Crollano le entrate a San Pietro: decurtati i compensi ai canonici

Le casse del Vaticano sembra stiano subendo una crisi che ha costretto il cardinale Comastri ad una scelta radicale: tagliare i compensi dei canonici di San Pietro

La lettera inviata a tutti i canonici da parte del cardinale Angelo Comastri è datata 22 aprile 2020 e, tra le altre cose, conferma la crisi che in questo periodo sta duramente colpendo le casse dello Stato Vaticano. Lo stesso arciprete spiega che a causa dello choc collettivo per la chiusura di San Pietro al pubblico c'è stato un successivo crollo di flussi di cassa e dunque una riduzione dei compensi dei canonici è necessaria se non obbligatoria. A tutti i canonici di San Pietro, si legge su Il Messaggero, sono stati tagliati i cosiddetti "emolumenti" già a partire da questo mese. I canonici potranno benificiare di una sorta di ammortizzatore sociale interno alla Chiesa, un fondo di solidarietà predisposto e foraggiato negli anni con accantonamenti che per l'appunto sarebbero stati utilizzati in periodi di magra.

Angelo Comastri, Arciprete della Basilica di San Pietro e prossimo alla pensione, ha specificato che a causa della crisi Covid-19 si è presentata alle porte della Chiesa un'incertezza economica che non dà possibilità di previsioni e dunque tutti i canonici insieme agli altri sacerdoti: "Avranno accesso ad un Fondo di Solidarietà che la Chiesa ha fortunatamente e prudentemente accantonato". Comastri ha successivamente spiegato che: "Dal mese di maggio non sarà più preparata o consegnata la busta finora usata con la distinta delle varie voci poiché si tratterà esclusivamente di un atto di solidarietà". Oltretutto, a causa della mancanza di fondi, verrà anche detratta una piccola somma di denaro ciascuno: "Come nella volontà di Papa Francesco è opportuno continuare a fare opere di carità".

La crisi e la pandemia del coronavirus ha fatto sì che i flussi di turisti sparissero completamente da San Pietro, oltre alla stessa chiusura della basilica. Nella lettera lo stesso Comastri definisce la situazione come "Assolutamente surreale". Un fiume di denaro quotidiano generato da migliaia di turisti che con gran pazienza formavano lunghe code per visitare la Basilica, il museo annesso e soprattutto comprare souvenir nei vari negozi dislocati in tutto il territorio del Vaticano. Un vero e proprio fiume di denaro che ogni giorno affluiva nelle casse dello Stato: "Il Covid è stato un disastro per le economie di San Pietro. Ha comportato la perdita totale degli introiti che venivano dall'ingresso del museo e dai punti vendita degli oggetti. Ora, con la riapertura della basilica, la speranza è che gli introiti tornino".

La pandemia coronavirus non ha risparmiato neanche la Chiesa e la lettera di Comastri ne è la chiara dimostrazione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kayak65

Lun, 18/05/2020 - 12:19

anche loro in cassa integrazione? beh se siamo tutti uguali davanti a Dio e allo stato e con la "politica" disastrosa verso i fedeli del capo supremo in terra e' il minimo che possano aspettarsi

mich123

Lun, 18/05/2020 - 12:34

Per amare il prossimo non c'é bisogno di soldi. Questo Cardinale deve rifare il corso.

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 18/05/2020 - 13:05

Ottimo. Un po di povertà speriamo li riporti sui veri valori del cristianesimo.

Newfrank

Lun, 18/05/2020 - 13:57

ricordo a chi lo ha dimenticato che il patrimonio immobiliare, economico, finanziario del vaticano ammonta a decine di miliardi di miliardi..........per non parlare delle riserve in oro e preziosi che fanno altri miliardi..............dove è la povertà di Cristo ??????????????????????????????

gianf54

Lun, 18/05/2020 - 14:09

Poveracci!!! E adesso????

Giorgio5819

Lun, 18/05/2020 - 14:13

Sono pieni di soldi fin sopra i capelli.

