Daria Bignardi: "La mia nuova vita alla Rai"

La neo direttrice di Raitre si racconta in un'intervista a Tv Sorrisi e canzoni: "La chiamata della Rai? È stata una sorpresa anche per me"

Daria Bignardi: "La mia nuova vita alla Rai"

Fresca di nomina alla direzione di Raitre, Daria Bignardi si racconta in un'intervista a Tv Sorrisi e canzoni. "La chiamata della Rai? È stata una sorpresa anche per me".

Dice di aver accettato la proposta del direttore generale Antonio Campo Dall’Orto "perché mi ha contagiato con il suo entusiasmo, per la passione con cui vuole trasformare la più grande azienda culturale italiana, con amore e rispetto della sua storia".

Sulla rete che va a guidare la giornalista e scrittrice non ha dubbi: "È sempre stata la mia preferita tra le reti Rai, la più affine a me". Ma quali programmi ama di più? Ne snocciola alcuni: “Che tempo che fa” di Fabio Fazio, un programma contemporaneo non solo nei contenuti ma anche nella forma. Ho già parlato con Fabio ma anche con Diego Bianchi, lo Zoro di “Gazebo”, per il quale vado matta, e sono stati molto carini. Come anche Federica Sciarelli: è stata davvero molto gentile, dedicandomi gli ascolti record della puntata di “Chi l’ha visto?” che ha coinciso con la mia nomina".

Non poteva mancare una battuta sulle critiche che hanno accompagnato la sua nomina: "Quelle ci sono sempre, l’unico modo per smontarle sono i fatti, che non stanno solo negli ascolti ma anche nella qualità. Quindi risponderò con il mio lavoro: ne riparliamo fra tre anni".

Ma con il nuovo incarico la Bignardi smetterà di apparire in video? "Per i primi due anni del mio mandato sicuramente non ne avrò il tempo, ma non è escluso che se all’ultimo ci venisse un’idea potremmo anche pensarci".

Commenti