbono rappresentare i propri auspici e speranze, bensì la realtà dei fatti, niente altro. In ogni tuo articolo vi è una fuga dalla realtà, come se ti proiettassi in un mondo virtuale. Torna da noi e mettiti l'anima in pace, vivrai meglio!

Pigi

Dom, 16/02/2020 - 10:02

Renzi non avrà mai più il consenso degli italiani. Come avevo già spiegato, la gente non si fida di chi ha permesso l'ingresso di centinaia di migliaia di clandestini sbandati, che vediamo in giro in strada pitoccando o peggio. Se avesse ammesso di essere stato preso alla sprovvista e di non aver saputo prendere le giuste misure, si potrebbe capire. Ma purtroppo non è così: ha una forma mentis sbagliata, che fa capire che in caso di crisi si comporterebbe nello stesso modo, facendone entrare altre centinaia di migliaia, fino al marasma finale.

edo2969

Dom, 16/02/2020 - 10:28

Amiamoci, vogliamoci bene. Basta con il cattivismo.

edo2969

Dom, 16/02/2020 - 10:30

Quanto è grande Sallusti e quanto è fine la sua analisi, riuscitissima soprattutto quella psicologica su Matteo Renzi.

edo2969

Dom, 16/02/2020 - 10:32

Morion, che cosa vorrsri dire? Spiegati meglio, Sallusti non esprime stavolta alcun auspicio particolare, bensì fotografa la realtà del Governo attuale e le dinamiche interne, in preda soprattutto all’ego e all’agonismo politico del “mattatore” Renzi.

antipifferaio

Dom, 16/02/2020 - 10:51

"...c'è da chiedersi se i veri «irresponsabili» di questa situazione non siano invece Conte e Zingaretti, che hanno imbarcato Renzi per dare vita a un governo senza senso e senza alcun collante, né umano (si odiano tra loro) né politico, pur di evitare le urne." Collante umano?...Collante politico?... Egr. direttore, ma quando mai! Spero Lei voglia essere ironico. Evitare le urne per tenersi stretti i 15 mila ero al mese. Questo è tutto. L'importante è solo portare a casa la grana! E secondo Lei questi avrebbero dovuto avere un collante politico? Aggiungo solo che nel frattempo stanno cercando in fretta di "sistemare" familiari e parenti...

Valvo Vittorio

Dom, 16/02/2020 - 13:05

L'analisi del direttore è da me condivisa in toto. La sola colpa di Renzi è di essere nato in una regione tradizionalmente comunista per cui volendo entrare in politica doveva intraprendere la strada del PC e sigle successive. I sondaggi non gli sono favorevoli, ma oramai è padrone dei meccanismi. Detto questo io, auspico che si vada quanto prima alle urne per il bene degli italiani.

gabrielelima

Dom, 16/02/2020 - 13:22

I drogati di potere sono sempre gli altri per Sallusti e per un certo giornalismo (tra grandi virgolette) politicizzato e partigiano. In questo caso a destra. A me pare, invece, che l'idea di Matteo Renzi sia quella di ridimensionare il ruolo di M5s e Conte con una manovra parlamentare. Ridimensionare il ruolo di M5s perché il suo peso politico parlamentare non corrisponde più a quello nel paese. Ridimensionare il ruolo di Conte perché è la sua testa che rotola vorrebbe dire la fine di una figura di mediazione con il mondo M5s. L'intenzione di Renzi è quella di spostare l'ago della bilancia politica verso IV e la sua agenda che vuol dire più impegno sulla crescita economica e poche concessioni a temi come giustizialismo e reddito di cittadinanza. Sallusti : fai meno propaganda e più analisi oggettiva. Per Contenextus : è chiaro che Renzi non intende andare alle elezioni perché in questo momento non gli conviene.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 16/02/2020 - 16:27

Nu? Sappiamo tutti che c'è poco da fare quando gli altri sono sordi. Forza Italia. Shalòm.

edo2969

Dom, 16/02/2020 - 20:31

L’amore e il perdono siano la sola cattedrale delle vostre vite. Il resto è inezia, è follia, è vento, è nulla. Anche quando la sofferenza impera, non abbandonate mai amore e perdono.