Delrio a Giuseppi: è lì grazie a noi...

Lo sguardo di Graziano Delrio mentre attraversa il corridoio dei passi perduti a Montecitorio è quello preoccupato di chi si rende conto che gli interlocutori della coalizione giallorossa parlano un altro linguaggio

Lo sguardo di Graziano Delrio mentre attraversa il corridoio dei passi perduti a Montecitorio è quello preoccupato di chi si rende conto che gli interlocutori della coalizione giallorossa, dal premier ai grillini, parlano un altro linguaggio. A cominciare da chi nel governo, di fronte all'ipotesi di un rilancio del programma e dell'esecutivo, anche attraverso dei cambiamenti nella squadra, non sente ragioni, non vuole mollare l'osso. «Chi è nell'esecutivo confida usando un linguaggio inusualmente chiaro deve capire che è stato messo lì dai partiti. Anche Conte deve rendersi conto che non è a Palazzo Chigi per grazia ricevuta, ma è stato messo lì nel suo primo governo da Di Maio e Salvini; e nel secondo da Di Maio e Zingaretti. Per cui... Se poi penso su come è stato brutto oggi il dibattito in Commissione sulla riforma del Mes mi viene da pensare. Peggio di così: ma come fanno i grillini a dire no, non dico all'accedere al Mes, ma addirittura alla sua riforma?! Scherziamo, dove pensano di andare?!».

Il mezzo sfogo del capo dei deputati del Pd è comprensibile: ieri è stata una giornata proverbiale per farsi un'idea terribile - della condizione del governo, della maggioranza e del Parlamento. Al mattino il premier è stato assalito, direttamente o per via traversa, dai leader della maggioranza, che si sono visti ridurre sul Corriere l'ipotesi del rimpasto a mero strumento delle «ambizioni di qualcuno che spera in ruoli più importanti». Al punto che alla fine è dovuto intervenire il badante di casa Conte, «Roccobello» Casalino, assillato dal lavoro come non mai, visto che si barcamena tra la difesa della compagna del premier dall'assalto degli inviati delle Iene ad un supermercato con una telefonata alla scorta del capo del governo (è stato aperto un fascicolo alla Procura di Roma per uso indebito degli agenti, ndr), e la rettifica delle frasi dal sen sfuggite dalla bocca del presidente del consiglio nei momenti di ego smisurato. Ma è la solita parte in commedia di Roccobello, visto che Giuseppi al suo inner circle ha spiegato: «Qui pensano di potermi prendere per fesso, ma si sbagliano».

Ma non è finita: nel dibattito in Commissione sulla riforma del Mes il responsabile dell'Economia, Gualtieri, si è ritrovato contro i populisti e i sovranisti di ogni colore, a cominciare dai grillini Lannutti e Maniero che hanno accusato la Ue di «cleptocrazia», per finire ai leghisti Borghi e Bagnai che lo hanno diffidato a non trattare la riforma del Mes a Bruxelles perché non ha il mandato della maggioranza del Parlamento. «La maggioranza lo ha minacciato Borghi ce l'ho io». Alla fine è dovuto intervenire il reggente dei 5stelle Vito Crimi per precisare che i 5stelle non aderiranno al Mes ma non impediranno la riforma. Questo scollamento della maggioranza, però, ha permesso a Salvini di stringere d'assedio il Cav per convincerlo a votare contro la riforma del Mes. Ne sa qualcosa l'ala moderata di Forza Italia (da Gianni Letta alla Gelmini a Brunetta) a cui il leader leghista l'ha giurata.

Per non parlare della «piramide» di trecento persone, sei manager e due ministri con Conte al vertice, che dovrebbe gestire i 209 miliardi del Recovery fund. La ripetizione del «copione» che ha caratterizzato questi 9 mesi di pandemia: organismi pletorici messi i piedi all'ultimo minuto come la commissione Colao o gli Stati Generali dell'Economia - che il Premier usa solo come supporto alle sue decisioni. Più o meno come usa il Comitato Tecnico Scientifico: ad esempio, sulla decisione del Premier di evitare cene di oltre sei persone nelle abitazioni private, nel verbale della riunione del 12 ottobre si scopre che gli scienziati si sono limitati «a prenderne atto», rimarcando per scritto, però, «pur in assoluta assenza di evidenze scientifiche». Appunto, la «piramide» del Recovery fund servirà, nella mente del nuovo Faraone, a prendere atto delle sue decisioni.

