In Emilia e al Sud il virus frena. Gli esperti: "Le misure funzionano"

Il responsabile dell'emergenza in Puglia: "Le misure di contenimento hanno rallentato la corsa del virus"

"A partire dal 19-20 marzo la curva dei nuovi casi sembra attenuarsi leggermente", aveva detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, parlando dell'emergenza coronavirus. I numeri di ieri, però, non sono stati confortanti: in un giorno, l'Italia ha registrato il record di decessi e oltre 4mila nuovi casi.

Ma allora, dopo 18 giorni di lockdown di tutto il Paese, non si vedono ancora gli effetti della quarantena? A spiegare come leggere i numeri che arrivano quotidianamente è stato Pierluigi Lopalco, docente di Igiene all'Università di Pisa e coordinatore per l'emergenza coronavirus in Puglia, che ha specificato ad AdnKronos: "Guardare i dati giorno per giorno è fuorviante". E aggiunge: "Non fissiamoci sul dato di oggi, guardiamo il trend degli ultimi giorni, magari facendo una media dei casi negli ultimi tre giorni. E su questo trend possiamo dire che un rallentamento nella velocità di crescita c'è". L'aumento dei casi potrebbe essere dovuto anche a ritardi "di laboratorio": può succedere, infatti, che i laboratori abbiano accumulato molti test, di cui comunicano i risultati tutti insieme, oppure che alcune segnalazioni vengano fatte il giorno dopo, aumentando quelle quotidiane. Tuttavia, anche i numeri sui decessi degli ultimi giorni non sono rassicurarnti. "Dobbiamo sempre ricordare - specifica Lopalco a Repubblica - che chi è morto ieri si è infettato 15 o 20 giorni fa".

E, se ci si distanzia dal trend nazionale e ci si concentra sulle singole Regioni, Lombardia esclusa, si nota un rallentamento della pandemia. "Che i decreti abbiamo avuto un effetto, sono sicuro già da ora. Lo vedo nella mia Regione. Il rallentamento della crescita è evidente", dice all'AdnKronos il professor Lopalco. "Senza chiusura- aggiunge- non avremmo mai avuto il rallentamento della crescita, in ogni Regione avremmo avuto una Lombardia". Ma, nelle altre zone d'Italia, "ci sono i primi segni che le misure di contenimento hanno rallentato la corsa".

Secondo quanto riporta Repubblica, due ricercatori dell'Istituto nazionale di fisica nucleare hanno stabilito il ritardo dell'epidemia nelle singole Regioni, rispetto alla Lombardia. Secondo i loro calcoli, "l'Emilia è indietro di 12 giorni, il Piemonte di 17, il Veneto di 20, le Marche di 23, il Lazio di 28, la Puglia e la Sicilia di 32". E, secondo quanto ha rivelato a Repubblica Enrico Bucci, professore di Biologia dei sistemi alla Temple University di Philadelphia, "il fatto che tutte le Regioni si stiano allontanando dalla Lombardia significa che il distanziamento sociale sta funzionando". Sulla stessa linea è anche il professor Lopalco, che ha precisato: "Senza il distanziamento sociale in Puglia prevedevamo di avere 2.000 positivi il 25 marzo. Quel giorno ne abbiamo registrati poco più di mille. Le misure stanno funzionando".

Ma le misure non sembrano avere effetti positivi solo al Sud. Secondo Bucci, infatti, anche in Emilia Romagna i dati sono positivi. La distribuzione dei casi nella Regione, infatti, suggerisce la relazione di questi con la "vicinanza a Lodi e non con la densità di popolazione". "Ci si aspetterebbe- spiega il professore-una maggior diffusione del virus nelle aree più abitate e invece la troviamo concentrata ai confini con il lodigiano. Vuol dire che 18 giorni di lockdown stanno avendo l'effetto sperato". Anche il commissario per l'emergenza in Emilia Romagna, Sergio Venturi, ha notato "un trend positivo": "Tutti i trasporti in ambulanza eseguiti per coronavirus sono in calo- ha detto- Reggio Emilia e Piacenza si stanno attestando su valori uguali, Parma è più in alto, ma in calo. Questo indicatore ci dice l'andamento della malattia in tempo reale, non di diversi giorni fa". Sotto controllo anche Ferrara, mentre è stabile "lo scenario a Forlì-Cesena e Ravenna sebbene con un aumento di contagi sopra la media regionale".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

AlvinS83

Sab, 28/03/2020 - 10:10

Ma la Lombardia perché no?

