Ecco la giusta distanza per evitare il contagio se corri o pedali 'in scia'

La video simulazione, effettuata da un team di ricercatori, mostra i rischi di contagio per i runner che corrono "in scia"

Il classico metro di distanza per evitare il contagio da coronavurus potrebbe non essere sufficiente in caso di corsa o uscita in bici in compagnia. A rivelarlo è uno studio, realizzato da un team misto dell'Università di Tecnologia di Eindhoven e dell'Università KU di Lovanio e coordinato da Bert Blocken, docente di Ingegneria Civile a Eindhoven.

Nello studio si evidenzia come la regola del metro e mezzo di distanza, introdotta in vari Paese, sia efficace per chi si trova in piedi in modo statico. Ma le cose cambiano in caso di camminata, corsa o giro in bicicletta. In questi casi, infatti, sarebbe bene tenere una distanza maggiore. "Se qualcuno espira, tossisce o starnutisce mentre cammina, corre o va in bicicletta- spiega Blocken-la maggior parte delle goccioline sono trascinate sulla scia o scivolano dietro il corridore o il ciclista. L'altra persona che corre o pedala proprio dietro questa persona nella scia, poi si muove attraverso quella nuvola di goccioline".

I ricercatori sono giunti a questi risultati simulando il rilascio delle goccioline di saliva dalle persone in movimento, mostrando diverse possibili posizioni: due persone affiancate, una dietro l'altra in diagonale o direttamente. Le animazioni, realizzate con Ansys Fluent Cfd, mostrano che la nuvola di goccioline lasciata da una persona in movimento si propaga all'indietro. "I punti rossi sulle immagini- spiega Blocken- rappresentano le particelle più grandi. Queste sono generalmente considerati più contagiose".

Le simulazioni mostrano che la distanza sociale consigliata è efficace per due persone ferme o che camminano e corrono fianco a fianco. Ma la stessa misura risulta meno sicura se le persone corrono o camminano una dietro l'altra. Sulla base di questi risultati, Blocken consiglia di mantenere una distanza maggiore, di almeno 4-5 metri in caso di camminata, 10 metri se si corre o si pedala lentamente e 20 metri se si pedala velocemente. I ricercatori fanno sapere che questi risultati "saranno riportati in studi scientifici sottoposti a revisione". Blocken, per evitare un fraintendimento dello studio, ha specificato, come riporta Repubblica: "La corsa non rappresenta un grande rischio per la diffusione di Covid-19. Ma muoversi in scia, a una distanza ridotta, può esserlo. Questo vale per tutte le situazioni in cui ci troviamo a camminare all'esterno".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di thundersquirrel

thundersquirrel

Gio, 09/04/2020 - 18:01

Direi che è un problema che non si pone, visto che non mi lasciano andare in MBike neanche da solo nei boschi. O ho capito male qualche decreto?

Gianca59

Gio, 09/04/2020 - 18:44

Tutto vero, ma qui siamo veramente alla farfalla che batte le ali in mezzo al deserto (supponendo che possa accadere....) che fa venire uno tsunami dall' altra parte del mondo ! Basta creare situazioni di panico !

blackbird

Gio, 09/04/2020 - 18:57

Soldi sprecati! Questa mattina, andando in negozio ho incrociato una persona che procedeva in senso contrario e fumava una sigaretta. Sono sceso dal marciapiedi, sono andato oltre la macchina in sosta e cotinuando a camminare sono ritornato sul marciapiedi due macchine dopo aver incrociato la fumatrice. Al primo respiro un forte odore di fumo di sigaretta! E il virus no?

roberto67

Gio, 09/04/2020 - 19:10

Come al solito il buon senso arriva allo stesso punto molto prima di qualsiasi simulazione: era più che ovvio senza bisogno di questi studi. E infatti correre o andare in bicicletta per fare esercizio fuori casa è vietato.

amicomuffo

Gio, 09/04/2020 - 19:14

altro che un metro.....quando sei in fila al supermarket, chissà perchè trovi sempre persone che ti passano affianco!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 09/04/2020 - 19:18

Lo dissi un mese fa e posso definirmi un ignorante. Chissà se fossi stato uno studioso.