ROUTE66

Lun, 18/05/2020 - 14:13

Niente paura,il grande Padre predica,sacrificio, umiltà, carità. e sopratutto povertà. Solo così si entrerà nel regno dei cieli. Ora si è tutti sulla buona strada.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 18/05/2020 - 14:18

Non preoccupatevi di ciò che mangerete e di come farete a vestirvi. Il Padre mio provvede agli uccelli dei campi, volete che non provveda anche a voi? Diceva, più o meno, Gesù ai suoi discepoli. La Chiesa tenga presente che...la c'è la Provvidenza! Torni ad essere veramente misericordiosa, torni ad essere faro di scienza e giustizia, torni ad essere illuminata, protegga i suoi sacerdoti e tutti torneranno da Lei a piene mani. Amen.

euge50

Lun, 18/05/2020 - 14:48

Svelato il mistero di tanta fretta per far rientrare le persone in chiesa ....

Newfrank

Lun, 18/05/2020 - 14:57

euge50.....................il tuo sintetico commento è un capolavoro...................condivido

ESILIATO

Lun, 18/05/2020 - 15:33

Francesco, venditi un paio di quadri e risana la situazioe.

Topogigio86

Lun, 18/05/2020 - 16:19

Insegnano che solo Dio basta....poi hanno fame insaziabile di danaro. Ma il Papa non vuole la chiesa povera? Se non vi conviene c'è tanta frutta da raccogliere nei campi...lavorare no? Meglio fingere di pregare.

silvano45

Lun, 18/05/2020 - 16:24

Siamo solo all'inizio poche offerte ma il peggio pochi fedeli. Ora possono mettere in pratica i comandi del loro capo umiltà povertà condividere con i migranti non con i poveri italiani e seguire i consigli di famiglia cristiana e avvenire......

maurizio50

Lun, 18/05/2020 - 17:05

Toh è finita la grana?? E' ora che la vostra vita sia ispirata a quella di San Francesco, quello vero, non a quella del Parroco Argentino!!!!

giancristi

Lun, 18/05/2020 - 17:32

Avevano tanta fretta di riaprire le chiese, perché avevano bisogno di soldi. Se non ci sono fedeli, non ci sono soldi.

Ritratto di Trinky

Trinky

Lun, 18/05/2020 - 18:31

Poverini, non gli bastano tutti i milioni che hanno sparsi nelle banche di tutto il mondo...........

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 18/05/2020 - 18:45

Dovrei dolermene? Non ci penso nemmeno,vadano a lavorare sul serio oppure si mettano a dieta,così al calo di entrate seguirà il calo de panza!

oracolodidelfo

Lun, 18/05/2020 - 19:06

Crollano le entrate? Uh...come mi dispiace! Se Bertone vende l'attico da 750mq. qualche soldino possono metterlo in cassa!

TitoPullo

Lun, 18/05/2020 - 19:08

x euge50: Siiiiiiiiiiiiiiiiiiii!Esatto!Hai centrato l'argomento!!Del resto S.Pietro é stata costruita,per buona parte, con il commercio delle indulgenze!Finche'Lutero non si è incavolato mandando la Chiesa di Roma a remengo!!

Ritratto di laghee100

laghee100

Mar, 19/05/2020 - 11:03

Crollano le entrate a San Pietro: decurtati i compensi ai canonici perché lo Stato non segue il loro esempio ?

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 19/05/2020 - 11:09

avete voluto il papa comunista con la bicicletta, adesso pedalate e fatevi aiutare anche dagli islamici già che ci siete.

uberalles

Mar, 19/05/2020 - 11:55

Don't worry! Potete sempre rivolgervi al cardinale "elemosiniere", sì, quello polacco...Lui penserà a pagarvi tutte le utenze, come aveva promesso di fare a Roma, per i clandestini che occupavano un palazzo...Poi vedremo! Vedrete che lui stesso vi farà percepire anche il reddito di cittadinanza, magari senza raccogliere le fragole...