Escherichia coli, ministero Salute ritira formaggio Fontina

Il ritiro è stato disposto a scopo precauzionale per rischio microbiologico a causa della presenza di Escherichia coli STEC

Il ministero della Salute ha diffuso un nuovo avviso di richiamo di prodotti alimentari. Dopo il ritiro di numerosi lotti di surgelati per il rischio listeria, questa volta l'allarme riguarda un lotto di formaggio Fontina per rischio microbiologico a causa della presenza di Escherichia coli, produttore di tossina Shiga (STEC). Lo si apprende dal portale web del ministero nella sezione dedicata alle allerte alimentari e ai richiami di merci da parte degli operatori.

Il prodotto

Il prodotto interessato dal ritiro è il formaggio Fontina D.O.P. a marchio Terre d'Italia prodotto per GS Spa dalla Cooperativa Produttori Latte e Fontina Loc. Coop. arl nello stabilimento in provincia di Aosta.

Il lotto interessato dal richiamo è il numero L171. Si tratta di un ritiro a scopo precauzionale disposto dallo stesso produttore a seguito di controlli a campione ma, come avverte lo stesso avviso di richiamo del ministero della Salute, si invitano i consumatori che avessero già acquistato il lotto del prodotto interessato a non consumarlo e a riportare le confezioni al punto vendita d’acquisto.

Escherichia coli

Alcuni ceppi di E. coli, definiti "produttori di Shiga-Tossina", sono in grado di produrre tossine pericolose per la salute umana, inducendo una grave forma di diarrea emorragica. Una possibile complicazione a seguito di una infezione da STEC, frequente sopratutto nei bambini, è la sindrome emolitica-uremica, malattia che si caratterizza per una grave insufficienza renale acuta.

Commenti

mariod6

Dom, 29/07/2018 - 14:27

Il Ministero ritira dal commercio un lotto di formaggio forse portatore di Escherichia Coli. Pensate cosa succede con gli alimentari importati dall'Asia tutta, dove un controllo sanitario non esiste nemmeno sulla carta !!!!!

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 29/07/2018 - 15:33

tutto ciò che arriva dalla Cina e dintorni ha avuto a suo tempo il benestare del governo ex PD e è difficile cancellarlo, in quanto sono stati pagati altissime prebende ai vari compagni