Espulso ad Agrigento girovagava per Milano: arrestato marocchino

Il giovane marocchino, già colpito da ordine di espulsione ad Agrigento, è stato arrestato a Milano per aggressione a pubblico ufficiale

Non è bastata la sentenza di espulsione ad Agrigento emessa nel lugio 2017 a far sì che un marocchino di venti anni si allontanasse dal nostro paese, infatti ben un anno e mezzo più tardi è stato nuovamente arrestato a Milano, con l'accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Come molto spesso accade, le sentenze emesse dai giudici non vengono rispettate o, altrimenti, i rimpatriati trovano il modo di tornare nel nostro bel paese, in questo caso in città completamente diverse, questo marocchino infatti è passato da Agrigento dove appunto era stato condannato ed espulso per reati di spaccio, a Milano.

Qui, come riporta il quotidiano online "MilanoToday", è stato fermato ieri sera intorno alle 21,30 per un banale controllo da una volante della polizia, ma alla richiesta degli agenti di mostrare i documenti il marocchino si è dato alla fuga. Una volta raggiunto ha aggredito i poliziotti tanto che uno degli agenti è poi finito in ospedale, al Gaetano Pini, con una frattura a un polso.

Quando è stato perquisito gli hanno trovato addosso un coltellino, due cellulari e 1500 euro in contanti, dati i suoi precedenti è probabile che quei soldi fossero proventi dello spaccio di stupefacenti.

Dopo l'arresto il giovane è stato portato in questura dove è emerso che su di lui gravava già il decreto di espulsione, si spera quindi che la polizia non si ritrovi a doverlo arrestare una terza volta in una città diversa, ma che stavolta venga espulso davvero.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mariod6

Lun, 17/12/2018 - 17:05

Questa è l'efficienza dei magistrati che emettono un provvedimento di espulsione e poi sperano che il pezzente se ne vada per conto suo. Questi parassiti vanno espulsi e tenuti in galera fino alla partenza della nave o dell'aereo e devono viaggiare ammanettati ai sedili fino all'arrivo.

Giorgio5819

Lun, 17/12/2018 - 18:10

Magari da oggi in avanti, un controllo serio sull'esecuzione delle espulsioni eh !? Dai che con un pò di serietà riusciamo a ripulire l'Italia...

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/12/2018 - 10:51

avrà sentito che milanistan è la città dove si può integrare meglio!