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 28/03/2020 - 10:14

Vorrei pure vedere che non fosse così! Il tempo per emanarle lo hanno avuto ancorchè il virus da quelle parti non ha circolato nei modi e nei tempi com'è accaduto in Lombardia. Resta da vedere se l'azione di contenimento messa in atto dai governatori, dopo certe vomitevoli fughe verso il sud di incoscienti non controllate e mancanza di sufficienti controlli preventivi/in itinere, non abbiano vanificato un'opera che ha sicuramente del meritorio.

GuglielmoCrollalanza

Sab, 28/03/2020 - 10:16

Ottimo lavoro in Emilia Romagna, niente di cui stupirsi

AlvinS83

Sab, 28/03/2020 - 11:20

GuglielmoCrollalanza Non fare il comunistello da centro sociale. L'Emilia ha avuto molti meno casi ed ha una densità di popolazione più bassa ed inoltre non ha avuto eventi come la Lombardia

regale

Sab, 28/03/2020 - 11:31

L'impressione è che nessuno ci abbia ancora capito niente.. Forse dovrebbero parlare meno e studiare di più. L'unica certezza è che in Italia abbiamo troppi morti.

necken

Sab, 28/03/2020 - 12:12

La Lombardia è sovraffolata?!

Pigi

Sab, 28/03/2020 - 12:33

A me pare che i dati dell'Emilia Romagna non siano migliori di quelli della Lombardia. Leggete le tabelle: dopo la Lombardia ha il maggior numero di contagi. Inoltre la percentuale dei decessi supera il 10%, come quella lombarda. Niente di paragonabile a quelle del Veneto, che potrà piacere o non piacere Zaia, sono i migliori di tutti. L'Emilia Romagna, considerato che ha avuto più tempo, forse è la peggiore.

mbrambilla

Sab, 28/03/2020 - 12:45

Purtroppo in Lombardia si sono contagiati già a gennaio e il virus si è espanso silente, fa specie comunque l'incapacità di interpretazione delle tante polmoniti atipiche che si erano già sviluppate prima del paziente uno. Medici che non hanno capito, virologi che dicevano che era una influenza, autorità e politici che affermavano che non si doveva fermare l'economia, governo incapace di decidere.

Treg

Sab, 28/03/2020 - 12:57

Ma siete così sicuri che ciò sia dovuto alle misure di isolamento ? Io credo invece che al Sud contagiati lo siano già quasi tutti da tempo. Bastava vedere le migliaia di cinesi con mascherine che si aggiravano prima e dopo Natale a Napoli,Pompei, Sorrento, Capri e Costiera Amalfitana, visti con i miei occhi. Non mi venite a dire che quelli infetti sono andati tutti al Nord ed i sani al Sud.

Romasso

Sab, 28/03/2020 - 14:54

Sicuri che siano le misure di contenimento? A me pare piuttosto che sia il bel tempo a rallentare il contagio. All'inizio i medici dicevano che stare chiusi in casa abbassa le difese immunitarie... un giorno dicono una cosa, il giorno dopo contrordine...

buonaparte

Sab, 28/03/2020 - 16:25

il numero vero che interessa non sono il numero dei contagiati. ma il numero dei ricoveri. anzi piu alto è il numero dei contagiati è meglio è ..se il rapporto ricoveri/contagiati si riduce vuol dire che molti di noi resistono al virus.molti hanno la capacità di non ammalarsi e su questo invito gli esperti a studiare.forse stiamo raggiungendo una specie di immunità di gregge ,purtroppo le persone troppo deboli o con patologie come me non sono in grado di combatterlo e finiranno se va bene in terapia intensiva ,ma la stragrande maggioranza resiste al virus....STUDIATE IL PERCHè..