È chiaro che una politica del genere non può piacere agli altri soci della maggioranza. Solo che l'idea del «rimpasto» di gennaio che Renzi teorizza da settembre, che Zingaretti e mezzo Pd accarezzano da un mese e mezzo e che non dispiace neppure a Di Maio («la prima mossa confidava più di un mese fa la deve fare il Pd») continua ad essere estremamente complicata. Somiglia a quegli appuntamenti segnati sull'agenda che poi, per un motivo o per l'altro, vengono sempre rinviati. Soprattutto, come si fa a convincere un ministro a lasciare la sua poltrona con il timbro di «incapace»: non è mai avvenuto. Le sostituzioni ad personam sono avvenute in più di 70 anni di Repubblica o a seguito di una vicenda giudiziaria, o per uno scandalo mediatico, o perché per motu proprio i ministri si sono dimessi come atto politico (trenta anni fa i ministri della sinistra dc contro la legge Mammì). Per cui la strada maestra per rinnovare una compagine di governo è la «crisi».

Una strada, però, che richiede una «determinazione» e un «coraggio» che per ora latita. «Ma come si può pensare spiega il renziano Gennaro Migliore che Boccia o la De Micheli o magari Catalfo, o ancora Bonafede oppure Patuanelli, possano dimettersi perché considerati non all'altezza?! Se vuoi un rimpasto, devi fare una crisi. Renzi lo sa. Solo che per farla ci vuole una carattere forte che Zingaretti non ha». In fondo la «crisi» sarebbe l'unico modo per avere un chiarimento, una visione, sul futuro del Paese che a questa maggioranza (vedi vicenda Mes o Recovery fund) manca. Una «crisi» innescherebbe un processo politico, un «rimpasto», invece, sarebbe la riproposizione di una liturgia del passato che non è mai approdata a nulla. Tanto più oggi con i numeri che questa maggioranza ha a disposizione: sicuramente come è avvenuto con gli ex-ministri grillini Iezzi e Grillo, i ministri sostituiti il giorno dopo diventeranno subito «malpancisti» sul filo dell'opposizione. «Con la crisi invece osserva il forzista Alessandro Cattaneo costringi anche noi ad andare a vedere che succede. Ad esporci». Tanto più che se il premier è riottoso sull'ipotesi «rimpasto», devi ripiegare sul canovaccio di sempre, una via tortuosa. «Se Conte non intende ragioni la butta lì il renziano Giacomo Portas lo mandi sotto una, due volte in aula». Si tratta, però, di un meccanismo complicato se lo metti in atto in piena emergenza.

Ecco perché si fa presto a parlare di «rimpasto», se il premier non vuole. Le sue truppe di complemento già minacciano. «Se non se ne vanno con i loro piedi spiega Gianfranco Rotondi, che anche se smentisce parla già come un uomo del premier non cambi neppure un sottosegretario. Eppoi se cacciano Conte per noi è meglio, il partito di Conte lo facciamo prima». «La verità osserva l'azzurro Matteo Perego è che tutto il potere è concentrato su Conte, che non gode però della fiducia di nessuno. Resta in piedi grazie ai Servizi e alla magistratura». Ecco perché chi vuole il rimpasto deve avere il coraggio di aprire una crisi, voglia o non voglia il Quirinale. Altrimenti lasci stare. Si consoli con la battuta di Totò: «Il coraggio non mi manca. È la paura che mi frega».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Mar, 01/12/2020 - 17:37

Oppure voi siete lì, grazie a lui?

ilbelga

Mar, 01/12/2020 - 17:39

308 persone per gestire i 209 miliardi del Recovery Fund???Ma siamo la barzelletta dell'europa oltre che della maggior parte degli italiani che Lavorano.

bernardo47

Mar, 01/12/2020 - 17:49

penso che fino alla elezione del nuovo Capo dello Stato.....

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 01/12/2020 - 17:51

Si rendono conto di aver sbagliato? Ma sono loro che hanno scelto di abbracciare la truppa di M5S, che ha dir la verità non li ha danneggiati, ma consente ai Grillini di continuare a stare al potere, con gravi conseguenze per l’Italia intera, anche se ci sono molte Regioni che se ne possono fregare e curano bene i loro interessi. La realtà è che anche la sinistra sta a terra, politicamente ed anche dal punto di vista intellettuale.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 01/12/2020 - 18:08

la fiducia, delrio, la fiducia.... questa è una cosa che voi non la conoscete proprio! avete sempre tradito e ci mettete uomini pronti a tradire, a chiunque! :-) non era meglio berlusconi, uno che non tradisce nemmeno con la pistola sulla testa, credeteci a questo...

