Cronache

"Ecco perché esistono...": le parole choc dell'ex brigatista Etro

L'ex brigatista Raimondo Etro è molto attivo sui social network e con i suoi post provoca i protagonisti dell'attualità politica e social italiana

"Ecco perché esistono...": le parole choc dell'ex brigatista Etro

L'ex brigatista Raimondo Etro è tornato a far parlare di sé, stavolta per alcuni post su Facebook, social network nel quale dimostra di essere molto attivo. Il suo bersaglio sono stati Diego Fusaro, giovane saggista e opinionista politico, e Tommaso Longobardi, rampante trentenne responsabile dell'immagine social di Giorgia Meloni. I due sono stati presi di mira da Etro, che in poche righe ha esibito un campionario notevole di insulti.

"Tommaso Longobardi e Diego Fusaro. Giovanotti che esistono soltanto perché un ovulo fascista e uno spermatozoo comunista si sono accoppiati dopo essere stati attirati da un pezzo di sterco sodo", ha scritto l'ex brigatista. Un dettaglio che non è sfuggito ai più è il libro che Longobardi tiene tra le mani nello scatto scelto da Etro. Si intitola Il coraggio tra le mani e racconta la storia della sconfitta delle Brigate Rosse. Non è la prima volta che i due finiscono nel mirino social di Etro, che nelle ultime settimane ha punzecchiato in più di un'occasione sia Fusaro che Longobardi. In un post datato 29 dicembre, Etro scrive: "Tommaso Longobardi è uno stronzo........ 'Ventinove anni, laurea in psicologia e un curriculum da smanettone professionale. 'Morisi? Un genio. Casaleggio? Il mio maestro. Giorgia? L’unica coerente'. Un altro secchione sotto effetto di allucinogeni come Diego Fusaro e anche omosessuale latente".

Meno di un anno fa, Raimondo Etro era finito al centro delle cronache per aver chiesto, e ottenuto, il reddito di cittadinanza. Lo stesso gli era stato poi revocato per motivi burocratici, perché nonostante il caso presentato in Parlamento, la legge legittimava Etro ad avere il reddito di sussistenza. Infatti, gli unici a non avere diritto sono solo i condannati per reati gravi nei 10 anni precedenti alla richiesta. Se la condanna è antecedente, non sussiste nessun problema.

Archiviato questo tema, l'ex brigatista sul suo profilo Facebook è spesso autore di post provocatori, che prendono di mira trasversalmente il mondo dell'attualità del nostro Paese. Sono finite recentemente sotto attacco anche Chiara Ferragni e Selvaggia Lucarelli. Ma anche Massimo Giletti, Mario Giordano, Nicola Porro e Paolo Del Debbio. Solo Vincenzo De Luca ha meritato elogi per Diego Etro, per essersi sottoposto al vaccino dimostrando "un certo coraggio".

Commenti