Festeggiano la fine della scuola con un tuffo nel lago: muore a 15 anni

Il 15enne originario del Ghana muore dopo un tuffo nel Lago di Como. Inutili i soccorsi chiamati dagli amici

Non ce l'ha fatta. È morto il ragazzo di 15 anni che a Como si era gettato nel lago dal pontile di viale Geno. Il giovane studente aveva deciso di festeggiare così, insieme ad alcuni compagni, la conclusione dell'anno scolastico. Dopo il tuffo, però, non è riemerso dall'acqua. I soccorsi lo hanno recuperato a nove metri di profondità in arresto cardiaco, ma il volo in elisoccorso all'ospedale di Bergamo non gli ha salvato la vita. Il 15enne, apparso si da subito in gravissime condizioni, è morto dopo poche ore di agonia.

Secondo quanto emerso dalle prima indagini della polizia, il ragazzino sarebbe andato al pontile intorno alle 13. Forse un modo per celebrare la fine delle lezioni scolastiche. Il tutto nel lago però gli è stato fatale. Gli amici non lo hanno visto riemergere ed hanno chiamato immediatamente i soccorsi. Che però si sono rivelati inutili.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Sab, 08/06/2019 - 08:58

Claudio Cartaldo non riferisce l'informazione chiave per comprendere l'accaduto, ovvero, il ragazzino è annegato perché non sapeva nuotare. Scrivere di arresto cardiaco significa forviare il lettore. E' chiaro che un decesso, per qualsiasi causa, comporti un arresto cardiaco!