Giorgio Mandozzi

Mar, 01/12/2020 - 18:14

PENOSO!

hectorre

Mar, 01/12/2020 - 18:18

potete mandarlo a casa quando volete, ma a voi sinistri non interessa l’Italia ma il potere!!!....quindi affonderemo e la colpa sarà solo vostra!!!!

DRAGONI

Mar, 01/12/2020 - 18:23

PIANGE SUL LATTE VERSATO!!!

QuasarX

Mar, 01/12/2020 - 18:26

il problema non e' chi ha messo su conte ma chi ha messo dov'e' del rio

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 01/12/2020 - 18:41

Del Rio, uno degli artefici di questo capolavoro di governo (e per questo spero pagherà molto presto) non fa altro che tirare il guinzaglio ed il cagnolino capisce...

glasnost

Mar, 01/12/2020 - 18:50

L'avvocato del popolo, è appoggiato non solo dalla magistratura e dai servizi, ma soprattutto dal Capo dello Stato. Ed anche dal PD stesso che conta di mettere le mani sulla gestione dei soldi dell'Europa. Il PD non ci prenda per fessi, come ha sempre fatto.

Triatec

Mar, 01/12/2020 - 18:54

Delrio chiede a Conte il pagamento della cambiale ma, se Conte non onora il debito, a Delrio resta solo di mettere la coda fra le gambe e fingere che non sia successo niente, a meno che decida di far saltare il banco. Impossibile, quando mai ricapiterà al PD di andare al governo

Ritratto di ager

ager

Mar, 01/12/2020 - 19:19

Gianfranco Rotondi, un altro traditore partorito da Berlusconi e Forza Italia eletto grazie a Lega e FdI se ne fotte amabilmente e fotte il paese. Che gentaglia

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 01/12/2020 - 19:20

A dire il vero è lì grazie a Of Maio e Renzi.

ItaliaSvegliati

Mar, 01/12/2020 - 19:48

Nel DELIRIO dell'incompetenza komunista nascono questi frutti!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 01/12/2020 - 19:49

Bravo Del Rio! Non si può andare avanti con il sistema gestito dall'avvocato Conte. E poi siamo convinti che un suo rientro in Puglia sarebbe ottimo per quella bellissima regione, un po' trascurata dal potere centrale, romano. Con gli antichi Romani le cose andrebbero meglio.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 01/12/2020 - 19:51

Bravo Del Rio! Non si può andare avanti con il sistema gestito dall'avvocato Conte. E poi siamo convinti che un suo rientro in Puglia sarebbe ottimo per quella bellissima regione, un po' trascurata dal potere centrale, romano. Con gli antichi Romani le cose andrebbero meglio

Ritratto di Smax

Smax

Mar, 01/12/2020 - 19:54

Logica pd. Tutti devono fare solo quello che noi vogliamo. I 5 stalle devono obbedire a chi gli garantisce la poltrona per continuare a pagare i mutui. Se avessero un minimo di dignità e palle potrebbero far ballare la rumba al pd fino al semestre bianco. Il pd fa cadere il governo e permette al cdx di eleggere il presidente della repubblica? Non ci credo.

Calmapiatta

Mer, 02/12/2020 - 10:58

Tranquilli...non sarà Conte a gestire i soldi del recovery fund....i probi viri sono già al lavoro.

Iacobellig

Mer, 02/12/2020 - 10:58

Fatelo fuori se avete coraggio, la questione è che vi piace stare al governo senza consenso!

gianf54

Mer, 02/12/2020 - 11:03

E Del Rio chi ce l'ha messo??

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 02/12/2020 - 11:26

Delrio il peggio di sinistri. Ma cosa pensa che Conte lo abbia messo li il PD?? qualcuno spieghi a questo presuntuoso che li lo hanno messo i 5S di cui anche il PD fa parte del contorno per governare.

Giorgio Colomba

Mer, 02/12/2020 - 11:31

E' arrivata un'auto blu, si è aperta la portiera e non è sceso nessuno: era Del(i)rio.

Epietro

Mer, 02/12/2020 - 11:43

@ Delrio: Bella scoperta avete fatto! Del resto siete specialisti per fare delle boiate e poi lamentarvene.

Seawolf1

Mer, 02/12/2020 - 11:52

tranquillo ce lo ricordiamo noi chi l'ha messo li...